home search menu
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
Giurisprudenza e documenti
Reato di scarico di acque reflue industriali oltre i limiti tabellari: metodiche di campionamento e punto di prelievo
di Federico Piccichè
avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio direttivo della Scuola forense di Monza
Nota a Trib. Monza, sent. 19 ottobre 2017 (dep. 1 dicembre 2017), n. 2699

1. L’interessante sentenza, che si annota, ha riguardato un caso in cui l’imputato, nella sua veste di amministratore unico di una società dell’hinterland milanese, è stato chiamato a rispondere del reato di cui all’art. 137, comma cinque, d.lgs n. 152/06, perché, nell’effettuazione di uno scarico in rete fognaria di acque reflue industriali derivanti dalle lavorazioni di tintoria e finissaggio dei tessuti, aveva superato i valori limite fissati nella tabella 3 dell’allegato 5 alla parte terza del predetto decreto.

In particolare, in occasione di un controllo, veniva accertata una concentrazione di rame di 0,60 mg/l, a fronte di un limite tabellare di 0,40 mg/l.

2. Il giudice per meglio inquadrare sul piano giuridico la vicenda, anche avvalendosi dell’apporto di un’articolata consulenza tecnica di parte, si è soffermato preliminarmente sulle principali caratteristiche strutturali dello stabilimento presso cui è stato effettuato l’accertamento e sulle diverse metodiche di campionamento delle acque reflue industriali, che vengono generalmente adottate nelle attività di controllo di conformità degli scarichi.

Più in dettaglio, quanto allo stabilimento, il giudice ha constatato che esso si componeva di due distinte unità produttive, cui facevano capo due apposite reti fognarie, che, prima del loro ingresso nella pubblica fognatura, attraverso due percorsi autonomi e indipendenti, si ricongiungevano in un’unica vasca di raccolta, all’interno della quale confluivano le acque reflue provenienti dalle due unità produttive sopra menzionate.

Quanto alle metodiche di campionamento, invece, il giudice ha osservato che il campionamento può essere di tipo istantaneo, laddove venga eseguito una sola volta su un unico campione di acque di scarico, oppure, di tipo medio composito, laddove vengano prelevati più campioni di acque reflue in un arco temporale della durata minima di tre ore sino ad un massimo di sei, dodici o ventiquattro ore, a seconda delle caratteristiche della lavorazione svolta.

Su quest’ultimo punto, in particolare, il giudice, prendendo spunto dal par. 1.2.2 dell’all. 5 alla parte terza del decreto sopra menzionato, ha cura di sottolineare che «in mancanza di diverse indicazioni opportunamente riportate e motivate sull’autorizzazione allo scarico, il campione rappresentativo del refluo sottoposto ad analisi deve essere un campione medio composito prelevato in un intervallo di tempo minimo di tre ore», con la conseguenza che deve considerarsi del tutto eccezionale il campionamento istantaneo per la cui effettuazione, invece, devono sussistere «particolari e motivate esigenze espressamente specificate nel verbale di accertamento».

3. Oltre a questo il giudice, anche sulla scorta di alcuni importanti arresti della giurisprudenza di legittimità, ha rimarcato l’importanza della corretta scelta del punto esatto nel quale il prelievo del refluo deve essere effettuato.

A tal proposito, il giudice, richiamando l’art. 108, comma cinque, d.lgs n. 152/2006, ha affermato che «il campionamento del refluo industriale, al fine di accertare il reato di superamento dei parametri tabellari, deve essere eseguito, in caso di confluenza tra acque di processo ed acque di diluizione, sullo scarico proveniente dal ciclo lavorativo e non sullo scarico finale», atteso che il risultato che si otterrebbe prelevando dallo scarico finale potrebbe non essere genuino, se all’interno di esso vi confluisce, come è avvenuto appunto nel caso di specie, «un misto di acque reflue provenienti anche da altre unità produttive».

4. Ciò premesso, sulla base di tali risultanze, il Tribunale di Monza ha dedotto che l’organo accertatore avesse violato le prescrizioni normative previste in materia.

Nella specie, infatti, il Tribunale ha constatato che, nella fase del prelievo, era stato posto in essere un campionamento di tipo istantaneo ed era stato scelto come punto da cui effettuare il prelievo la vasca finale di raccolta e, cioè, il luogo in cui confluivano i reflui provenienti dalle due unità produttive componenti lo stabilimento.

