Magistratura democratica
Leggi e istituzioni
Nomine dei “laici” al Csm e negli altri Consigli di garanzia: per la trasparenza delle procedure e il rispetto dell’art. 51 Cost.
di Tania Groppi
ordinario di istituzioni di diritto pubblico, Università di Siena
La lettera inviata dalle costituzionaliste ai Presidenti delle Camere pone il problema della elezione, da parte del Parlamento, di 21 uomini nelle 21 posizioni disponibili, in piena sintonia con l’esortazione del Capo dello Stato, che ha ricordato alla politica che il mondo «è composto da donne e da uomini, e non soltanto dal genere maschile»

La recente elezione, da parte delle Camere, dei “membri laici” del Csm, dei Consigli di garanzia delle magistrature amministrativa, tributaria, contabile, e di un giudice costituzionale, (21 uomini per le 21 posizioni disponibili), in totale spregio all’articolo 51 della Costituzione, non è passata sotto silenzio, determinando un serio richiamo del Capo dello Stato e la decisa reazione delle costituzionaliste.

L’Italia è nota nel mondo per la forte tradizione patriarcale, che si traduce anche in una scarsa presenza delle donne ai vertici delle istituzioni, ma questa volta si è andati al di là di ogni possibile immaginazione.

Alla tradizionale chiusura alle donne dei vertici delle istituzioni (basti pensare che in tutta la storia della Corte costituzionale italiana, il Parlamento ha eletto un’unica donna), si somma la opacità dei procedimenti di nomina, che sono in toto rimessi alla negoziazione tra i partiti. La decisione politica non è, in altre parole, preceduta da un procedimento che preveda la presentazione di candidature, eventuali audizioni e, in sostanza, una qualche trasparenza, in modo da obbligare la politica, perlomeno, ad assumersi davanti all’opinione pubblica la responsabilità delle proprie scelte.

In tale opacità, che implica presumibilmente complicati do ut des, non c’è spazio per ulteriori considerazioni, neppure per quelle relative al rispetto del diritto, per uomini e donne, di accedere in condizioni di uguaglianza agli uffici pubblici e alle cariche elettive, sancito dall’articolo 51 della Costituzione, che tra l’altro fu appositamente emendato nel 2003, con il richiamo alla necessità che la Repubblica adotti appositi provvedimenti.

La gravità della scelta compiuta dal Parlamento è stata messa in evidenza anche dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che, parlando ai giovani magistrati in tirocinio il 23 luglio, ha sottolineato il necessario carattere pluralistico delle istituzioni. Il Presidente ha richiamato la politica a tenere conto «che il mondo – e, in esso, l’ordine giudiziario – è composto da donne e da uomini, e non soltanto dal genere maschile» ed ha espresso «più che un auspicio, un’esortazione particolarmente convinta».

Da parte loro, le costituzionaliste italiane hanno rivolto una lettera ai Presidenti delle due Camere. Con essa le firmatarie (sessantacinque professori ordinari e associati di diritto costituzionale, pubblico e comparato, socie dell’Associazione italiana dei costituzionalisti, che rappresentano la quasi totalità delle socie) hanno inteso porre all’attenzione del Parlamento la questione del rispetto dell’art. 51 della Costituzione.

Esse hanno chiesto ai due Presidenti di «avviare una seria riflessione, all’interno delle Assemblee parlamentari, sulle cause che hanno portato a tale grave vulnus costituzionale e sugli interventi, anche regolamentari, necessari per evitare che una simile situazione, oggettivamente incomprensibile in Italia nel 2018, possa ripetersi in futuro».

L’iniziativa intende aprire un dibattito pubblico, che coinvolga giuristi e politici, uomini e donne, sulla trasparenza dei procedimenti di nomina e più in generale sulla attuazione dell’art. 51 della Costituzione ed è stata aperta alla sottoscrizione dei costituzionalisti e dei giuristi in genere attraverso una petizione lanciata attraverso la piattaforma Petizioni24.com.

Link alla petizione: https://bit.ly/2Ae9QJQ

25 luglio 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019 sull'importanza della memoria europea per il futuro dell'Europa
di Giuseppe Battarino
Un testo che cumula ispirazioni e orientamenti differenti e che si espone al rischio di letture equidistanti di fenomeni politici non equiparabili
23 settembre 2019
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
di Ezia Maccora* e Marco Patarnello**
Il recupero dell’anzianità, l’abolizione dei semidirettivi e un capo dell’ufficio giudiziario vero dominus indiscusso: ecco i tratti salienti della proposta di riforma
15 luglio 2019
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
di Nello Rossi
Nuove regole del Csm? Sì, ma senza violare ragionevolezza e Costituzione
12 luglio 2019
Come eleggere il Csm, analisi e proposte: il sorteggio è un rimedio peggiore del male
di Valerio Savio
In questo momento, dall'Anm dovrebbe giungere una proposta che rilanci associazionismo e governo autonomo per evitare una riforma incostituzionale, irrazionale, dannosa, in grado di distruggere il ruolo rappresentativo ed istituzionale del Csm e per scongiurare una delegittimazione per la magistratura e i singoli magistrati
26 giugno 2019
Inquinamento mafioso della politica e legge penale
di Piergiorgio Morosini
L’inquinamento mafioso della politica rappresenta un serio pericolo per economia, diritti e democrazia. Ma le recentissime innovazioni introdotte dal legislatore in tema di “scambio elettorale politico mafioso” − e cioè l’estensione dell’area dei “patti” penalmente rilevanti ai sensi dell’art. 416-ter e l’aumento consistente dei carichi sanzionatori − meritano una attenta riflessione critica
5 giugno 2019
Libertà inopportuna? Un passo falso del Consiglio superiore della magistratura
di Nello Rossi
La delibera del Csm nel caso Zucca − che archivia ma contemporaneamente depreca – è un passo falso dell’organo di autogoverno. Perché pretende di “censurare” una manifestazione del pensiero già ritenuta incensurabile dal titolare dell’azione disciplinare e di “giudicare” parole irrilevanti ai fini della valutazione di incompatibilità ambientale o funzionale
6 maggio 2019
«Per favore, parlatevi!»
di Roberto Braccialini
L’intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario, occasione di forte sprone e auspicio di un sempre migliore coordinamento tra Ministero della giustizia e Consiglio superiore della magistratura nell’esercizio delle rispettive attribuzioni in materia di organizzazione giudiziaria
4 aprile 2019
Basta aggettivi!
di Ilio Mannucci Pacini
Ancora a proposito di valutazioni periodiche di professionalità dei magistrati
20 marzo 2019
Il drafting legislativo e la riforma del codice civile
di Hadrian Simonetti
La qualità della legislazione è da tempo al centro della riflessione ed è stata oggetto di ripetuti moniti di Presidenti della Repubblica e Corte costituzionale. Il disordine delle fonti del diritto e l’ipertrofia normativa acuiscono il problema. L’ipotesi di revisione del codice civile, nel rispetto dell’unità e della certezza dell’ordinamento, esige un legislatore non affrettato e non sciatto
13 febbraio 2019
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018