home search menu
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Giurisprudenza e documenti
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio direttivo della Scuola forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi

1. Con la sentenza che si annota la Corte ha affermato il seguente principio di diritto:

«Il giudice per le indagini preliminari, una volta emesso il decreto penale di condanna, si spoglia dei poteri decisori sul merito dell'azione penale e non può, quindi, a seguito di opposizione, operare alcuna modifica del capo di imputazione, anche se quello contenuto nel decreto, per mero errore, riporti una contestazione del tutto diversa da quella contenuta nella richiesta del P.M.; è nullo il decreto penale, emesso in assenza dell'iniziativa del pubblico ministero nell'esercizio dell'azione penale, ove esercitata per un fatto del tutto diverso, in quanto emesso in violazione dell'art. 178, comma 1, lett. b) cod. proc. pen. e tale nullità si trasmette a tutti gli atti conseguenti a norma dell'art. 185 cod. proc. pen.».

2. In particolare nella specie era accaduto questo.

Il pubblico ministero chiedeva al giudice per le indagini preliminari l'emissione di un decreto penale di condanna nei confronti dell'imputata per avere detenuto per la vendita prodotti caseari in stato di cattiva conservazione.

Il gip, nell'emettere il decreto penale di condanna, indicava un'imputazione diversa da quella contenuta nella richiesta del pm, contestando erroneamente la detenzione per la vendita di prodotti ittici sotto sale in cattivo stato di conservazione.

A seguito dell'opposizione al decreto penale, il gip, al fine di porre rimedio all'errore, emetteva il decreto di citazione a giudizio riportando in esso l'imputazione esatta, coincidente con quella che era stata originariamente formulata dal pm con la propria richiesta di decreto penale.

Nelle fasi preliminari al dibattimento, la difesa eccepiva la nullità del decreto di citazione «attesa la difformità della contestazione in fatto in esso contenuta rispetto alla contestazione in fatto contenuta nel decreto penale opposto».

Il tribunale rigettava l'eccezione e, all'esito del giudizio, condannava l'imputata alla pena di euro 4.000 di ammenda.

Avverso tale sentenza, a mezzo di apposito ricorso, la difesa deduceva che doveva ritenersi erroneo il rigetto dell'eccezione, in quanto l'imputata aveva scelto il rito sulla base della imputazione contenuta nel decreto penale e, inoltre, dinnanzi alla diversa imputazione contenuta nel decreto di citazione, l'imputata non aveva neppure avuto la possibilità di esercitare la facoltà di chiedere i riti alternativi.

3. La Corte, condividendo la tesi difensiva, accoglie il ricorso articolando il seguente ragionamento.

In primo luogo, la Corte tiene a precisare che l'imputazione risultante dal decreto penale deve restare ferma, atteso che è proprio sulla base di tale contestazione che l'imputato e il suo difensore, entro un termine ristretto, previsto a pena di decadenza, decidono se restare acquiescenti al decreto, oppure, presentare opposizione chiedendo l'oblazione o un eventuale rito alternativo o il dibattimento.

In secondo luogo, la Corte ricorda, evocando un precedente arresto delle Sezioni unite [1], che il gip, una volta emesso il decreto penale, si spoglia di ogni potere decisorio sul merito dell'azione penale, «incombendo sullo stesso, ove sia proposta opposizione, esclusivamente poteri-doveri di propulsione processuale», sulla base delle scelte fatte dall'opponente [2].

Alla luce di quanto sopra, la Corte conclude affermando che il decreto penale «funge sostanzialmente da atto di introduzione del giudizio conseguente all'opposizione e l'imputazione non può che essere quella risultante dal decreto penale».

Diversamente da quanto è accaduto nella specie, invece, in cui il gip ha riportato nel decreto di citazione, emesso a seguito dell'opposizione, un'imputazione differente da quella inserita, per un mero errore materiale, nel decreto penale opposto, così determinando l'invalidità della citazione a giudizio a causa dell'omessa enunciazione del fatto in forma chiara e precisa, ai sensi del combinato disposto degli artt. 456, comma 1, 429 comma 1 lett. c) e comma 2, cpp [3].

Ma non solo.

Il gip, inserendo nel decreto penale un'imputazione diversa da quella formulata dal pm, ha agito in assenza dell'iniziativa di quest'ultimo nell'esercizio dell'azione penale, in spregio all'art. 178, comma 1, lett. b), cpp, con la conseguenza che il decreto penale deve ritenersi invalido, poiché inficiato da una nullità assoluta e rilevabile di ufficio in ogni stato e grado del procedimento, con conseguente invalidità derivata degli atti consecutivi in forza dell'art. 185 cpp.

La Corte, dunque, conclude fissando il principio che è stato richiamato testualmente in apertura, dichiarando la nullità del decreto penale e di tutti gli atti successivi, in modo da consentire al gip di emettere un nuovo decreto penale corrispondente alla richiesta del pm.

