home search menu
La coltivazione di <i>cannabis</i> tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
Giurisprudenza e documenti
La coltivazione di cannabis tra tipicità e offensività. Commento a Cass., Sez. 3, 22 febbraio 2017, n. 36037
di Giulia Caveglia
giudice del Tribunale di Torino
Mentre la giurisprudenza di legittimità discute sulla legittimità o meno delle condotte di detenzione e cessione della cannabis sativa L (cannabis light), ritornare a questa sentenza appare importante per ripercorrere tutti gli orientamenti in materia di coltivazione non autorizzata e, più in genere, di offensività penale nel campo delle sostanze stupefacenti

Con la sentenza in commento la suprema Corte ha sancito che «nel delitto di coltivazione di sostanze stupefacenti, l’astratta offensività del fatto, correlata all’aumento di occasioni di lesione della salute pubblica derivante dall’incremento della provvista di stupefacente esistente e dalle sue possibilità di circolazione, attiene al piano della tipizzazione legale della condotta di rilevanza penale, la quale deve essere esclusa in caso di inidoneità della sostanza prodotta a raggiungere la soglia di capacità drogante minima. Nondimeno, trattandosi di reato di pericolo è, altresì, necessario che il giudice valuti se, in concreto, vi sia una effettiva possibilità di lesione del suddetto interesse. La quale può essere esclusa ove non vi sia pericolo di diffusione della sostanza prodotto a producibile e, con esso, la moltiplicazione delle occasioni di lesione della salute pubblica, attraverso la circolazione della droga e di alimentarne il mercato».

Nel caso di specie, l’imputato è stato condannato, all’esito del giudizio abbreviato, alla pena di 8 mesi di reclusione e 2.000 euro di multa in relazione al delitto di cui all’art. 73, comma 5 dPR 309/90, per avere coltivato, all’interno della propria abitazione, sei piantine di cannabis dell’altezza di circa 90 cm, contenenti complessivamente un quantitativo di THC di 1,070 gr. Con il medesimo provvedimento, l’imputato è stato assolto per la detenzione di una pianta di cannabis già essiccata del peso di circa sette grammi, nonché di 2,5 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana: ciò sul presupposto che tale sostanza fosse destinata ad un uso esclusivamente personale. La sentenza di primo grado è stata confermata in grado di appello, con una pronuncia che ha ribadito che la condotta ascritta all’imputato, considerato il quantitativo di marijuana ottenibile (pari a due volte la soglia consentita per la detenzione personale), dovesse ritenersi idonea ad offendere concretamente l’interesse tutelato dalla norma incriminatrice, attraverso il pericolo di un’ulteriore diffusione dello stupefacente prodotto.

Nel gravame presentato alla Corte di cassazione avverso la sentenza di appello, l’imputato ha dedotto l’inosservanza e l’erronea applicazione dell’art. 73 dPR 309/90 e l’illogicità della motivazione in quanto, nel motivare la condanna, i giudici di merito, pur avendolo assolto per la detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, lo hanno condannato per la coltivazione di sei piante di marijuana di cui era stata accertata la destinazione ad un uso personale: secondo la prospettazione difensiva, in tale condotta non poteva che ritenersi mancante una concreta capacità di minacciare la salute pubblica.

La Corte ha ritenuto fondato tale motivo, sancendo il principio anticipato in apertura. Nel motivare la decisione, i giudici di legittimità hanno ripercorso i diversi orientamenti sviluppatisi in merito alla questione della rilevanza penale da attribuire a condotte di coltivazione di sostanze stupefacenti che siano finalizzate ad un consumo esclusivamente personale del coltivatore, partendo dal dato normativo che merita, in questa sede, ricordare: la condotta di coltivazione, anche dopo l’intervento legislativo realizzato nel 2006 (dl 30 dicembre 2005 n. 272, conv. L. 21 febbraio 2006, n. 49), non è richiamata né nell’art. 73, comma 1-bis né nell’art. 75, comma 1, ma solo nel comma 1 dell’art. 73 dPR 309/90. In questo modo, il legislatore sembra avere consapevolmente attribuito a tale condotta una rilevanza penale a prescindere dalla dimensione della piantagione e del principio attivo ricavabile dalle piante: ha, così, finito con l’aderire alla tesi – già sostenuta dalla giurisprudenza di legittimità prima della riforma del 2006 – secondo cui la condotta di coltivazione di stupefacenti è intrinsecamente più grave rispetto a quella di mera detenzione, perché comunque diretta ad aumentare il quantitativo di droga circolante sul territorio, tanto da meritare un trattamento sanzionatorio diverso e più grave. Ne deriva la rilevanza sempre penale della condotta di coltivazione e l’esclusione di qualsivoglia spazio per un intervento sanzionatorio solo amministrativo, per in presenza di coltivazioni di modestissime dimensioni.

