home search menu
Note all'ordinanza del Tribunale di Trieste del 22 giugno 2018
Giurisprudenza e documenti
Note all'ordinanza del Tribunale di Trieste del 22 giugno 2018
di Mariarosa Pipponzi
presidente di sezione del Tribunale di Brescia
L’ordinanza del Tribunale di Trieste offre interessanti spunti di riflessione in merito alla regolamentazione dell’esercizio del diritto alla protezione internazionale e dell’ammissibilità del ricorso alla procedura di urgenza avanti alle sezioni specializzate in materia di immigrazione, quale rimedio in caso di rifiuto da parte della autorità competente alla ricezione della domanda

Un cittadino pakistano, giunto a Pordenone in data 11 marzo 2018 attraverso la rotta terrestre, si presentava immediatamente alla locale questura manifestando la propria intenzione di domandare protezione internazionale, ma gli veniva negato l’accesso alla procedura in quanto non era in grado di dimostrare di avere dimora nel territorio. Lo straniero, che aveva raggiunto il fratello accolto in una struttura prefettizia per richiedenti protezione internazionale, impossibilitato ad accedere alle misure di accoglienza previste per i richiedenti protezione internazionale a causa dell’impossibilità di accesso alla procedura e privo di mezzi di sussistenza, otteneva aiuto dalla Croce rossa italiana che accettava di ospitarlo nel dormitorio sito nella località di Porcia per la notte, garantendogli altresì un pasto giornaliero.

L’attestazione fornita dalla Croce rossa al cittadino pakistano, tuttavia, non era considerata documentazione idonea dalla questura di Pordenone che l’8 maggio 2018, convocato lo straniero, procedeva al rilevamento delle sue impronte e gli consegnava verbale di identificazione ed elezione di domicilio ex art. 161 cpp e nomina del difensore ex art. 96 cpp per l’avvio delle indagini in ordine al reato p. e p. dall’art. 10-bis legge n. 286/98 (soggiorno irregolare).

Fallito così ogni tentativo di presentare la domanda di protezione internazionale e trovandosi a rischio di espulsione, il cittadino pakistano presentava ricorso ex art. 700 cpc alla Sezione specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell’Unione europea del Tribunale di Trieste al fine di ottenere l’accertamento del suo diritto all’accesso alla procedura previa declaratoria di illegittimità del diniego della questura di Pordenone. 

Il condivisibile provvedimento di accoglimento del Tribunale di Trieste prende le mosse dalla constatazione che il diritto alla protezione internazionale è un diritto assoluto ed incomprimibile e che l’attuale assetto normativo europeo, in parte recepito nell’ordinamento interno, è improntato alla massima tutela del richiedente.

È, del resto, evidente che negare l’accesso alla procedura equivale a negare in radice ogni possibilità di tutela.

Il Tribunale di Trieste ha affrontato direttamente il merito senza soffermarsi sulle eccezioni preliminari, palesemente infondate se non addirittura pretestuose, sollevate dall’Avvocatura dello Stato a sostegno della tesi dell’Amministrazione.

È opportuno segnalare che l’Avvocatura ha eccepito «il difetto di giurisdizione assoluto in quanto la materia oggetto della lite appartiene alle funzioni esclusive della pubblica amministrazione, e dunque nessun giudice appare dotato del potere di giudicare la controversia».

Al contrario, come emerge dalla diffusa argomentazione della ordinanza in commento, non sussiste alcuna «funzione esclusiva della PA» in materia in quanto gli articoli 6 e 26 del decreto legislativo n. 25/2008 si limitano a designare le autorità che sono preposta alla ricezione della domanda e cioè la polizia di frontiera oppure la questura competente in base al luogo di dimora del richiedente.

Secondo la direttiva 2013/32/UE, peraltro, la presentazione della domanda deve comunque essere accettata anche dall’autorità non competente: «Se la domanda di protezione internazionale è presentata ad altre autorità preposte a ricevere tali domande ma non competenti per la registrazione a norma del diritto nazionale, gli Stati membri provvedono affinché la registrazione sia effettuata entro sei giorni lavorativi dopo la presentazione della domanda» (vds. art. 6 § 1 secondo alinea citata direttiva).