Da questo il Tribunale ha rilevato il mancato rispetto delle modalità di campionamento previste dalla legge, innanzitutto perché non erano state indicate le ragioni per cui si era optato per un prelievo istantaneo in luogo di quello medio composito [1], che sarebbe stato invece il più idoneo a rappresentare lo scarico alla luce delle condizioni concrete del procedimento produttivo e, poi, perché si era individuato come punto per l’effettuazione del prelievo la vasca finale di raccolta, in cui confluivano le acque provenienti dalle due diverse unità produttive, anziché «il tratto intermedio precedente al ricongiungimento delle acque nella vasca di raccolta e riconducibile alla singola unità produttiva».

5. Il giudice ha inoltre aggiunto, con una motivazione dall’incedere sempre più serrato, che non si era dato il giusto peso all’estrema variabilità del processo di tintoria, alle marcate oscillazioni, verificate in occasione dei controlli eseguiti negli anni precedenti, del valore del rame e allo scarto estremamente esiguo tra il risultato dell’analisi pari a 0,60 mg/l e il massimo tabellare previsto dalla legge pari a 0,40 mg/l [2].

6. Sulla scorta di quanto sopra esposto, il Tribunale ha concluso ritenendo che l’accertamento eseguito presso lo stabilimento dell’imputato dovesse essere notevolmente riconsiderato nella sua valenza probatoria, in quanto «la concentrazione di rame riscontrata ben avrebbe potuto essere differente (e, dunque, anche sotto soglia) laddove fosse stato posto in essere il più opportuno campionamento medio composito; metodica che – giova ancora una volta ricordarlo – costituisce la regola ai sensi del par. 1.2.2 dell’all. 5 alla III parte del d.lgs. n. 152/2006» [3].

7. Sul finire della sentenza, però, per una maggiore completezza, il giudice va oltre e afferma che, se anche le modalità di campionamento e il punto di prelievo fossero stati corretti, non si sarebbe potuto pervenire a conclusioni diverse, difettando nel fatto contestato, secondo una lettura della norma incriminatrice costituzionalmente orientata, «il requisito oggettivo dell’offesa (sub specie di messa in pericolo) del bene giuridico tutelato (l’ambiente)».

Al riguardo il giudice premette che la fattispecie contestata all’imputato rappresenta sostanzialmente un reato di pericolo concreto [4].

Conseguentemente il semplice superamento dei limiti tabellari non è sufficiente a rendere il fatto penalmente rilevante, se da tale superamento non derivi una concreta ed effettiva minaccia per il bene giuridico presidiato dalla norma incriminatrice.

Orbene, nel caso di specie, come si è già detto, il Tribunale ha constatato che, in sede di controllo, a fronte di un limite tabellare massimo di 0,40 mg/l della sostanza “rame”, si è accertato un valore di poco superiore pari a 0,60 mg/l, e, dunque, uno scarto troppo esiguo per poter realizzare «una concreta messa in pericolo del bene giuridico tutelato dall’art. 137, co. 5 d.lgs. n. 152/2006».

Sulla base di tutte queste argomentazioni, pertanto, il Tribunale di Monza ha deciso di assolvere l’imputato per l’insussistenza del fatto.

 


[1] Nel corso dell’istruttoria era emerso che il controllo mediante campionamento istantaneo era stato eseguito, nonostante le condizioni reali dello scarico su cui si operava, “a fini tariffari”.

[2] Secondo il giudice l’estrema esiguità dello scarto avrebbe, già di per sé, dovuto indurre «all’effettuazione di un campionamento medio composito al fine di rendere l’analisi chimica realmente rappresentativa della composizione degli scarichi stessi».

[3] In effetti la giurisprudenza di legittimità ha specificato che «la metodica normale è quella del campionamento medio … in quanto è consentito all’organo di controllo procedere con modalità diverse di campionamento, anche istantaneo, qualora ciò sia giustificato da particolari esigenze» (cfr. Cass., Sez. 3, 1296 del 10 marzo 2016 – dep. 12 gennaio 2017, citata nella sentenza in commento).

