home search menu
“Quattro anni a Palazzo dei Marescialli. Idee eretiche sul Consiglio Superiore della Magistratura”
Magistratura e società
“Quattro anni a Palazzo dei Marescialli. Idee eretiche sul Consiglio Superiore della Magistratura”
di Bruno Capponi
ordinario di diritto processuale civile, Università Luiss Guido Carli
La recensione al volume di Aniello Nappi (Aracne editrice, 2014)
“Quattro anni a Palazzo dei Marescialli. Idee eretiche sul Consiglio Superiore della Magistratura”

Il libro di Aniello Nappi sulla sua esperienza di togato eletto al Csm (2010-2014) è di quelli difficili da classificare. Apparso nel dicembre 2014 (Aracne editrice), non sembra aver avuto, almeno sinora, un riscontro adeguato[1]. La ragione è forse nel sottotitolo («idee eretiche», che per definizione isolano l’autore senza porlo al centro d’una discussione) o forse proprio nell’argomento in sé: che scuote le coscienze di noi giuristi (e non solo) dinanzi al baratro di doversi dichiarare pro o contra un’istituzione che, lo si ammetta o no, rappresenta un idolum.

Ennio Flaiano gli avrebbe certamente imposto il titolo Un marziano al Csm, ricordando scanzonatamente che nella nostra cultura, in cui anche i magistrati sono immersi, Calamandrei e Carnelutti inevitabilmente convivono con Totò e Peppino: soltanto la tragedia che evolve in farsa può spiegare gli episodi del procuratore all’extravergine[2] o del presidente “falsario”[3]. E che entrambi i magistrati non abbiano ricevuto le meritate sanzioni disciplinari (il primo per riconosciuta inidoneità del tentativo di corruzione, il secondo neppure incolpato) dice tutto sul sistema che tende a colpire i più giovani, i non schierati (una volta si sarebbe detto “i qualunquisti”), coloro che non hanno ancora tessuto quella fitta trama di amicizie e protezioni – dentro e fuori della magistratura – che sola consente di vivere tranquilli, nonostante il Csm. Ma non è questa una caratteristica esclusiva del Csm: anche nelle professioni, il controllo disciplinare è spesso ispirato alla logica del rispetto e del dispetto.

Sappiamo bene che l’istituzione non va confusa con le persone che, nel tempo, sono chiamate a incarnarla; spesso (sempre più spesso) in modo inadeguato[4]. È bene quindi non perdersi nei rivoli, a volte irresistibilmente grotteschi, delle vicende individuali rappresentate nell’inestinguibile teatro del Csm; ma, per la stessa ragione, non possiamo condividere l’idea (ingiusta e frettolosa) del prefatore Luciano Violante, secondo cui il problema dell’istituzione si identifica in quello dei magistrati segretari, «piccole catene clientelari che rafforzano il consenso elettorale». Non saranno certo una ventina di magistrati-mandarini, fedeli custodi e interpreti degli interna corporis, a far colare a picco l’istituzione sana: essi, semmai, ne sono al pari di altri vittima, sia pure del genere che tende a diventare carnefice del suo stesso simile. Del resto, quante carriere politiche sono nate nei corridoi, peraltro angusti, del Csm? Quanti magistrati hanno abbandonato la maschera del “tecnico” a Palazzo dei Marescialli e, magari senza rinunciare alla toga (e alle valutazioni di professionalità… senza funzioni!), hanno preferito la carriera politica, che dietro quella maschera si nascondeva?

Non è colpa dei magistrati segretari, che pure sono spesso la degenerazione dei magistrati-politici, se il Csm è il luogo ambiguo in cui la politica (spesso, la brutta politica) si mischia con l’istituzione “tecnica”. E il fatto che l’istituzione a ciò solo dedicata non abbia ancora trovato la forza di regolare i passaggi verso e dalla politica non può certo essere ascritto a suo merito.

