home search menu
Il Tribunale permanente dei popoli condanna l’Italia e l’Unione europea per concorso in crimini contro l’umanità a causa delle politiche sull’immigrazione
Osservatorio internazionale
Il Tribunale permanente dei popoli condanna l’Italia e l’Unione europea per concorso in crimini contro l’umanità a causa delle politiche sull’immigrazione
di Mario Ventrone
dottore di ricerca in Studi internazionali, Università degli studi di Napoli “L’Orientale”
Dal Tribunale voluto da Lelio Basso arriva l’ennesima denuncia di illegittimità ed inopportunità etico-politica delle misure apprestate in Europa negli ultimi anni per bloccare il flusso di migranti. Un monito che riguarda tutti.

Nella sessione dedicata ai diritti delle persone migranti e rifugiate tenutasi a Palermo dal 18 al 20 dicembre scorso, il Tribunale permanente dei popoli, sotto la presidenza di Franco Ippolito, dando seguito ad un atto di accusa presentato da ben 96 associazioni e ong italiane, ha condannato senza mezzi termini le politiche italiane ed europee in materia di immigrazione e asilo. La decisione, proveniente da un tribunale di opinione, non rigorosamente condizionato alle fattispecie penali di diritto positivo di origine nazionale o internazionale, è interessante perché rappresenta un’aperta denuncia che matura in un clima di crescente sfiducia verso “l’altro” e di progressiva deresponsabilizzazione nei confronti di un dramma umano che si consuma ormai senza sosta.

Il quadro di riferimento è noto. Le politiche di esternalizzazione del controllo delle frontiere e di contrasto all’immigrazione attuate con il supporto politico ed economico dell’Unione europea da alcuni Stati membri, tra cui l’Italia, hanno finito con l’avallare documentati metodi di violenza, tortura e schiavitù che sistematicamente si consumano nei Paesi di origine e di transito a danno dei migranti. Ciò su cui pare doveroso richiamare l’attenzione, come del resto fa lo stesso Tribunale, sono le modalità con cui le suddette politiche vengono attuate, che hanno effetti sia sul piano interno, ove andrebbe apprezzata la loro trasparenza e democraticità, sia su quello internazionale, ponendosi la questione di un’eventuale responsabilità diretta o indiretta dell’Ue e degli Stati membri per le violazioni dei diritti umani patite da migranti e richiedenti asilo.

Quanto al primo profilo, gli accordi o, molto più spesso, “memorandum d’intesa” con i principali Stati di origine e transito dei migranti, firmati nel quadro del Processo di Khartoum (2014) e sollecitati dall’Agenda europea per l’immigrazione (2015), sfuggono a un pieno controllo democratico. Difatti, se a livello europeo essi sono spesso qualificati come atti di soft-law, con conseguente impossibilità di potervi esercitare un controllo giurisdizionale (come sembra chiaramente indicare il Tribunale dell’Unione europea a proposito dello Statement tra Ue e Turchia del 18 marzo 2016 nelle ordinanze del 28 febbraio 2017, cause T-192/16, T-193/16 e T-257/16), in Italia i memorandum d’intesa vengono presentati come protocolli operativi senza alcun tipo di intervento da parte del Parlamento. Eppure, stante il disposto dell’art. 80 Cost., si potrebbe dubitare della legittimità costituzionale di accordi del genere per la loro rilevanza politica e finanziaria: si pensi, a tal proposito, al Memorandum stipulato nel 2016 dall’Italia con il Sudan di Omar al-Bashir, accusato dalla Corte penale internazionale di crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio, o al Memorandum del 2 febbraio 2017 firmato dal presidente del Consiglio Gentiloni e Serraj, presidente di un ancora precario Governo di riconciliazione nazionale in Libia (si vedano sul punto le osservazioni di F. Vassallo Paleologo pubblicate su Associazione diritti e frontiere-Adif). Il Tribunale ha anche messo in evidenza come questi accordi siano in buona parte finanziati attraverso fondi provenienti dall’Ue originariamente destinati alle politiche per lo sviluppo e la lotta alla povertà e che, attraverso gestioni poco trasparenti e senza la partecipazione del Parlamento europeo, vengono dirottati verso il finanziamento di progetti che sottolineano un approccio securitario all’immigrazione. Il Fondo europeo di emergenza per l’Africa, ad esempio, ha destinato parte delle sue risorse (oltre 3 miliardi di euro) all’equipaggiamento di forze militari, di polizia e di guardie di frontiera in Libia, Sudan e Sahel.