[4] Da notare, invece, che la Cassazione, almeno in un’occasione, si è limitata a sostenere che il reato de quo costituisca una fattispecie di pericolo astratto (cfr. Cass., Sez. 3, 24426 del 25 maggio 2011 – dep. 17 giugno 2011). Da questo punto di vista, è senza dubbio meritorio che il giudice monzese, nella specie, abbia interpretato la norma di cui all’art. 137, comma cinque, d.lgs n. 152/2006, secondo una lettura costituzionalmente orientata, stante l’irrisoria eccedenza rispetto ai parametri tabellari accertata durante l’attività di campionamento.

28 marzo 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
Imputabilità: esigenza di maggiore linearità nelle prassi applicative degli articoli 97 e 98 del codice penale
di Ennio Tomaselli
Partendo da casi di cronaca, si approfondiscono problematiche sulla valutazione giurisprudenziale dell’imputabilità ex art. 98 cp, anche alla luce di dati statistici recenti. Si discute, in particolare, della correttezza formale e dell’opportunità, rispetto anche ad esigenze di chiarezza e credibilità dell’agire istituzionale, di pronunce dichiarative di non imputabilità in concreto non precedute da una valutazione collegiale e specializzata. Si segnala anche recente giurisprudenza di legittimità relativa agli infraquattordicenni, non imputabili ex lege, e si conclude sottolineando l’importanza che la giurisprudenza in questa materia, cruciale sul piano concettuale e sistematico, sia sempre più coerente con l’esigenza di una giustizia comunque a misura delle persone di minore età.
27 marzo 2018
Parole che smuovono le pietre
Parole che smuovono le pietre
di Caterina Bubba
A tre anni dalla sua uscita, Fine pena: ora di Elvio Fassone − il libro che racconta il carteggio ultredecennale tra un ergastolano e il suo giudice − è diventato uno spettacolo teatrale. Le sue pagine continuano ad agitare le nostre coscienze, emozionandoci e ponendo questo quesito: «Come conciliare la domanda di sicurezza sociale e la detenzione a vita con il dettato costituzionale del valore riabilitativo della pena, senza dimenticare l’attenzione al percorso umano di qualsiasi condannato»? Un interrogativo che coinvolge il nostro Paese in un momento storico in cui la riforma penitenziaria è stata finalmente approvata dal Consiglio dei ministri il 16 marzo 2018, anche se il suo iter non si è ancora concluso.
17 marzo 2018
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
Misure di prevenzione personali e presunzione semplice di attualità della pericolosità sociale nei confronti di condannati per mafia
di Roberto Le Pera
Nota a margine del decreto emesso, ai sensi dell’articolo 11 del d.lgs 159/2001, dal Tribunale di Cosenza, sezione Misure di prevenzione, n. 618/17 RPCC, depositato il 15 febbraio 2018. Prime applicazioni di merito dei principi enunciati dalla suprema Corte a Sezioni unite con la pronuncia n. 111/2018: «A fronte di misure di prevenzione richieste o applicate nei confronti di indiziati di appartenere ad associazioni di tipo mafioso è necessario accertare il requisito dell’attualità della pericolosità del soggetto per l’applicazione o il mantenimento della misura, senza che sia possibile una presunzione di pericolosità legata alla passata partecipazione ad un gruppo associativo suscettibile di essere vinta solo in caso di dimostrazione di un formale recesso dal gruppo medesimo»
13 marzo 2018
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
Una pena clemente. Qualche riflessione in materia di umanità penitenziaria*
di Davide Galliani
Una pena che distrugge e annienta una persona non è pensabile. E ciò che non è pensabile non è nemmeno giuridico. A questo serve la clemenza: a togliere di mezzo dal mondo del diritto l’inimmaginabile, il non pensabile, che ancora accade nei nostri penitenziari.
8 marzo 2018
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 4, Sent. 15 dicembre 2017 (dep. 11 gennaio 2018), n. 832, Pres. Di Salvo, Rel. Picardi
20 febbraio 2018
Dj Fabo: la Corte d’assise di Milano solleva una questione davanti alla Corte costituzionale*
Dj Fabo: la Corte d’assise di Milano solleva una questione davanti alla Corte costituzionale*
di Francesca Paruzzo
Contrasto tra la disposizione dell’art. 580 cp e, da un lato, gli artt. 3, 13 primo comma e 117 primo comma Cost. – in relazione, quest’ultimo, agli artt. 2 e 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo – e, dall’altro, gli artt. 3, 13, 25 secondo comma e 27 terzo comma Cost.
16 febbraio 2018
Articolo 131-<i>bis</i> codice penale e giudice di pace
Articolo 131-bis codice penale e giudice di pace
di Elena Nadile
Le Sezioni unite sanciscono l'inapplicabilità della causa di non punibilità con riferimento ai reati appartenenti alla competenza del giudice di pace
23 gennaio 2018
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
di Raffaello Magi
Una riflessione sulle proposte “riduzionistiche” del ricorso alla suprema Corte in materia penale
17 gennaio 2018
Newsletter