Di conseguenza la questura di Pordenone non doveva esercitare alcun potere discrezionale, ma limitarsi ad acquisire e registrare la domanda di protezione del cittadino straniero ovvero acquisirla e trasmetterla per la registrazione all’ autorità competente.

Si ricorda che l’art. 3 del d. lgs 25/2008 dispone che «(…) Le autorità competenti all'esame delle domande di protezione internazionale sono le commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale, di cui all'articolo 4. 2. L'ufficio di polizia di frontiera e la questura sono competenti a ricevere la domanda, secondo quanto previsto dall'articolo 26 (…)» (cfr. altresì articolo 4 dl n. 13/47 conv. in legge n. 46/17).

Il Tribunale di Trieste ha correttamente rilevato quanto segue:

- la previsione normativa interna ha come unico obiettivo quello di individuare la questura competente per territorio alla ricezione della domanda e, di conseguenza, la dimora consiste nella semplice situazione di fatto di trovarsi fisicamente sul territorio di un comune ricadente sotto la giurisdizione amministrativa della questura;

- l’istruzione prefettizia (prot. Uscita 0003301 del 2 febbraio 2018), in base alla quale il richiedente che non abbia presentato la domanda in polizia di frontiera sarebbe legittimato a presentarla presso la questura di Pordenone solo se nella giurisdizione della stessa egli disponga di «una autonoma sistemazione», ed a condizione di «avere la disponibilità della dimora come sopra indicata già al momento in cui presenta la richiesta di riconoscimento e la questura che esamina la richiesta deve essere messa nelle condizioni di accertare la sussistenza di tale requisito, attraverso la presentazione, a cura del richiedente stesso, di idonea documentazione o, comunque, di elementi probanti certi», per un verso non elimina l’obbligo della questura stessa di adoperarsi per effettuare la registrazione entro sei giorni lavorativi e per altro profilo si pone in evidente contrasto con il principio di effettività;

- nessuna disposizione autorizza la questura a richiedere, al fine di verificare la propria competenza all’accettazione della domanda, una dichiarazione di ospitalità o la prova di «una autonoma sistemazione» che, anzi, finirebbe per rendere, se non impossibile, quantomeno eccessivamente difficile l’esercizio dei diritti conferiti dal diritto della Unione;

- ai sensi della direttiva 2013/33/UE (recepita dal d. lgs n. 142/2015) non si possono esigere dai richiedenti documenti inutili o sproporzionati né imporre loro altri requisiti amministrativi per il solo fatto che gli stessi chiedano protezione internazionale;

- il richiedente aveva presentato attestazione di ospitalità notturna presso la Croce rossa italiana di Porcia che gli garantiva anche un pasto giornaliero, sufficiente a far scattare l’obbligo di accettazione della richiesta di registrazione

Del resto il d. lgs n. 142/2015, che traspone nell'ordinamento interno le norme in materia di condizioni di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale previste dalla direttiva 2013/33/UE, stabilisce, all'art. 1 comma 2 che l'accesso alle misure di accoglienza deve essere garantito fin dal momento della manifestazione della volontà di chiedere protezione internazionale, proprio in considerazione del fatto che uno straniero che si dichiari da poco entrato clandestinamente in Italia non ha, di norma, alcuna possibilità di «autonoma sistemazione».

In fatto il rifiuto della questura di Pordenone ha trasformato un richiedente protezione in un indagato per soggiorno illegale.

L’unico rimedito esperibile dal richiedente era appunto quello di ottenere l’accertamento del suo diritto a presentare la domanda dal giudice competente ex lege ai sensi del combinato disposto degli articoli 1 e 3 comma 2 del dl n. 13/2017, convertito in legge n. 46/2017.

