home search menu
Leggi e istituzioni
Qualche riflessione in tema di negazionismo
di Vartan Giacomelli
Sostituto Procuratore della Repubblica di Padova
Reato di negazionismo e concetto di genocidio
Qualche riflessione in tema di negazionismo

Le iniziative di legge aventi ad oggetto la previsione di sanzioni penali per chi nega crimini di genocidio hanno sollecitato riflessioni e dibattiti, in particolare sulla possibilità di contrastare il negazionismo con lo strumento dell’intervento penale.

Il disegno di legge n. 54, presentato al Senato, introduceva modifiche all’art. 3 della L. 654/1975 prevedendo, tra l’altro, una sanzione “fino a 3 anni di reclusione e fino a € 10.000,00 di multa colui che pone in essere attività di apologia, negazione, minimizzazione dei crimini di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra come definiti dalla L. 232/1999”. Trattasi di disegno di legge che esprimeva il chiaro intento di ampliare la portata degli impegni originariamente assunti dallo Stato Italiano in sede di ratifica ed esecuzione della convenzione di New York del 7.03.1966 sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale, individuando nuovi reati per fronteggiare il fenomeno del “negazionismo” in tutte le sue forme di manifestazione. La formula normativa presentava, tuttavia, alcune evidenti criticità: in particolare, la mancanza di ogni riferimento al carattere pubblico (e come tale pericoloso) della condotta di negazionismo, il carattere indefinito della condotta di minimizzazione e la previsione di una stessa sanzione per tutte le condotte previste dal “nuovo” art. 3 della L. 654/1975 pur caratterizzate da diverso disvalore sociale (apologia e negazione di genocidio, istigazione all’odio razziale).

Con un emendamento approvato in commissione Giustizia del Senato, si è spostata la prospettiva passando da una modifica della L. 654/1975 ad un intervento sul codice penale. La nuova norma modifica l'articolo 414 del codice penale, prevedendo che "fuori dei casi di cui all'articolo 302, se l'istigazione o l'apologia di cui ai commi precedenti riguarda delitti di terrorismo, crimini di genocidio, crimini contro l'umanità o crimini di guerra, la pena è aumentata della metà. La stessa pena si applica a chi nega l'esistenza di crimini di genocidio o contro l'umanità". Vengono, così, superate alcune delle criticità sopra evidenziate, residuando peraltro un profilo di mancato coordinamento normativo con la previsione già esistente del reato di apologia del delitto di genocidio di cui all’art. 8 della legge 9 ottobre 1967 n. 962 (“prevenzione e repressione del delitto di genocidio”) ove si punisce da 3 a 12 anni di reclusione “chi pubblicamente istiga a commettere il delitto di genocidio o chi pubblicamente fa apologia di tale delitto”.

Al di là dei rilievi tecnici sulla normativa all’esame del Parlamento, il dibattito sul negazionismo si è, in realtà, sviluppato attorno alla questione sollevata da coloro che ritengono inammissibile in radice la possibilità di sanzionare giuridicamente questo tipo di condotte. Tale asserzione viene posta a partire dalla condivisibile affermazione per cui le verità storiche non si impongono a colpi di norme e anche la più sbagliata delle opinioni (negare un genocidio indubbiamente rientra tra queste) non può essere combattuta con l’arma della sanzione penale, ma solo attraverso la ricerca storica e la sensibilizzazione etica e culturale.

E’ mia opinione che, tuttavia, quando si parla di negazionismo di genocidi, quella premessa, così limpida ed incontestabile, debba fare i conti con le urgenze e le complessità che il tema impone, a partire dall’analisi concettuale della nozione di genocidio e di negazionismo.

Con il termine genocidio non si esprime un concetto naturale ma una nozione frutto di un’elaborazione teorica maturata nella prima metà del ‘900, che ha avuto una sua definizione giuridica controversa; il concetto di genocidio, termine coniato nel 1944 dal giurista polacco di origine ebraica Raphael Lemkin, risponde alla necessità di definire la distruzione di un gruppo nazionale o di un gruppo etnico “in quanto tale”. Nella sua opera “Axis Rule In Occupied Europe”, dedicata all'Europa sotto la dominazione delle forze dell'Asse, Lemkin vedeva la necessità di un nuovo termine per descrivere la tragedia della Shoà e fece anche riferimenti al Genocidio Armeno. La sua intuizione fu quella di cogliere in questi eventi del ‘900 un elemento di drammatica novità rispetto al passato; in particolare, il fatto che l’annientamento di un popolo era stato, in quei casi, pianificato sulla base di un’ideologia fanatica in grado di sostenere la volontà di un gruppo dominante di distruggere non solo la presenza fisica di una minoranza, ma anche la sua identità storica e culturale, negando ad essa semplicemente il diritto di esistere.