Il libro di Nappi ci ricorda che il Csm è nato, dopo la tragedia del fascismo, per garantire l’autonomia e l’indipendenza della magistratura e dei singoli magistrati. Questi (ma anche altri pubblici funzionari vennero duramente colpiti dal regime) dovevano essere difesi principalmente dall’esecutivo, e quindi dalla politica; ciononostante, il Csm è nato quale organo dichiaratamente politico fin dalla sua composizione e lo stesso Nappi ripete più volte che il vice-presidente deve essere un politico di professione (con ogni implicazione possibile). Senonché, l’esperienza mostra il gigantesco inciucio che ogni quattro anni “istituzionalmente” si materializza allorché il Parlamento viene chiamato a designare i membri laici: perché uno soltanto avrà la caratura del vice-presidente e quell’uno dovrà avere il preventivo gradimento non soltanto dei gruppi parlamentari, ma anche dei gruppi dei magistrati-politici. La magistratura è stata difesa inoculandole il virus della politica, sino a fare del Csm (è la vulgata che ripete anche Violante) un “parlamentino”. Con una fondamentale differenza: mentre gli atti del Parlamento non si impugnano dinanzi al Tar del Lazio, quelli del Csm sì. Immancabilmente. E molto spesso il Tar – un pugno di magistrati che ha in pugno l’istituzione-idolum – annulla, concedendosi anche il lusso di «irridenti riferimenti»[5] perché la vita del Csm, come ricorda Nappi parafrasando il titolo di un celebre film di Bergman, si svolge preferibilmente nel “posto delle deroghe” (cap. I), ove prevale il “potere d’eccezione”[6]. Soltanto i giuristi sanno manipolare, storpiare e violare la legge scritta, e nel caso del Csm la particolarità è che spesso le regole violate (“derogate”, “eccepite”) sono proprio quelle che la stessa istituzione autonomamente si dà, impegnata com’è nella diuturna, incessante produzione di regole e sotto-regole che – ce lo conferma Nappi – costituiscono una prima barriera d’accesso, una selva inestricabile per i nuovi consiglieri i quali di necessità dovranno affidarsi ai prudentes segretari che saranno di conseguente necessità i domini occulti di tante pratiche, decisioni, motivazioni, delibere, raccomandazioni, risoluzioni, linee-guida. Così, ogni Csm nasce sotto il segno e il condizionamento della politica e della magistratura impelagata con la politica (una parte minoritaria e “professionalizzata” dell’ordine giudiziario: tanto da essere non infrequente che i consiglieri togati fruiscano di più mandati!) e la struttura del Csm, come qualsiasi altra struttura burocratica, anzitutto legittima e difende sé stessa.

Nappi osserva giustamente che la giurisdizione civile, con un evidente paradosso, non ha saputo assicurare la ragionevole durata neppure dei processi da irragionevole durata. Questo estremistico rilievo pone il problema delle effettive competenze del Csm, in un sistema che assegna all’istituzione la tutela (anche “burocratica”) dei magistrati e al Ministro della giustizia la responsabilità dei servizi e dei beni strumentali. Settant’anni dopo la Costituzione, ha ancora un senso una protezione della sola magistratura “specie protetta” rispetto a ogni altro “potere” senza implicazioni sull’organizzazione degli uffici e dei servizi e così, in definitiva, sull’esercizio della giurisdizione? Conserva ancora un senso un sistema nel quale – un esempio fra tanti, solo perché sovente se ne deve occupare la suprema Corte[7] – il magistrato “consegna” la sentenza nelle mani del cancelliere ma poi non si preoccupa se essa venga pubblicata e in che termine, o se venga pubblicata più d’una volta: e ciò perché l’uno “dipende” dal Csm (non è proprio così) e l’altro dal Ministero della giustizia, l’uno dipende da un dirigente magistrato e l’altro da un dirigente amministrativo? Quale professionista non risponde in prima persona dell’attività della struttura che lo supporta?

L’idolum, per meritare la venerazione unanime, dev’essere una casa di vetro. Lascia sgomenti ciò che Nappi denunzia circa l’esistenza di un protocollo riservato[8] di cui lui stesso, da consigliere, viene a conoscenza quasi a fine mandato e soltanto perché impegnato in una particolare ricerca documentale. L’istituzione del protocollo risale addirittura al 9 novembre 1981 (trentacinque anni!), ma è nascosta nella selva dei regolamenti, amministrata dalla casta dei segretari-mandarini, e tuttora esso sfugge a qualsiasi regolamentazione e controllo (anche da parte dei consiglieri in carica!). Non nascondo che questa rivelazione è stata, per me, la più impressionante tra le tante vicende interne riferite dall’autore.

Abbiamo detto in apertura che il libro di Nappi è di non facile classificazione. Ma è senz’altro un libro importante, tanto più quanto maggiore sia stato il silenzio che lo ha accompagnato.

Di qui un’ultima riflessione.

Esistono professioni delicate e non facili (diplomatici, prefetti, professori universitari, primari ospedalieri, giornalisti etc.) che non necessitano di un’istituzione di protezione (non se ne discusse neppure nel 1948). È questo un discorso che, per il semplice fatto di venire accennato, oltraggia intollerabilmente il nostro idolum? Molti di certo lo penseranno, ma dovranno al tempo stesso riconoscere che, come ammonisce Nappi, la magistratura ordinaria, ora come ora, dev’essere difesa non dall’esecutivo e in generale dal potere politico, ma semplicemente da sé stessa. Cioè dall’istituzione nata per proteggerla e che rischia invece di trascinarla nel suo proprio fallimento e nella propria completa delegittimazione, anche a fronte della massa degli stessi magistrati.