Il ricorso alla procedura di urgenza è giustificato, come sottolineato nell’ordinanza del Tribunale di Trieste, dal periculum rappresentato dalla esposizione ad iniziative repressive statuali precluse solamente dalla presentazione della domanda di protezione.

L’alternativa di rivolgersi alla polizia della frontiera da cui aveva fatto ingresso il richiedente, suggerita nel caso di specie dall’Avvocatura dello Stato, oltre che priva di supporto normativo, finirebbe per ritardare ingiustificatamente la presentazione della domanda di protezione e si pone in contrasto con quanto previsto dall’art. 1 del d. lgs n. 142/2015.

5 settembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Asilo, falsi miti e poteri divinatori. Così muore il diritto al contraddittorio. Osservazioni critiche a Cass. n. 1681/2019
Asilo, falsi miti e poteri divinatori. Così muore il diritto al contraddittorio. Osservazioni critiche a Cass. n. 1681/2019
di Maurizio Veglio
Se il giudice si sottrae all'obbligo di esame del richiedente sulla base di meri argomenti logici tratti dalla lettura del verbale di audizione della Commissione territoriale lede il diritto di difesa e la possibilità di tutela giurisdizionale del diritto di asilo subisce una severa lesione, tanto più dopo l’abolizione dell’appello
16 aprile 2019
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
di Francesca Biondi Dal Monte
La Corte di giustizia afferma che l’art. 29 della “direttiva qualifiche” obbliga gli Stati membri a riconoscere la parità di trattamento dei beneficiari di protezione internazionale nell’accesso all’assistenza sociale ed è norma produttiva di effetti diretti
8 aprile 2019
L’iscrizione anagrafica e i richiedenti asilo dopo il dl 113/2018
L’iscrizione anagrafica e i richiedenti asilo dopo il dl 113/2018
di Gabriele Serra
L'obbligo dei comuni di procedere alla iscrizione anagrafica del richiedente asilo non è venuto meno con l'entrata in vigore del decreto sicurezza. Un commento all'interpretazione costituzionalmente orientata nel provvedimento del Tribunale di Firenze
25 marzo 2019
Politiche contro i migranti in violazione dei diritti umani *
di Luigi Ferrajoli
Il populismo al Governo ha un’intrinseca vocazione anticostituzionale che gli proviene dall’assunzione, come unica fonte di legittimazione del sistema politico, della volontà popolare indebitamente identificata con la volontà del ceto politico investito dal voto
22 marzo 2019
Ancora sul parere della Giunta del Senato per le immunità sul caso Diciotti
I fondamenti del costituzionalismo alla prova del caso Diciotti: il sindacato sulle decisioni parlamentari e il punto di equilibrio fra poteri
I fondamenti del costituzionalismo alla prova del caso Diciotti: il sindacato sulle decisioni parlamentari e il punto di equilibrio fra poteri
di Emilio Santoro
Il caso Diciotti mette alla prova il costituzionalismo stesso, ovvero la civiltà giuridica costruita dopo le tragedie della prima metà del secolo. La valutazione del Senato è esente da vincoli giuridici o, in caso di rigetto dell’autorizzazione a procedere, ci sarà “un giudice a Berlino”?
14 marzo 2019
Garanzie e principio di effettività del processo nella tutela del richiedente asilo
Garanzie e principio di effettività del processo nella tutela del richiedente asilo
di Fabrizio Giuseppe del Rosso* - Lorenzo Pisoni**
Le recenti riforme hanno ridotto le garanzie processuali ai richiedenti asilo: il rispetto del principio di eguaglianza e di effettività della tutela del loro diritto resta al centro dell'esame del giudice ordinario. Nei due diversi contributi che seguono, l'analisi si incentra sui profili di costituzionalità e di compatibilità con il diritto eurounitario
6 marzo 2019
La Corte di cassazione e l’irretroattività del dl 113/2018: tra una decisione annunciata e spunti interpretativi futuri sul permesso di soggiorno per motivi umanitari
La Corte di cassazione e l’irretroattività del dl 113/2018: tra una decisione annunciata e spunti interpretativi futuri sul permesso di soggiorno per motivi umanitari