Questa politica di cooperazione – e qui veniamo al secondo piano di indagine – ha avuto l’effetto perverso, secondo il Tribunale, di peggiorare le condizioni dei migranti che tentano di aprirsi una rotta verso l’Europa. La drastica riduzione degli sbarchi provenienti dalla Libia, grazie al potenziamento della guardia costiera locale e alla creazione di una zona SAR “a estensione variabile” in cui questa si trova ad operare, ha ad esempio costretto i trafficanti di migranti a sostituire il business dei viaggi via mare con quello della detenzione nei campi destinati al trattenimento delle persone respinte o recuperate in mare. Come è emerso dalle numerose testimonianze e dai diversi rapporti presi in esame dal Tribunale, in questi centri di detenzione vengono praticate estorsioni e torture, mentre il recupero dei migranti in mare da parte delle autorità libiche avviene in assenza delle più elementari condizioni di sicurezza. Tali attività di recupero sarebbero talvolta avvenute con il coordinamento della Guardia costiera e della Marina militare italiana, senza alcuna forma di identificazione dei migranti o possibilità di accesso alla procedura per il riconoscimento della protezione internazionale. Nello specifico caso libico, questa condotta delle autorità italiane – che si sviluppa nel contesto della cooperazione in materia di contrasto all’immigrazione illegale riavviata, dopo la sospensione del trattato del 2008 con la Libia di Gheddafi, dal citato Memorandum del febbraio scorso – sembrerebbe orientata, secondo la decisione in commento, all’elusione dell’obbligo di non-refoulement, in particolar modo nei termini precisati dalla Corte europea dei diritti dell’uomo nella sentenza relativa al caso Hirsi c. Italia (2012).

Non solo. Il Tribunale delinea dei profili di responsabilità penale dei vertici dello Stato, nonché di responsabilità internazionale dell’Italia, a causa della complicità per le torture che continuerebbero ad essere commesse nei campi di detenzione libici e sulle quali già da tempo si è concentrata anche l’attenzione del procuratore della Corte penale internazionale, Fatou Bensouda. Invero, la connessione tra la condotta italiana, consistente nella fornitura di assistenza tecnica e finanziaria alle autorità libiche, e le gravi violazioni dei diritti umani che si consumerebbero in Libia è già stata evidenziata dalla dottrina internazionalistica e una responsabilità indiretta dell’Italia su tali illeciti appare difficilmente contestabile (si veda, tra gli altri, l’intervento di A. Del Guercio e A. Liguori sull’ultimo Bollettino Laboratorio diritti fondamentali-Ldf).