Nappi non è un distruttore, un alieno, un giapponese che combatte una guerra già finita a sua insaputa: è un magistrato (dal 1972) con un forte senso dell’istituzione e che perciò si preoccupa anche di suggerire rimedi (cap. III, che ancora presenta un titolo tratto dal repertorio cinematografico: Ritorno al futuro). Ma si tratta di rimedi, come quello dei concorsi aperti (chi li gestirà?), concepiti nella logica interna all’istituzione; mentre forse è proprio quella logica che meriterebbe di essere totalmente ripensata. Perché, finito il tempo della protezione dei soli magistrati, che attualmente debbono proteggere loro stessi (non con un apparato dedicato ma) con la professionalità e l’impegno nell’esercizio della giurisdizione, o il Csm si occuperà a tutto tondo di questo esercizio anche regolando i confini con altre istituzioni concorrenti, o non troverà più giustificazione il suo (non) funzionamento. Che peraltro – aspetto che Nappi non accenna, me che ha il suo pacifico rilievo – presenta un costo per la collettività che, in tempi di crisi, rischia di essere presto messo in discussione proprio dalla politica meno compromessa col potere.



[1] Vds. però A. Bevere, Se la lottizzazione diventa magistratura, Il Manifesto, 15 luglio 2015.

[2] A. Nappi, Quattro anni a Palazzo dei Marescialli, Aracne editrice, 2014, p. 81, nota 21.

[3] Quattro anni, cit., pp. 144-146.

[4] Sintomatica la vicenda Brigandì, che conobbe anche un passaggio al Tar Lazio: Quattro anni, cit., pp. 93 ss.

[5] Quattro anni, cit., p. 78; vds. anche pp. 84 ss.

[6] Quattro anni, cit., pp. 63 ss.

[7] Vds., da ultimo e per riferimenti, F. Auletta, La “sciagurata consuetudine di apporre una doppia data in calce alle sentenze civili”: dalle Sezioni Unite cure peggiori del male, in Corr. giur., 2017, pp. 81 ss.

[8] Quattro anni, cit., pp. 161 ss.