di Gabriele Serra
La suprema Corte ha affrontato e risolto la questione inerente la disciplina intertemporale del cd. decreto sicurezza affermando l’irretroattività dell'abrogazione della protezione umanitaria: prime riflessioni
24 febbraio 2019
Protezione umanitaria, la pronuncia della Cassazione n. 4890/2019
La tutela processuale delle donne vittime di tratta
La tutela processuale delle donne vittime di tratta
di Dario Belluccio - Luca Minniti
La tutela delle donne vittime di tratta, nell'ambito del processo civile, sollecita le sezioni specializzate della protezione internazionale ad un ricco confronto non solo sui presupposti di fatto ma anche sulle forme di tutela. Pubblichiamo due contributi sul tema, con allegati numerosi provvedimenti giudiziari. Inauguriamo così anche una nuova modalità di pubblicazione congiunta di più contributi, alla quale ricorreremo ogniqualvolta la portata delle problematiche trattate lo renderà necessario
12 febbraio 2019
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Giurisprudenza e documenti
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
A margine della sentenza di Cassazione n. 15683/19 che ha annullato con rinvio la sentenza della Corte di appello di Ancona in materia di violenza sessuale del 23 novembre 2017
di Vincenza (Ezia) Maccora
Le sentenze che non prestano attenzione all’uso del linguaggio e alla pertinenza delle argomentazioni rischiano di essere fonte di vittimizzazione secondaria e cassa di risonanza di vecchi e resistenti stereotipi
19 aprile 2019
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
La Cassazione n. 8473/2019: una rondine che speriamo non faccia primavera
di Chiara Giovannucci Orlandi
La Corte di cassazione si pronuncia sulla presenza personale delle parti nella procedura di mediazione e, non richiesta, fornisce un’indicazione, molto opinabile, sull’effettività del «primo incontro»
18 aprile 2019
La Corte d’appello di Torino tira la volata ai riders di Foodora
La Corte d’appello di Torino tira la volata ai riders di Foodora
di Federico Martelloni
Pur arrivando a condivisibili effetti in ordine alla disciplina applicabile ai rapporti tra i ciclofattorini e la nota piattaforma digitale di food-delivery, la Corte d’appello ricostruisce il lavoro etero-organizzato come tertium genus tra subordinazione e autonomia, mentre sarebbe preferibile un inquadramento nell’alveo del lavoro autonomo coordinato più prossimo al confine con il lavoro subordinato. Altra problematicità si solleva a proposito della pretesa esclusione dell’applicabilità delle regole sui licenziamenti: la norma del 2015 si profila come estensione complessiva della disciplina del lavoro subordinato, senza ammettere valutazioni di compatibilità che potrebbero, invece, dar luogo ad esiti incerti e variabili, non autorizzati dalla lettera della norma
17 aprile 2019
Femminicidi di Bologna e Genova: perché quelle sentenze potrebbero sbagliare
Femminicidi di Bologna e Genova: perché quelle sentenze potrebbero sbagliare
di Fabrizio Filice
Serve spostare il dibattito dal piano mediatico – incentrato sul quantum di pena e su una non condivisibile finalità “esemplare” della sanzione – a quello degli studi giuridici di genere, nel cui ambito tutti gli istituti di diritto sostanziale dovrebbero essere parametrati alla particolarità del bene giuridico protetto, che consiste nella libertà di autodeterminazione della donna
15 aprile 2019
La forza di un abbraccio
La forza di un abbraccio
di Salvatore Casabona
I ristretti in regime di 41-bis ord. pen. alla prova della giurisprudenza minorile di Reggio Calabria
12 aprile 2019
Il gip che emette i decreti di proroga delle intercettazioni non può tenere l’udienza preliminare
Il gip che emette i decreti di proroga delle intercettazioni non può tenere l’udienza preliminare
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 2, Sent. 28 novembre 2018 (dep. 10 dicembre 2018), n. 55231, Pres. Gallo, Rel. Pazienza
11 aprile 2019