La sentenza in esame è in linea con altre decisioni di analogo tenore e si lascia apprezzare per l'estremo rigore con cui viene censurata l'inosservanza di norme processuali previste a pena di nullità [4].

4. La questione, però, è anche stata affrontata e decisa in termini contrastanti, indubbiamente meno garantisti, da altre sentenze della Corte di cassazione.

Ad esempio, con l'arresto n. 38435/08, la Corte ha affermato che il decreto penale, una volta opposto, non è più in grado di esplicare, in quanto soggetto a revoca, alcun effetto, con la conseguenza che sarebbe abnorme il provvedimento con cui il giudice del dibattimento, ravvisandone ormai la irrilevante nullità, disponesse la restituzione degli atti facendo regredire il procedimento [5].

Con l'arresto n. 44565/10, la Corte ha stabilito che la dichiarazione di opposizione al decreto penale, che introduce un giudizio immediato, abbreviato o di patteggiamento, esita in un giudizio che deve essere considerato «del tutto autonomo e non più dipendente dal decreto penale di condanna che, in ogni caso, ai sensi dell'art. 464 cpp, comma 3, ult. parte, viene revocato» [6].

In questo senso si è pure precisato che il decreto penale di condanna, una volta che viene revocato, è da considerare come non più esistente, per cui, pur in presenza di cause di nullità del decreto opposto, un'eventuale sua declaratoria di nullità sarebbe inutiliter data [7].

Come si può vedere, dunque, il principio formulato con la sentenza annotata non parrebbe essere unanimemente condiviso in seno alla giurisprudenza di legittimità e, forse, richiederebbe l’intervento chiarificatore e risolutivo delle Sezioni unite.

 



[1] Cass. Pen., Sez. unite, Sent. 25 marzo 2010 (dep. 4 giugno 2010), n. 21243, Pres. Gemelli, Rel. Conti.

[2] Conseguentemente, in caso di opposizione, a seconda delle opzioni formulate dall'opponente, il giudice potrà emettere decreto di giudizio immediato ovvero provvedere agli adempimenti connessi alla richiesta di giudizio abbreviato o di applicazione di pena ex art. 444 cpp o di oblazione; in caso di inerzia, invece, o di opposizione inammissibile, il giudice potrà ordinare l'esecuzione del decreto di condanna.

[3] Secondo la Corte si tratta di una nullità relativa, che il difensore nella specie aveva tempestivamente eccepito entro il termine decadenziale di cui all'art. 491, comma 1, cpp, ossia subito dopo il compimento delle formalità relative alla costituzione delle parti.

[4] Conformi sono Cass. Pen. Sez. 3, Sent. 10 ottobre 2017 (dep. 12 gennaio 2018), n. 912, Pres. Savani, Rel. Di Stasi; Cass. Pen. Sez. 1, Sent. 24 settembre 2012 (dep. 31 ottobre 2012), n. 42467, Pres. Chieffi, Rel. Rocchi.

[5] Cass. Pen. Sez. 1, Sent. 16 settembre 2008 (dep. 9 ottobre 2008), n. 38435, Pres. Mocali, Rel. Giordano;

[6] Cass. Pen. Sez. 1, Sent. 25 novembre 2010 (dep. 20 dicembre 2010), n. 44565, Pres. Silvestri, Rel. Iannelli. Conf., pure, Cass. Pen. Sez. 1, Sent. 31 maggio 2013 (dep. 23 luglio 2013), n. 32028, Pres. Siotto, Rel. Locatelli; Cass. Pen. Sez. 1, Sent. 5 dicembre 2012 (dep. 27 maggio 2013), n. 22710, Pres. Zampetti, Rel. Tardio.

[7] In particolare, su questo specifico punto, si veda la già citata Cass. Pen. Sez. 1, Sent. 5 dicembre 2012 (dep. 27 maggio 2013), n. 22710, Pres. Zampetti, Rel. Tardio.