La ricostruzione rigorosa di una responsabilità giuridica dell’Unione europea e degli Stati membri, nonché dei singoli agenti che abbiano con diverso grado di partecipazione concorso alla realizzazione di quel processo di espoliazione dei diritti e della dignità dei migranti, resta un’operazione complessa. Come si legge nella decisione del Tribunale, l’individuazione dei colpevoli è resa difficile da una concatenazione estremamente lunga, e talvolta occulta, di eventi, dinanzi alla quale si è troppo spesso tentati ad arrestare l’indagine ai responsabili più ovvi, gli scafisti o i trafficanti di turno, alimentando così l’impressione che oltre i confini africani, oltre quel mare che è insieme luogo di speranza e di morte, nessuno possa essere chiamato a rispondere delle proprie azioni o omissioni. È proprio sulla base di queste considerazioni che la giuria di esperti riunitasi a Palermo evoca dei “crimini di sistema”, quali esiti degenerati di un preciso contesto politico-economico non qualificabili in termini strettamente giuridici. Di tali “crimini” sarebbe responsabile non solo l’Unione europea, per aver fatto ricorso ad una politica migratoria basata sui respingimenti e sull’esternalizzazione, ma anche i singoli Stati membri, per non aver rispettato gli obblighi di soccorso in mare e per essersi resi complici delle gravi violazioni dei diritti umani sofferte dai migranti respinti.

Questa responsabilità si basa su due corollari. Anzitutto, la riconduzione dei migranti, pur con le loro diverse origini etniche, culturali e nazionali, alla categoria di “popolo”. Il popolo, secondo un processo di massificazione causata dalle stesse politiche europee e dalle loro conseguenze, viene così identificato sulla base delle violazioni e delle aggressioni che esso subisce e alla “popolazione migrante” vengono pertanto riconosciuti quei diritti sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti dei popoli (Carta di Algeri, 1976), sulla cui osservanza il Tribunale permanente è chiamato a vigilare. In secondo luogo, il diritto di migrare e di essere accolti è riconosciuto come diritto umano fondamentale. Nonostante lo ius migrandi non trovi ancora tutela nell’ordinamento internazionale, l’esigenza di migrare è, secondo il Tribunale, un atto esistenziale e politico che va riconosciuto e tutelato dinanzi alla persistenza di modelli economici di sfruttamento che non consentono uno sviluppo equo e sostenibile. Inoltre, se ogni individuo è libero di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio (Patto sui diritti civili e politici, art. 12.2), dovrebbe anche potersi derivare un diritto ad essere accolti, ovvero di ricevere residenza, superando così il tradizionale ruolo delle frontiere come emblema della sovranità statale.

Tutto ciò considerato, il Tribunale permanente dei popoli ha ritenuto che le politiche dell’Unione europea in tema di immigrazione e asilo costituiscano una negazione dei diritti fondamentali delle persone e del popolo migrante; che l’arretramento delle unità navali di Frontex e di Eunafor Med, contribuendo all’estensione degli interventi della guardia costiera libica in acque internazionali, abbia compromesso la vita e l’incolumità dei migranti; che l’Italia, a seguito del Memorandum italo-libico del 2 febbraio 2017, abbia concorso nelle azioni poste in essere dalle forze di polizia e militari libiche, nonché dalle milizie tribali e dalla guardia costiera libica, che configurano un crimine contro l’umanità (in particolare si tratterebbe di omicidi, deportazioni, sparizioni forzate, imprigionamenti arbitrari, torture, stupri, riduzione in schiavitù e persecuzioni che si consumano a danno dei migranti); che, sulla base delle stesse condotte, il governo italiano sia corresponsabile degli episodi di aggressione da parte delle unità libiche alle ong che svolgevano attività e soccorso in mare nel Mediterraneo e che il loro allontanamento, anche a seguito dell’imposizione del cd. “codice di condotta” del luglio 2017, ha contribuito ad aumentare il numero delle vittime.

A fronte di tali valutazioni, il Tribunale ha raccomandato una moratoria degli accordi stipulati con i paesi di origine e di transito dei migranti che presentano maggiori criticità in termini di controllo pubblico e violazioni dei diritti umani, nonché la convocazione di commissioni di inchiesta sulle politiche migratorie da parte del Parlamento italiano e di quello europeo, al fine di identificare e perseguire eventuali responsabili di violazioni dei diritti fondamentali e mala gestione dei fondi destinati alla cooperazione internazionale. Esso ha anche sollecitato l’Unione europea e gli Stati membri ad adottare una politica dell’immigrazione pienamente conforme ai diritti umani, in particolare al diritto di asilo. Infine, il Tribunale ha ritenuto opportuno richiamare i media alla diffusione di informazioni corrette sulle questioni migratorie, troppo spesso influenzate da immotivati pregiudizi e paure.