La dottrina [1] ha, fin da subito, messo in luce il profilo di criticità di una simile, rigorosa, impostazione legislativa, che finiva per equiparare alle condotte di coltivazione su larga scala di sostanze stupefacenti quelle domestiche di poche piantine, destinate a consentire il ricavo di modesti quantitativi di principio attivo, con un conseguente ridottissimo – o pressoché nullo – rischio per la salute pubblica. La strada tracciata dai commentatori per temperare tale rigore, pur senza porsi in contrasto con la rilevata intenzione del legislatore, mirava a distinguere la coltivazione intesa in senso tecnico-agrario dalla modesta attività di coltivazione cd. domestica: in quest’ultimo caso, poteva essere sostenuto che si fosse al di fuori della nozione di coltivazione presa in esame negli artt. 26-28 dPR 309/90, includendo estensivamente la condotta in un’ipotesi di detenzione colpita solo con sanzioni amministrative a norma dell’art. 75 dello stesso dPR qualora fossero difettati elementi che potessero far ritenere dimostrata una destinazione del ricavato della coltivazione ad uso non esclusivamente personale.

La giurisprudenza, dal canto suo, ha risposto a tale impostazione legislativa interrogandosi sulla nozione di «offensività in concreto» da rintracciarsi nelle condotte di coltivazione di stupefacenti di modesta entità: la pronuncia in commento, al riguardo, ha ricostruito i diversi orientamenti formatisi sul punto, per poi aderire a quello meno “rigoroso” sviluppatosi anche in seguito ai più recenti arresti della giurisprudenza costituzionale.

Un primo orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità, muovendo dal mancato inserimento delle condotte di coltivazione – così come quelle di fabbricazione – tra quelle contemplate dall’art. 75 dPR 309/90, ritiene le stesse sempre penalmente rilevanti: tale lettura ermeneutica viene temperata dalla suprema Corte con una interpretazione costituzionalmente orientata del dato normativo, sicché la condotta di coltivazione viene ritenuta di rilevanza penale solo in quanto concretamente offensiva [2]. Tale linea interpretativa, tuttavia, ha aderito ad una impostazione particolarmente restrittiva della nozione di offensività, arrivando ad affermare che l’offensività della condotta deve essere esclusa solo qualora la sostanza ricavabile dalla coltivazione risulti priva della capacità ad esercitare, anche in misura minima, l’effetto psicotropo evocato dall’art. 14 del dPR 309/90 [3]. In altre parole, secondo tale orientamento, la rilevanza penale della coltivazione viene ancorata alla mera «conformità della pianta al tipo botanico previsto ed alla sua attitudine a giungere a maturazione e a produrre sostanza stupefacente, indipendentemente dalla quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza» [4].

La sentenza che si annota mette in luce la criticità di tale filone ermeneutico: la conclusione a cui si giunge nel delineare una simile lettura restrittiva alla nozione di offensività – affermano i giudici di legittimità – finisce per sovrapporre indebitamente due piani, ossia quello della tipicità e quello dell’offensività della condotta, che dovrebbero, invece, rimanere distinti; al riguardo, rimarcano che l’assenza di un qualsivoglia effetto drogante nella sostanza prodotta o coltivata non esclude tanto l’offensività, quanto la tipicità della condotta, come già messo in luce dalla Corte costituzionale con la pronuncia n. 109 del 2016.

Pertanto, proseguono i giudici nella sentenza in commento, appare preferibile aderire ad un differente orientamento, pur già espresso da svariate pronunce della Corte suprema [5], il quale, muovendo anch’esso dalla premessa della necessaria offensività del fatto, giunge al seguente esito interpretativo: ai fini dell’accertamento dell’offensività della condotta non può ritenersi sufficiente la verifica circa la conformità della pianta al tipo botanico vietato, dovendosi, invece, accertare in concreto l’effettiva capacità delle piante coltivate a produrre un effetto drogante. Sulla base di tale premessa, si arriva a sostenere che l’offensività in concreto della condotta deve essere intesa, oltre che come effettiva capacità della sostanza a produrre un effetto drogante, anche come concreto pericolo di aumento di disponibilità dello stupefacente, o di diffusione dello stesso sul territorio. Nelle pronunce in cui si è aderito a tale orientamento ermeneutico si è coerentemente ritenuto che l’inoffensività in concreto ricorra quando la condotta sia così trascurabile «da rendere sostanzialmente irrilevante l’aumento di disponibilità della droga e non prospettabile alcun pericolo di ulteriore diffusione di essa». Ciò porta a ritenere insufficiente, per considerare concretamente offensiva una condotta di coltivazione, la valutazione del solo dato quantitativo di principio attivo ricavabile dalle singole piante, dovendosi invece accertare «l’estensione e il livello di strutturazione della coltivazione», in modo da apprezzare in concreto se da essa possa derivare o meno una produzione potenzialmente idonea ad incrementare il mercato. Ne discende che il mero raggiungimento di una soglia drogante non è, di per sé, sufficiente a considerare offensiva una condotta di coltivazione di sostanze stupefacenti.