19 ottobre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Dalla legittima difesa all’offesa legittimata? Ragioni a confronto sulle proposte di modifica all’art. 52 cp
Dalla legittima difesa all’offesa legittimata? Ragioni a confronto sulle proposte di modifica all’art. 52 cp
di Gaetano Insolera
L'attuale disciplina scriminante della legittima difesa cd. domiciliare non presenta limiti tali da imporne un “potenziamento”. La questione della riforma della legittima difesa è posta al servizio di un marketing elettorale che si vuole permanente e la strumentalità mercantilistica della proposta si colloca in un più generale progetto politico liberticida in contrasto con i fondamenti dello Stato costituzionale di diritto
21 gennaio 2019
«Al privato onesto un’arma legittima». Una genealogia della legittima difesa a tutela del patrimonio nel sistema giuridico italiano
«Al privato onesto un’arma legittima». Una genealogia della legittima difesa a tutela del patrimonio nel sistema giuridico italiano
di Domenico Siciliano
Il diritto penale liberale del XIX secolo considera legittima solo la difesa dei beni personali, e non della mera proprietà. Tale paradigma, prima criticato dalla Scuola Positiva e poi accantonato dalla penalistica fascista a favore di una concezione della difesa legittima di ogni diritto, anche della proprietà, viene difeso dalla Cassazione nel corso della discussione del Progetto del Codice Rocco
14 gennaio 2019
Quale processo penale?
Quale processo penale?
di Marco Patarnello
Nel corso del 2017 in seno a Md si è discusso molto intorno al processo penale, con l’obiettivo di disegnare un possibile intervento riformatore, finalizzato a coniugare efficienza e garanzie. Con poche mosse radicali, a quadro costituzionale invariato e praticamente senza investimenti economici, si può, forse, provare a spezzare il cerchio e ripartire
11 gennaio 2019
Fuori dalla legittima difesa
Fuori dalla legittima difesa
di Massimo Michelozzi
La nuova riforma della legittima difesa ha l’obiettivo di arrivare alla libertà di autotutela in ambito domiciliare e alla “garanzia” di non essere sottoposti a giudizio ma solo a indagini preliminari dall’esito scontato. Subordinando il diritto alla vita alla tutela incondizionata del domicilio, sovverte la gerarchia dei valori tutelati dalla Costituzione e dalla Cedu e produce rilevanti rischi sociali
9 gennaio 2019
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
di Silvia Massimi
La complessità delle norme in materia di terre e rocce da scavo è il paradigma di come il susseguirsi di regole e deroghe da fonti di diverso livello, rischi di compromettere la funzione del diritto penale in materia di tutela dell’ambiente
14 dicembre 2018
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
Responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato?
di Enrico Scoditti
È stata rimessa alle Sez. unite della Cassazione la questione della responsabilità civile del magistrato per inosservanza di orientamento giurisprudenziale consolidato. Nello scritto si propone di interpretare «violazione manifesta della legge» in termini di travisamento linguistico della disposizione o di fatto accertato ma rimasto privo di effetti giuridici nonostante l’esistenza di previsione legislativa
10 dicembre 2018
Il trattenimento amministrativo dello straniero nei Centri per i rimpatri non può avere finalità di prevenzione e di ordine pubblico, pena la sua radicale illegittimità
Cassazione, i principi fondamentali di disciplina dell’assegno di divorzio: libertà, autoresponsabilità e pari dignità *
di Marzia Di Bari
L’interpretazione dell’assegno divorzile, accolta dalle Sezioni Unite (sent. n. 18287/2018), alla luce dei principi costituzionali di libertà, autoresponsabilità e pari dignità, quale strumento di tutela dell’affidamento dei coniugi nel momento dello scioglimento del vincolo, autorizza la lettura del principio europeo di responsabilità in termini di reciprocità e determina il superamento delle criticità insite nell’orientamento inaugurato dalle Sezioni semplici della suprema Corte
4 dicembre 2018
Nella “fedeltà” del lavoratore subordinato il rimosso di un rapporto giuridico
Questione penale e politiche penitenziarie, i documenti dell’Associazione italiana dei professori di diritto penale
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Giurisprudenza e documenti
Open Arms: l’avviso di conclusione indagini. Se la disobbedienza diventa violenza…
Open Arms: l’avviso di conclusione indagini. Se la disobbedienza diventa violenza…
di Andrea Natale
Riflessioni sull'avviso di conclusione delle indagini della Procura di Ragusa nei confronti di Open Arms e sulla funzione del diritto e del processo penale
18 dicembre 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
Terre e rocce da scavo e antinomie normative. Nota a Tribunale Pesaro, sentenza n. 259, 4 maggio 2018
di Silvia Massimi
La complessità delle norme in materia di terre e rocce da scavo è il paradigma di come il susseguirsi di regole e deroghe da fonti di diverso livello, rischi di compromettere la funzione del diritto penale in materia di tutela dell’ambiente
14 dicembre 2018
Cassazione, i principi fondamentali di disciplina dell’assegno di divorzio: libertà, autoresponsabilità e pari dignità *
di Marzia Di Bari
L’interpretazione dell’assegno divorzile, accolta dalle Sezioni Unite (sent. n. 18287/2018), alla luce dei principi costituzionali di libertà, autoresponsabilità e pari dignità, quale strumento di tutela dell’affidamento dei coniugi nel momento dello scioglimento del vincolo, autorizza la lettura del principio europeo di responsabilità in termini di reciprocità e determina il superamento delle criticità insite nell’orientamento inaugurato dalle Sezioni semplici della suprema Corte
4 dicembre 2018
Migranti e traffico illecito di rifiuti
Migranti e traffico illecito di rifiuti
di Gianfranco Amendola
Prime note a caldo su un caso anomalo
29 novembre 2018
Nella “fedeltà” del lavoratore subordinato il rimosso di un rapporto giuridico
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
di Elena Nadile
Commento a Cass., Sez. unite, sentenza 21 giugno 2018, n. 40983: un vero vademecum per il calcolo della pena
16 ottobre 2018