La cristallizzazione normativa del concetto di genocidio è stato il frutto di un compromesso: l'11 dicembre 1946, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite riconobbe il crimine di genocidio con la risoluzione n. 96 come "una negazione del diritto alla vita di gruppi umani, gruppi razziali, religiosi, politici o altri, che siano stati distrutti in tutto o in parte". Il riferimento a "gruppi politici", un'aggiunta rispetto alla proposta di Lemkin, non era gradito all'Unione Sovietica, che fece pressioni per una formulazione di compromesso. Il 9 dicembre 1948 fu adottata, con la risoluzione 260 A (III), la Convenzione per la prevenzione e la repressione del delitto di genocidio che, all'articolo II, definisce il genocidio come “Uno dei seguenti atti effettuato con l'intento di distruggere, totalmente o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso in quanto tale”. In questa definizione, ripreso anche nella definizione di “atti di genocidio” contenuta nell’art. 1  L. 962/1967, sono indicate le caratteristiche proprie di un genocidio: distruzione di gruppi omogenei di individui, annientamento come fine e non come mezzo, intenzionalità dell’azione, vittima scelta solo per l’appartenenza ad un gruppo.

In questa prospettiva, si può cogliere la specificità di ciò che possiamo definire genocidio e la rilevanza dei valori di umanità che con esso vengono messi in gioco: al di là dei tanti e concreti rischi di strumentalizzare questa definizione (in un’epoca, come quella attuale, in cui la definizione di genocidio ricorre spesso e per gli eventi più diversi) o di entrare in atteggiamenti culturali stereotipati (assai insidioso può essere un uso pubblico e retorico della memoria), è indubbio che sono pochi i temi che come questo richiedono un continuo investimento culturale e morale, volto a prendere coscienza di quali implicazioni comporta il riconoscimento di questi eventi: la lezione della Storia (Cambogia, Bosnia, Rwanda, Darfur) ci aiuta a capire come ad ogni deficit di memoria e responsabilità è sempre corrisposta un’inerzia e una rimozione che ha posto le condizioni del verificarsi di questi eventi e del loro ripetersi.

Ragionare di negazionismo significa capire che connesso alla dinamica con cui si pianifica ed esegue un genocidio è il meccanismo della sua negazione: il negazionismo si manifesta in molti modi, ma nella sua natura più vera non costituisce un accidente, bensì rappresenta il frutto maligno delle ideologie che generano i genocidi: il vero negazionista, diventa attore di queste dinamiche di rimozione, assumendo su di sé quella che, con brutta ma efficace espressione, viene definita la cultura genocidiaria.

Emblematico è il caso del Genocidio Armeno, ove la politica negazionista coltivata dallo Stato Turco dopo la nascita della Repubblica nel 1923 fino a giorni nostri, rappresenta un’evidente manifestazione di questa dinamica: l’annientamento del popolo armeno nel 1915, da verità storica che necessitava un’elaborazione nella memoria identitaria della Nazione ove il crimine si era consumato (come accadde nella Germania del secondo dopoguerra), è divenuta un tabù, un fatto da rimuovere dalla coscienza nazionale: un tale atteggiamento negazionista, a quasi cento anni di distanza dal fatto, potrebbe apparire incomprensibile se non si cogliesse l’intima connessione tra quella politica negazionista e l’ideologia nazionalista che, nella sua forma estrema e fanatica, generò il piano genocidiario.    

Riflettere sulla possibilità di contrastare, anche con la norma giuridica, il negazionismo quando questo diventa strumento di pubblica propaganda (non certo, quindi, ad una qualunque opinione critica, per quanto infondata o provocatoria che sia) significa accettare la possibilità che tali atteggiamenti si possano verificare anche all’interno di società democratiche, ove il tessuto di coscienza collettiva di certi valori a volte si presenta fragile ed esposto a rigurgiti di ogni tipo.