15 luglio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Nomine dei “laici” al Csm e negli altri Consigli di garanzia: per la trasparenza delle procedure e il rispetto dell’art. 51 Cost.
Nomine dei “laici” al Csm e negli altri Consigli di garanzia: per la trasparenza delle procedure e il rispetto dell’art. 51 Cost.
di Tania Groppi
La lettera inviata dalle costituzionaliste ai Presidenti delle Camere pone il problema della elezione, da parte del Parlamento, di 21 uomini nelle 21 posizioni disponibili, in piena sintonia con l’esortazione del Capo dello Stato, che ha ricordato alla politica che il mondo «è composto da donne e da uomini, e non soltanto dal genere maschile»
25 luglio 2018
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
La novella in materia di avocazione: un’occasione per riflettere sullo stato di salute della magistratura inquirente
di Stefano Musolino
Gli orizzonti prospettici dalla normativa primaria in materia di gestione delle indagini ed organizzazione degli uffici di procura, sembrano orientati verso una spiccata accentuazione dei profili di accentramento dei poteri in capo ai vertici organizzativi, con progressiva neutralizzazione dell’esercizio del cd. potere diffuso in capo ai singoli sostituti. Ma il Csm sembra consapevole dei rischi insiti in un assetto piramidale della magistratura inquirente ed in occasione della novella in tema di avocazione, coglie l’occasione per proporre − con la risoluzione del 16 maggio 2018 − interpretazioni e modelli culturali, ispirati alla condivisione sinergica tra gli uffici, invitando i dirigenti ad assumere scelte organizzative sostenibili e funzionali a garantire tempi ragionevoli per l’assunzione di scelte definitorie dei procedimenti incardinati.
21 giugno 2018
Organizzazione giudiziaria e autonomia della giurisdizione: il ruolo del Consiglio superiore della magistratura ed il rapporto con il Ministero della giustizia
Organizzazione giudiziaria e autonomia della giurisdizione: il ruolo del Consiglio superiore della magistratura ed il rapporto con il Ministero della giustizia
di Antonello Ardituro
L'articolo è tratto dall’intervento tenuto al seminario “Le risorse per l’organizzazione e l’organizzazione delle risorse” organizzato dal coordinamento nazionale di AreaDG il 23 febbraio 2018 a Roma (Sala della biblioteca della Procura generale presso la Corte d’appello)
17 aprile 2018
Benessere organizzativo e tutela della genitorialità, i rischi di una disciplina a metà
Benessere organizzativo e tutela della genitorialità, i rischi di una disciplina a metà
di Emanuele Mancini
In molti ci siamo chiesti quali effetti potesse avere l’inserimento nella nuova Circolare tabelle per il triennio 2017/2019 di un titolo specifico sul tema in esame senza un adeguato coordinamento con la parte relativa al funzionamento del servizio ed all’organizzazione in senso stretto degli uffici. Il caso trattato nel presente articolo costituisce probabilmente la risposta sbagliata ad un tema delicato cui occorre trovare soluzioni slegate da logiche particolari, ma nell’esclusivo interesse del bene comune del migliore servizio di giustizia da garantire ai cittadini.
5 marzo 2018
L'editoriale del n. 4/2017
L'editoriale del n. 4/2017
di Renato Rordorf
Numero monografico: “L'orgoglio dell'autogoverno: una sfida possibile per i 60 anni del Csm”
22 febbraio 2018
Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere
Soggetti soltanto alla legge. I magistrati e le carriere
di Riccardo De Vito
Riemergono le carriere all’interno del corpo professionale e, con queste, l’imprinting verticale della magistratura. Ne risentono l’autonomia della giurisdizione e, al dunque, l’uguaglianza delle persone davanti alla legge. Occorre studiare la patologia per formulare prognosi e trovare antidoti.
13 febbraio 2018
La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?
La discrezionalità del Consiglio: una prerogativa irrinunciabile dell’autogoverno o un peso insostenibile per la magistratura?
di Mariarosaria Guglielmi
La discrezionalità è una prerogativa irrinunciabile per l’autogoverno e lo strumento per conformare le scelte di amministrazione ai valori costituzionali e alle esigenze della giurisdizione. La rinuncia alle prerogative di discrezionalità delinea una nuova fisionomia del Csm, funzionale ad una ristrutturazione in senso verticistico e burocratico dell’ordine giudiziario, e riduce il suo ruolo politico nella difesa e nella promozione dei valori che sono a fondamento della giurisdizione. In questa consapevolezza la magistratura deve ritrovare il senso dell’appartenenza all’istituzione consiliare e l’aspirazione ad un autogoverno all’altezza delle aspettative di giustizia della collettività.
6 febbraio 2018
Il fascino discreto della carriera. Dirigenza giudiziaria: proposte a confronto
Il fascino discreto della carriera. Dirigenza giudiziaria: proposte a confronto
di Massimo Michelozzi
Alcune scelte operate dal Csm in materia di nomine ad incarichi dirigenziali ed in Cassazione, che sono state oggetto di critiche in ambito associativo e tra i magistrati, hanno indotto i gruppi della magistratura associata ad elaborare ed offrire alla valutazione dei colleghi proposte per superare le criticità imputate al sistema del conferimento degli incarichi disciplinato dal testo unico sulla dirigenza giudiziaria (TUD) come riformato con delibera del 28 luglio 2015. In particolare, in tal senso si sono mosse, con un occhio rivolto anche alle prossime elezioni per il rinnovo della componente togata del Csm, Autonomia e indipendenza e Area democratica per la giustizia.
22 gennaio 2018
Il ruolo politico del Csm
I consigli giudiziari, dieci anni dopo*
I consigli giudiziari, dieci anni dopo*
di Chiara Valori
Dopo quasi dieci anni di attività dei consigli giudiziari come rinnovati dal d.lgs n. 25/2006, si tenta un primo bilancio anche in vista delle proposte di riforma elaborate dalle commissioni Vietti e Scotti: ruolo dei laici e nuove possibilità di decentramento
28 novembre 2017
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
di Giuseppe Calzati
Un magistrato impegnato nell’associazionismo delle origini, che previde la deriva autoritaria del fascismo e che ad esso si oppose fino alla scelta di abbandonare l’ordine giudiziario e fino al sacrificio della vita durante la Resistenza
14 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
di Vittorio Borraccetti
Nella comunità del Forteto, in territorio toscano, molte persone affidate per ragioni di cura e sostegno sono state maltrattate e abusate per decenni. La lettura delle sentenze del processo conclusosi da poco in Cassazione, e anche di precedenti decisioni giudiziarie, ha fatto emergere non solo i fatti delittuosi ma anche i comportamenti negligenti se non corrivi di chi doveva vigilare
11 settembre 2018