Fascicolo 4/2017
L’orgoglio dell’autogoverno
una sfida possibile per i 60 anni del Csm
Giurisprudenza e documenti
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
di Marco Patarnello
Pur nella difficoltà di trovarsi al centro del Mediterraneo nel disinteresse molto interessato del resto d’Europa e nella preoccupazione di divenire la meta di ogni migrante, con la decisione del gip di Ragusa l’Italia si sforza di non interrompere il collegamento fra diritto e umanità.
19 aprile 2018
Processo Cappato, tra diritto di morire e reato di aiuto al suicidio. La questione è rimessa alla Corte costituzionale
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
Campi libici, l'inferno nel deserto. La sentenza della Corte di assise di Milano
La qualità delle indagini e della loro resa dibattimentale, insieme alla ritenuta credibilità delle dichiarazioni delle persone offese, ha confermato, secondo i giudici dell’assise, un contesto di privazione della libertà dei migranti e di violenze di ogni tipo che scolpisce una realtà che per la sorte dei diritti umani è fondamentale non ignorare.
3 aprile 2018
Il sequestro della nave Open Arms: è reato soccorrere migranti in pericolo di vita?
Il sequestro della nave Open Arms: è reato soccorrere migranti in pericolo di vita?
di Simone Perelli
Dopo l’intervento del gip di Catania che ha escluso il fumus dell’associazione per delinquere nei confronti degli appartenenti alla ong Open Arms, è importante interrogarsi sulla sussistenza del reato di cui all’art. 12, comma 3, d.lgs 286/98: è configurabile nei confronti dei volontari che partecipano alle operazioni di soccorso se non concorrono nelle azioni delittuose dei trafficanti che caricano i migranti sui gommoni? La risposta negativa è preferibile per l’operatività della causa di giustificazione.
31 marzo 2018
Concorrenza tra banche e diffusione di informazioni denigratorie e vere
Concorrenza tra banche e diffusione di informazioni denigratorie e vere
di Aldo Angelo Dolmetta
Prendendo spunto da un caso contenzioso, in cui una banca aveva agito per ottenere il risarcimento del danno derivante dalla condotta di una sua concorrente, che aveva diffuso in una propria pubblicazione periodica il suggerimento di non partecipare all’aumento di capitale della prima (comportamento che la banca attrice qualificava come atto di concorrenza sleale ex art. 2598 cc), il contributo analizza la rilevanza attuale dell’exceptio veritatis quale presupposto di liceità della diffusione al pubblico, da parte di un’impresa, di informazioni denigratorie su un proprio concorrente. In particolare, lo scritto evidenzia la progressiva apertura del diritto vivente verso l’attribuzione di un effetto scriminante alla verità della notizia denigratoria; apertura che però continua a intendere il fatto denigratorio tra concorrenti come dotato di rilevanza meramente negativa (come elemento, cioè di esclusione dell’antigiuridicità di una condotta in sé disapprovata), e non già – ciò che invece si auspica – come dinamica fisiologica e approvata dall’ordinamento, nella prospettiva della promozione di un superiore livello di trasparenza del sistema finanziario.
26 marzo 2018
Il corpo del magistrato e il corpo del migrante: “un dilemma italiano”?
Il corpo del magistrato e il corpo del migrante: “un dilemma italiano”?
di Alessandro Simoni
Due documenti, il sequestro della nave della ong ProActiva Open Arms, e il “protocollo sezione immigrazione” sottoscritto a Venezia tra il presidente dell'Ordine degli avvocati e la presidente del Tribunale, pur nella loro diversità, sembrano entrambi dare conto della difficoltà, per non pochi magistrati, di avvertire i migranti come parte di una medesima umanità
21 marzo 2018