Le analisi svolte dal Tribunale dei popoli non solo rappresentano un forte richiamo per Bruxelles o le autorità del nostro Paese, ma sono il crudo rimprovero nei confronti di una società che sta facendo della chiusura, dell’intolleranza e della xenofobia la propria cifra distintiva. Se il Tribunale non ha il potere di condannare Stati o governanti, esso può certamente concorrere a risvegliare un’opinione pubblica troppo spesso assopita, soprattutto rispetto ad un tema, quale quello dell’immigrazione, su cui le moderne democrazie si giocano parte della loro credibilità.

11 aprile 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Quando il diritto è vita. Note a margine dell’ordinanza del Tribunale di Roma del 21 febbraio 2019
Quando il diritto è vita. Note a margine dell’ordinanza del Tribunale di Roma del 21 febbraio 2019
di Carla Lucia Landri* e Claudia Pretto**
L’art. 25 del Codice visti dell’Unione europea può in taluni casi essere applicato direttamente ed invocato di fronte al giudice nazionale, in mancanza di rilascio di visto da parte della Rappresentanza diplomatica competente
8 luglio 2019
La protezione complementare dopo il dl 113/2018: inquadramento sistematico, questioni di legittimità costituzionale *
di Fabrizio Gallo
Un tema difficile, uno sguardo diverso. L'analisi della riforma dall'angolo visuale della Pubblica amministrazione
5 luglio 2019
Caso Sea Watch 3, la “scandalosa” ordinanza di rigetto del gip di Agrigento
Caso Sea Watch 3, la “scandalosa” ordinanza di rigetto del gip di Agrigento
di Andrea Natale
La richiesta di convalida dell'arresto di Carola Rackete è stata respinta. Una decisione che ricorda l'esistenza di una gerarchia di documenti normativi che antepone la Costituzione e le convenzioni internazionali ai provvedimenti amministrativi di un Ministro
3 luglio 2019
La replica del Tribunale di Firenze alle ordinanze Cass. nn. 1750 e 1751 del 2019 in vista della pronuncia delle Sezioni unite
La replica del Tribunale di Firenze alle ordinanze Cass. nn. 1750 e 1751 del 2019 in vista della pronuncia delle Sezioni unite
di Cecilia Pratesi
L’interpretazione degli effetti della successione di leggi nel tempo nell’abrogazione della disciplina della protezione umanitaria implica molteplici profili di ricostruzione sistematica del diritto di asilo, con numerose e complesse conseguenze in diritto. Nota a Tribunale Firenze, 22 maggio 2019
1 luglio 2019
Vietato “girare in asciugamano”: i regolamenti interni degli hotspot tra illegittimità e retoriche discriminanti
Vietato “girare in asciugamano”: i regolamenti interni degli hotspot tra illegittimità e retoriche discriminanti
di Lucia Gennari* e Francesco Ferri**
Le strutture hotspot aperte a partire dal 2015 dal Governo italiano su sollecitazione della Commissione europea, operano in assenza di una legge organica e sono tuttora regolate da atti amministrativi e prassi di polizia
24 giugno 2019
A proposito del decreto sicurezza-bis
A proposito del decreto sicurezza-bis
di Andrea Natale
Il contributo analizza le principali novità introdotte dal cd. decreto sicurezza-bis e riflette su possibili frizioni tra quelle disposizioni e alcune previsioni normative poste a garanzia di diritti fondamentali
20 giugno 2019
«La legge non dispone che per l’avvenire» (art. 11 disp. prel. cc): a proposito del decreto sicurezza
«La legge non dispone che per l’avvenire» (art. 11 disp. prel. cc): a proposito del decreto sicurezza
di Cesare Massimo Bianca
Considerazione critiche sull'ordinanza 11750/2019 della Corte di cassazione in tema di efficacia retroattiva del dl 113/2018
17 giugno 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14 giugno 2019