La condotta negazionista porta, quindi, con sé la potenzialità di incidere sui valori fondanti la nostra convivenza e l’esigenza di porre limiti alla diffusione di tali idee non può essere liquidata come aberrazione da Stato etico o come aggressione alla libertà di opinione o di ricerca dello storico: a riguardo, si può, anzi, affermare che tanto più sereno sarà lo sguardo di quest’ultimo, quanto più gli sarà permesso di approfondire le complessità e i nodi problematici di un genocidio, nello spazio di verità che il riconoscimento dell’evento in quanto tale gli garantisce.

In buona sostanza, un conto è accettare l’esistenza di diversi livelli di consapevolezza e di piani di ricerca, altro è sottrarsi alla responsabilità di tutelare un’autentica memoria di quegli eventi con tutti gli strumenti di cui disponiamo (culturali ma anche giuridici) ed eludere il rischio di vedere nuovamente messi in discussione quei diritti e principi che i genocidi hanno cercato di distruggere.

La sfida vera è quella di comprendere che la norma può costituire valido presidio di quelle libertà e non strumento di verità ufficiali da imporre solo se chi la applica è consapevole della complessità e delicatezza dell’intervento giudiziale su questi temi: ipotizzare condotte penalmente rilevanti, ove non venga esplicitato il carattere pericoloso di una propaganda negazionista, può rimandare a formula vuote e rischiose, ma certo non dobbiamo temere, come uomini e a maggior ragione come operatori del diritto, di incamminarci nell’impervia strada della conoscenza dei fatti e della ricerca, ove necessario, di vere responsabilità.  