La sentenza in commento, nell’aderire a tale orientamento interpretativo in punto «offensività della condotta», ha ritenuto quest’ultimo maggiormente coerente con le linee tracciate dalla Corte costituzionale [6] che, in diverse pronunce, ha rimarcato la necessità di mantenere distinti il piano della tipizzazione legale della condotta di coltivazione dal piano della concreta valutazione giudiziale; i giudici di legittimità hanno, pertanto, concluso osservando che laddove la condotta tipica di coltivazione di una pianta conforme al tipo botanico abbia raggiunto la soglia drogante, ai fini dell’accertamento dell’offensività dell’azione risulta, comunque, necessario valutare se sia stato messo effettivamente in pericolo il bene giuridico protetto: nel caso in cui sia accertato che la condotta tipica di coltivazione sia del tutto inidonea a determinare la possibile diffusione della sostanza producibile, in regione del conclamato uso esclusivamente personale e della minima entità della coltivazione, non potrà che concludersi per la completa inoffensività della condotta.

Muovendo da tali considerazioni, nella sentenza che si annota i giudici hanno accolto il motivo addotto dall’imputato: dal momento che, nel caso di specie, le risultanze istruttorie avevano portato la Corte territoriale ad accertare che l’attività di coltivazione portata avanti dall’imputato era pacificamente diretta al consumo personale, doveva concludersi che tale condotta non fosse in grado, in concreto, di recare alcuna lesione della salute pubblica (il concetto di «salute pubblica», come già argomentato dalla Corte costituzionale nella pronuncia sopra citata, deve essere inteso come «la risultante della sommatoria della salute dei singoli individui»), la quale non avrebbe potuto essere concretamente vulnerata da una coltivazione di sostanza stupefacente finalizzata al consumo esclusivo di una sola persona. La Corte ha, altresì, specificato che, in una simile condotta di coltivazione di poche piante destinate ad un uso personale, non poteva essere ravvisata una qualche idoneità a favorire la circolazione della droga e di alimentare il mercato.



[1] C.A. Zaina, La nuova disciplina penale delle sostanze stupefacenti, Bologna, 2006. Amato, Giur. Merito, fasc. 7-8, 2008, pa. 1811 B.

[2] Cfr. Cass. Sez. 4 n. 25674 del 17 febbraio 2011, che ha espressamente sancito che la condotta inoffensiva impedisce, ai sensi dell’art. 49 cp l’integrazione del reato di cui all’art. 73, comma 1, dPR 309/90.

[3] Cfr. Cass. Sez. 3, n. 23881 del 23 febbraio 2016 e Sez. 4, n. 44136 del 27 ottobre 2015.

[4] Cfr., ex multis, Cass. Sez. 4, n. 53337 del 23 novembre 2016; Cass. Sez. 6, n. 49476 del 4 dicembre 2015 e Cass. Sez. 6, n. 3037 dell’8 settembre 2015.

[5] Cfr., tra le altre, Cass. Sez. 6 n, 8058 del 17 febbraio 2016; Cass. Sez. 6, n. 2548 del 17 dicembre 2015; Cass. Sez. 6, n. 5254 del 10 novembre 2015.

[6] Vds. la già citata pronuncia 109 del 2016.

