home search menu
Lettere dalla Turchia
Osservatorio internazionale
Lettere dalla Turchia
di Vito Monetti
già procuratore generale della Repubblica presso la Corte di appello di Genova
presidente di Medel dal 2011 al 2014
Pubblichiamo la traduzione in italiano delle Lettere dalla Turchia edite in e-book da Medel in occasione del conferimento del premio Václav Havel per i diritti umani 2017 a Murat Arslan

In questa breve presentazione dell’iniziativa di tradurre in italiano le Letters from the Turkish Judiciary 2016-2017, pubblicate da Medel-Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertés nell’ottobre 2017 [1], cercherò di non ripetere quanto – in modo chiaro e con autorevolezza – ha scritto il Bureau nella sua introduzione all’e-book che raccoglie i messaggi arrivati dalla Turchia dopo il tentativo di coup d’État del luglio 2016, inviati da magistrati in procinto di essere arrestati o appena rimessi in libertà provvisoria, oppure spediti da loro congiunti. Sono testimonianze drammatiche e dignitosissime invocazioni di aiuto e di solidarietà.

Parto da quest’ultima parola: solidarietà. È il sentimento che ha voluto esprimere l’incontro organizzato a Genova nei primi di giugno 2018 dall’Associazione nazionale magistrati e dal Consiglio dell’Ordine degli avvocati, ospitando un dibattito sulla brutale repressione messa in atto dal regime turco e sul dramma che tanti nostri amici continuano a vivere.

Per l’occasione erano state stampate alcune copie delle Letters, nella versione originale in lingua inglese. Da quell’incontro è nata l’idea di consentirne una più ampia divulgazione con la traduzione in italiano, accolta con entusiasmo in Medel e dai colleghi che si sono detti disponibili a ripetere questo lavoro in altre lingue.

Con la pubblicazione dell’e-book contenente le Letters, Medel ha voluto lasciare traccia degli avvenimenti tragici del luglio 2016 che hanno colpito direttamente anche Yarsav, l’associazione di giudici e pubblici ministeri turchi aderente a Medel.

Durante il periodo della mia presidenza di Medel, erano avvenuti i primi contatti e poi la adesione a Medel di Yarsav. Avevamo seguito con attenzione la creazione della prima associazione di magistrati in Turchia e la loro adesione a Medel avvenne in tempi molto stretti. Ho un ricordo vivissimo dei rapporti molto positivi che Yarsav aveva con l’Avvocatura ed il mondo accademico, delle sale gremite e del clima di entusiasmo che caratterizzava gli incontri, un entusiasmo contagioso che, in un mio intervento ad un convegno ad Ankara con avvocati ed universitari, mi spingeva a dire che – in quella sala – parlavamo tutti un’unica “mother tongue”, basata sui principi dello stato di diritto.

Concludo questa breve introduzione con il ricordo di un episodio.

Quando, nel 2008, Yarsav era stata costituita e immediatamente sciolta dal Governo, i colleghi turchi presentarono un ricorso al Consiglio di Stato contro l’atto di scioglimento e mi suggerirono di scrivere una lettera a tutte le più alte cariche dello Stato. Lo feci, con la convinzione di scrivere sulla sabbia. E invece ricevetti una risposta dall’Ambasciatore di Turchia a Roma che mi indirizzò una lettera rispettosissima ed amicale. Scriveva «a nome del mio Presidente», forniva rassicurazioni sul rispetto che il suo Paese aveva verso i principi dello stato di diritto e ricordava le riforme già introdotte nel settore della giustizia. Il Primo ministro dell’epoca era Recep Tayyip Erdoğan.

Il Consiglio di Stato accolse il ricorso e Yarsav iniziò il suo non lunghissimo periodo di esistenza.

Se penso alla drammatica conclusione che tutto questo ha avuto, mi interrogo sul senso di tutto quel che accadde in quel breve contesto temporale e sul fatto che la Turchia era ed è un Paese troppo grande ed importante per essere tenuto sulla soglia dell’Ue così a lungo.

Torno all’oggi. Dalla data della lettera dell’Ambasciatore turco a Roma, da quell’epoca di riforme istituzionali, all’estate del 2016, erano passati poco meno di otto anni. Sembrano una eternità.

Il mio auspicio forte è che tutti si impegnino perché in Europa resti viva la memoria di quei fatti e di quella Turchia, il ricordo di quegli avvenimenti e l’attenzione verso tanti amici ancora privati della libertà personale e dei loro beni.