L’attualità del caso Khlaifia. Gli hotspot alla luce della legge 132/2018: la politica della detenzione extralegale continua
L’attualità del caso Khlaifia. Gli hotspot alla luce della legge 132/2018: la politica della detenzione extralegale continua
di Adelaide Massimi* e Francesco Ferri**
I centri di prima identificazione italiani continuano ad essere caratterizzati da prassi detentive non disciplinate dalla normativa vigente. Il processo di supervisione dell'attuazione della sentenza Khlaifia può essere un'occasione per interrogarsi sull'attuale funzionamento degli hotspot e sull'illegittimità dei trattenimenti finalizzati all'identificazione
12 giugno 2019
Le ordinanze prefettizie limitative della libertà di movimento nelle “zone rosse” *
di Giacomo Cresci
È stata di recente inaugurata a Firenze e Bologna una nuova frontiera nell’esercizio dei poteri di polizia con riflessi sui principi cardine di un ordinamento democratico: ma l’ordinanza prefettizia del Prefetto di Firenze, limitativa della libertà di movimento a seguito di mera denuncia, è stata annullata dal Tar Toscana con la decisione che si commenta
10 giugno 2019
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Osservatorio internazionale
Pillole di Consiglio d’Europa n. 1
Pillole di Consiglio d’Europa n. 1
Il Comitato dei Ministri (CM), l’Assemblea Parlamentare (APCE), il Rappresentante Speciale per le Migrazioni e i Diritti Umani, la Commissaria per i Diritti Umani
4 luglio 2019
CEDU, pillole di aprile
CEDU, pillole di aprile
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo ad aprile 2019: legittimità della detenzione del richiedente asilo, deroga ad alcuni diritti fondamentali durante lo stato di emergenza, diritto a un equo processo, diritto al rispetto della vita privata e familiare, best interests of the child, principio del ne bis in idem
28 giugno 2019
CEDU, pillole di marzo
CEDU, pillole di marzo
di Marika Ikonomu* e Maria Giuliana Civinini**
Le più interessanti pronunce emesse dalla Corte di Strasburgo a marzo 2019: inadeguatezza delle cure mediche durante la detenzione, diritto ad un ricorso effettivo contro il trattenimento nei centri di accoglienza, diritto al rispetto della vita familiare, diritto ad un tribunale costituito per legge, libertà di espressione
21 giugno 2019
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
Il caso Lambert tra pronunce della Corte Edu e decisioni del giudice nazionale
di Sabrina Apa
Con due decisioni cautelari (30 aprile e 20 maggio 2019), la Cedu è tornata a pronunciarsi sulla vicenda di Vincent Lambert, il cittadino francese rimasto tetraplegico ed in stato vegetativo a seguito di incidente stradale del 2008. Subito dopo è intervenuta la Corte d’appello di Parigi, che ha sospeso ogni intervento in attesa della pronuncia del Comitato Onu sui Diritti delle persone con disabilità
19 giugno 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
Conseguenze della condanna penale del rifugiato secondo la sentenza della Cgue del 14 maggio 2019
di Francesco Buffa* e Salvatore Centonze**
La commissione di reati gravi sul territorio nazionale non fa dell’immigrato un soggetto privo del tutto di protezione e di diritti, spettandogli comunque i diritti salvaguardati per tali ipotesi dalla Convenzione di Ginevra e tutti i diritti spettanti allo straniero e non presupponenti una sua residenza regolare
14 giugno 2019
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Ergastolo ostativo, la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
Per la Cedu, violato l'articolo 3 della Convenzione nel caso Viola c. Italia
13 giugno 2019