21 febbraio 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Cassazione, sulla questione della retroattività della legge abrogatrice della protezione umanitaria
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
di Isabella Mariani
Prendendo spunto dalla recente ordinanza della Cassazione, sezione VI, n. 97/2019, l’autrice esamina la giurisprudenza di legittimità in ordine al rapporto tra la sentenza di primo grado che fa proprie le conclusioni nel merito della consulenza tecnica di ufficio e il contenuto dell’atto di appello che censura la decisione, alla stregua dei principi dettati dall’art. 342 cpc e interpretati dalla giurisprudenza della SC, in tema di ammissibilità dell’appello
23 settembre 2019
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
di Luca Baiada
Brevi note a Cassazione Civile, III Sezione, 25 giugno 2019, n. 21995
20 settembre 2019
La Cassazione giudice dell’attrazione in autodichia *
di Giampiero Buonomo
A due anni di distanza dalla sentenza n. 262 del 2017 della Corte costituzionale, le ordinanze 5 maggio-8 luglio 2019 nn. 18265 e 18266 delle Sezioni unite civili della Corte di cassazione, pronunciate in sede di regolamento di giurisdizione, affermano che i titolari di vitalizio parlamentare non sono terzi − rispetto all’Istituzione cui appartennero − e che, pertanto, i loro ricorsi rifluiscono in autodichia
17 settembre 2019
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
di Federica Panno
Nota a Cassazione Civile, I Sezione, 15 marzo 2019 (dep. 15 maggio 2019), n. 13000, Pres. M. Acierno, Rel. E. Campese
13 settembre 2019
L’ipotesi di applicazione retroattiva dell’abrogazione della protezione umanitaria ai procedimenti pendenti: una lettura critica della questione rimessa alle Sezioni unite
L’ipotesi di applicazione retroattiva dell’abrogazione della protezione umanitaria ai procedimenti pendenti: una lettura critica della questione rimessa alle Sezioni unite
di Nicola Canzian
Il contributo analizza in chiave critica le ordinanze che hanno rimesso alle SU la questione degli effetti intertemporali della protezione umanitaria. Questo orientamento propende per l’applicazione immediata delle nuove norme, ritenendo che il diritto a tale protezione sia una fattispecie a formazione progressiva; a questa ricostruzione si contrappongono i più convincenti argomenti dell’opposto orientamento, secondo cui la riforma non può essere applicata a chi già vantava il diritto alla protezione umanitaria, inteso quale diritto umano che preesiste al suo riconoscimento in sede amministrativa o giurisdizionale.
25 luglio 2019
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019
L’effettività dell’assistenza quale requisito per l’inoppugnabilità delle rinunce e transazioni ai sensi dell’art. 2113 comma 4 cc. Lineamenti giurisprudenziali
L’effettività dell’assistenza quale requisito per l’inoppugnabilità delle rinunce e transazioni ai sensi dell’art. 2113 comma 4 cc. Lineamenti giurisprudenziali
di Amato Carbone
Il giudice di merito è di frequente chiamato a sindacare la genuinità della volontà transattiva espressa dal lavoratore in occasione di accordi in sede sindacale. Quali requisiti deve presentare la tutela offerta per risultare effettiva ed efficace?
10 luglio 2019
Sicurezza sociale e nuove tipologie contrattuali: l'assegno al nucleo familiare
Sicurezza sociale e nuove tipologie contrattuali: l'assegno al nucleo familiare
di Anna Terzi
Il giudice di legittimità indica nell'interpretazione sistematico-evolutiva la via corretta per l’applicazione delle norme previdenziali anteriori alla disciplina delle nuove tipologie di contratto di lavoro
2 luglio 2019
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Giurisprudenza e documenti
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
La trasparenza negata. Commento a Tar Lazio n. 5714/2019
di Salvatore Messineo
Il potere di archiviazione pre-disciplinare del P.G. è libero da controlli e gli atti di archiviazione sono inconoscibili con lo strumento dell’accesso civico generalizzato
7 ottobre 2019
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
CTU, svolta in primo grado e vaglio di ammissibilità dell’appello ai sensi dell’art. 342 cpc nella più recente giurisprudenza della Cassazione
di Isabella Mariani
Prendendo spunto dalla recente ordinanza della Cassazione, sezione VI, n. 97/2019, l’autrice esamina la giurisprudenza di legittimità in ordine al rapporto tra la sentenza di primo grado che fa proprie le conclusioni nel merito della consulenza tecnica di ufficio e il contenuto dell’atto di appello che censura la decisione, alla stregua dei principi dettati dall’art. 342 cpc e interpretati dalla giurisprudenza della SC, in tema di ammissibilità dell’appello
23 settembre 2019
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
Ancora sull’esecuzione su beni di Stato estero
di Luca Baiada
Brevi note a Cassazione Civile, III Sezione, 25 giugno 2019, n. 21995
20 settembre 2019
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
Fecondazione post mortem: il figlio nato a seguito del ricorso a tecniche di pma dopo la morte del padre ha diritto al cognome paterno
di Federica Panno
Nota a Cassazione Civile, I Sezione, 15 marzo 2019 (dep. 15 maggio 2019), n. 13000, Pres. M. Acierno, Rel. E. Campese
13 settembre 2019
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019