3 novembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
di Giampiero Buonomo
Con il ricorso all'articolo 18 Cedu la Corte di Strasburgo ha dato tutela al turco Demirtaş ed al russo Navalny, i principali oppositori ai confini orientali dell’Europa. La condanna di processi “a fine mascherato” evidenzia che la libertà del dibattito politico è il cuore della società democratica
20 febbraio 2019
Principio di non discriminazione e norme speciali per le minoranze. La legge sacra islamica di fronte alla Cedu
Principio di non discriminazione e norme speciali per le minoranze. La legge sacra islamica di fronte alla Cedu
di Marika Ikonomu
La Corte analizza la questione alla luce sia delle fonti interne sia della normativa europea e internazionale, al fine di individuare il corretto bilanciamento tra la protezione del particolarismo religioso e la protezione dei diritti fondamentali
10 gennaio 2019
Biking while black. Riflessioni a partire dalle recenti circolari del prefetto di Firenze
Biking while black. Riflessioni a partire dalle recenti circolari del prefetto di Firenze
di Alessandro Simoni
Atti che si pongono molto in basso nella gerarchia delle fonti possono a volte aiutare a comprendere come la cultura dello Stato di diritto entri in crisi quando il clima politico è dominato dall'ansia di rendere meno visibili determinate categorie di immigrati
30 novembre 2018
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
La lezione di Dworkin: anche nella partita sulla sicurezza, la «briscola» è la tutela dei diritti fondamentali
di Donatella Stasio
Reati in calo, processi lenti, carceri affollate: un quadro che ci riporta indietro di dieci anni e riapre prospettive securitarie. Secondo il filosofo americano, il rispetto dei diritti umani non è un impiccio di cui liberarsi per placare la paura e riscuotere consensi
30 ottobre 2018
Caso Polonia, ancora una pronuncia d'urgenza della Cgue. Il rispetto dello Stato di diritto negli Stati membri riguarda tutti gli europei
Caso Polonia, ancora una pronuncia d'urgenza della Cgue. Il rispetto dello Stato di diritto negli Stati membri riguarda tutti gli europei
di Gualtiero Michelini
Nell’ambito di una procedura d'infrazione della Commissione, la Corte ingiunge alla Repubblica di Polonia di sospendere l'applicazione della legge di riforma della Corte suprema. La Corte di Lussemburgo ribadisce che le riforme istituzionali all'interno di ciascuno Stato membro non sono indifferenti per l’Unione e per gli altri Stati membri, mediante applicazione diretta della Carta dei diritti fondamentali
26 ottobre 2018
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
La Corte Edu attaccata, ieri e oggi. Di chi è la colpa?
di Roberto Conti
La vicenda dell’evacuazione del campo rom di Camping River, attuata nonostante la sospensione disposta dalla Corte Edu in via d’urgenza, è l’occasione per una riflessione su una cultura giuridica sovranista che dimentica le ragioni che hanno portato gli Stati a creare una Corte europea pace di tutelare i diritti umani anche davanti ad azioni delle autorità nazionali. Un campanello d’allarme e un invito a cambiar strada
28 luglio 2018
Reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e immigrazione: le direttive del Procuratore della Repubblica di Torino
Reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e immigrazione: le direttive del Procuratore della Repubblica di Torino
Pubblichiamo le Direttive per un più efficace contrasto dei reati motivati da ragioni di odio e discriminazione etnico-religiosa e per la più rapida trattazione degli Affari dell’Immigrazione, nel rispetto dei diritti fondamentali delle persone emanate il 9 luglio 2018
17 luglio 2018
Protezione internazionale, il diritto di impugnazione e le sezioni specializzate*
Protezione internazionale, il diritto di impugnazione e le sezioni specializzate*
di Silvia Albano
L’autrice evidenzia i lati problematici della normativa introdotta con la legge 46/2017, che modifica il rito applicabile alle controversie per il riconoscimento della protezione internazionale, alla luce della sua prima applicazione. In particolare, i problemi posti dalla previsione solo eventuale dell’udienza e della compatibilità di tale disposizione con le norme costituzionali di cui agli artt. 24 e 111.
16 maggio 2018
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
La Dichiarazione di Copenaghen sull’avvenire della Corte Edu
di Emma Rizzato
Gli Stati membri del Consiglio d’Europa hanno discusso, sotto la presidenza danese, del futuro del sistema convenzionale e formulato raccomandazioni con l'obiettivo di garantire maggiore qualità e efficienza ai meccanismi nazionali di protezione dei diritti umani e all'azione della Cedu
14 maggio 2018
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Osservatorio internazionale
CGUE, pillole di dicembre
CGUE, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a dicembre 2018
22 febbraio 2019
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
La tutela del dibattito politico al di là delle immunità
di Giampiero Buonomo
Con il ricorso all'articolo 18 Cedu la Corte di Strasburgo ha dato tutela al turco Demirtaş ed al russo Navalny, i principali oppositori ai confini orientali dell’Europa. La condanna di processi “a fine mascherato” evidenzia che la libertà del dibattito politico è il cuore della società democratica
20 febbraio 2019
CEDU, pillole di dicembre
CEDU, pillole di dicembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a dicembre 2018
15 febbraio 2019
CGUE, pillole di novembre
CGUE, pillole di novembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte del Lussemburgo emesse a novembre 2018
8 febbraio 2019
L’arbitrato sportivo internazionale visto da Strasburgo
L’arbitrato sportivo internazionale visto da Strasburgo
di Luigi Dalle Donne
Nel caso Mutu e Pechstein c. Svizzera, la Cedu ha affrontato il tema dell’arbitrato sportivo internazionale e dell’applicabilità delle garanzie dell’articolo 6 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo alle procedure davanti al Tribunale arbitrale dello sport
4 febbraio 2019
CEDU, pillole di novembre
CEDU, pillole di novembre
di Alice Pisapia
Le più interessanti pronunce della Corte Edu emesse a novembre 2018
1 febbraio 2019