25 novembre 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Lettere dai magistrati turchi
Lettere dai magistrati turchi
Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
23 maggio 2019
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
Apocalisse dello Stato di diritto in Turchia
di Gualtiero Michelini
Con la sentenza del 16 aprile 2019, la Corte europea dei diritti umani dichiara arbitrario l’arresto del giudice costituzionale Alparslan Altan sulla base di sospetti non ragionevoli
22 aprile 2019
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
di Giampiero Buonomo
Con il ricorso all'articolo 18 Cedu la Corte di Strasburgo ha dato tutela al turco Demirtaş ed al russo Navalny, i principali oppositori ai confini orientali dell’Europa. La condanna di processi “a fine mascherato” evidenzia che la libertà del dibattito politico è il cuore della società democratica
20 febbraio 2019
Lettere dalla Turchia
Lettere dalla Turchia
di Vito Monetti
Pubblichiamo la traduzione in italiano delle Lettere dalla Turchia edite in e-book da Medel in occasione del conferimento del premio Václav Havel per i diritti umani 2017 a Murat Arslan
3 novembre 2018
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
Detenzione di giornalisti e repressione della libertà di espressione: da Strasburgo un chiaro messaggio alla Turchia, ma verrà ascoltato?
di Francesco Luigi Gatta
Con le due sentenze Şahin Alpay e Mehmet Hasan Altan del 20 marzo 2018, la Corte europea dei diritti dell’uomo dichiara la violazione da parte della Turchia del diritto alla libertà personale e alla libertà di espressione di due giornalisti posti in detenzione per aver espresso opinioni critiche nei confronti del governo. La Corte di Strasburgo va però oltre la vicenda dei due singoli ricorrenti, riconoscendo l’esistenza di gravi e diffusi problemi di rispetto dei diritti umani nell’ordinamento turco, soprattutto in riferimento alla libertà di esprimere il proprio dissenso, elemento che, si sottolinea con forza, rappresenta una caratteristica essenziale e irrinunciabile di una società democratica.
9 aprile 2018
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Corte europea dei diritti dell'uomo, pubblicato il Rapporto 2017
Oggi a Strasburgo, si celebra l'inaugurazione dell'anno giudiziario. Tra gli ospiti il presidente della Corte di giustizia europea, Koen Lenaerts.
26 gennaio 2018
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
All’ombra delle bandiere di Istanbul*
di Alessandro Simoni
La Turchia che dimentichiamo. Impressioni sulle celebrazioni del 15 luglio nella prospettiva del nuovo conservatorismo nazionalista
17 luglio 2017
Il Giudice ed il Sultano
Il Giudice ed il Sultano
di Francesco Florit
La vicenda del giudice internazionale Aydin Sefa Akay
9 maggio 2017
Turchia: il prevedibile sovraffollamento carcerario, a seguito del fallito colpo di stato, è motivo sufficiente per respingere una richiesta di estradizione
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
Lo stato di emergenza in Turchia: sospensione dello Stato di diritto
di Gualtiero Michelini
Lo sforzo di mobilitazione deve continuare, per un'azione di ritorno dei principi democratici nel Paese e per una effettiva assistenza legale degli arrestati, verificata da osservatori internazionali
13 ottobre 2016
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Leggi e istituzioni
Libere di prostituirsi? Commento alla sentenza n. 141/2019 della Corte costituzionale
Libere di prostituirsi? Commento alla sentenza n. 141/2019 della Corte costituzionale
di Giulia Marzia Locati
Nell'affrontare il tema della prostituzione, e delle condotte di sfruttamento e favoreggiamento che da sempre la circondano e la accompagnano, la sentenza esamina i diversi modelli che nel corso del tempo e nei diversi Paesi sono stati utilizzati per regolamentare il fenomeno. Può esistere, e a che condizioni, una prostituzione veramente libera? O la scelta è sempre frutto di coartazione?
25 giugno 2019
A proposito del decreto sicurezza-bis
A proposito del decreto sicurezza-bis
di Andrea Natale
Il contributo analizza le principali novità introdotte dal cd. decreto sicurezza-bis e riflette su possibili frizioni tra quelle disposizioni e alcune previsioni normative poste a garanzia di diritti fondamentali
20 giugno 2019
Il salario minimo fissato per legge
Il salario minimo fissato per legge
di Enzo Martino
Il disegno di legge n. 658 ha l'indiscutibile pregio di demandare la definizione del «trattamento complessivo economico minimo» ai contratti nazionali di lavoro sottoscritti dalle associazioni sindacali più rappresentative a livello nazionale, e di prevedere in via meramente residuale un trattamento complessivo minimo di 9 euro lordi l'ora: la proposta, pur con qualche limite, va comunque nella direzione di garantire ai più deboli quell'esistenza libera e dignitosa che i padri costituenti immaginarono anche per loro
18 giugno 2019
Reddito di cittadinanza: assistenza alla povertà o governo penale dei poveri?
Reddito di cittadinanza: assistenza alla povertà o governo penale dei poveri?
di Roberto Riverso
L’intreccio di funzioni operato nella legge sul reddito di cittadinanza (RDC) ha prodotto un vasto programma normativo ispirato dalla logica combinatoria del Contratto che regge l’impianto di Governo. Nella delineazione del sistema sanzionatorio si evidenzia la marcata accentuazione dell’aspetto della condizionalità e dell’intransigenza punitiva, non priva di elementi di irrazionalità ed asimmetrie, a scapito degli obbiettivi della solidarietà e del sostegno al reddito nelle more della ricollocazione lavorativa
6 giugno 2019
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
di Piergiorgio Morosini
L’inquinamento mafioso della politica rappresenta un serio pericolo per economia, diritti e democrazia. Ma le recentissime innovazioni introdotte dal legislatore in tema di “scambio elettorale politico mafioso” − e cioè l’estensione dell’area dei “patti” penalmente rilevanti ai sensi dell’art. 416-ter e l’aumento consistente dei carichi sanzionatori − meritano una attenta riflessione critica
5 giugno 2019
La privatizzazione della gestione dei servizi no core delle strutture penitenziarie: il caso dell’erigendo carcere di Bolzano
La privatizzazione della gestione dei servizi no core delle strutture penitenziarie: il caso dell’erigendo carcere di Bolzano
di Claudio Sarzotti
Il progetto di costruzione del nuovo carcere di Bolzano utilizza il modello del project financing non solo per l’edificazione dell’istituto, ma anche per la gestione dei servizi no core per i successivi 17 anni. Si tratta di una soluzione che, debitamente applicata e implementata, può scardinare le logiche dell’istituzione totale
31 maggio 2019