home search menu
Leggi e istituzioni
“Il meglio è nemico del…bene”
di Davide Steccanella
avvocato in Milano
Come gran parte delle leggi, anche il ddl contro omofobia e transfobia poteva certamente risultare migliore, ma almeno, da oggi, razzismo e omofobia sono crimini equiparati
“Il meglio è nemico del…bene”

L'articolo di Luca Morassutto muove alcune critiche al disegno di legge approvato dalla Camera “in materia di contrasto dell’omofobia e della transfobia". Pur convenendo con l’estensore che il testo finale mostra di avere tenuto in evidente conto di tutte le diverse “sensibilità” politiche che in questi mesi hanno contribuito a redigerlo, alcune delle critiche ivi esposte non paiono così tecnicamente condivisibili.

Lamenta l’avvocato Morassutto che tre sarebbero i punti “critici” della legge in questione, e tutti e tre racchiusi in quell’ art. 3 bis che ha recepito due emendamenti introdotti in diversi momenti da Verini e da Gitti.

Il primo riguarderebbe la definizione “riconducibili al pluralismo delle idee” scriminante, secondo l’estensore dell’articolo, dai contorni di determinatezza troppo vaghi per assolvere da un lato agli obblighi costituzionali di tassatività in materia penale, e dall’altro a quelli imposti dagli artt. 4 e 5 della convenzione ONU del 1965 contro ogni forma di discriminazione razziale espressamente recepita prima dalla Legge Reale del 1975, e quindi dalla Legge Mancino.

Entrambi i rilevi non convincono perché mostrano di non tenere conto che la scriminante del pluralismo delle idee è retta da quella unica condizione finale che la legittima, ed introdotta dall’avverbio purchè, e che esclude, tassativamente ed in pieno rispetto della convenzione ONU, che possa ritenersi libera manifestazione del pensiero tutto quanto istiga all’odio o alla violenza, ed appare di tutta evidenza che qualsiasi manifestazione pubblica di “razzismo” contiene in nuce e per definizione stessa una istigazione se non alla violenza quanto meno all’odio (di razza appunto).

Il secondo riguarderebbe la scelta del termine “diritto” in vece di quello di “legge” nella seconda scriminante prevista per le “condotte conformi al diritto vigente” e che, sempre secondo l’estensore, rischierebbe di lasciare impunito un Sindaco che vietasse le panchine del parco ai ROM a mezzo di una semplice Ordinanza.

A prescindere dal fatto che si tratta di precisazione del tutto “inutile”, posto che ritenere che una condotta conforme al diritto vigente possa costituire allo stesso tempo reato appare evidente ossimoro, anche tale rilievo non appare a chi scrive così fondato.

E’ ben vero che il termine diritto è più esteso di quello di legge essendo, il primo, formato da più fonti, tra le quali, anche, ma non solo, le leggi, ma sostenere che vietare indiscriminatamente l’utilizzo di una struttura pubblica ad una intera etnia non istighi i cittadini di quel comune, o quanto meno alcuni di essi, all’odio razziale, pare alquanto “astratto”.

La terza critica riguarda infine la congiunzione ovvero (in soluzione di continuo con quell’anche se) introdotta prima della ultima previsione di esclusione che riguarda le condotte assunte all’interno di alcune (ed indicate) organizzazioni.

Qui per la verità si conviene con l’avvocato Morassutto, e con quanti ne hanno giustamente criticato la stesura, ma più per ragioni lessicali e grammaticali che per altro, nel senso che è l’intera previsione a risultare mal scritta, e di non immediata comprensione.

Ma nella “sostanza”, che poi è quello che conta, i pericoli denunciati in articolo non ci paiono così concreti.

Anche qui infatti, e come nel primo caso, sembra non essere stata prestata sufficiente attenzione alla definizione finale di chiusura che richiede pur sempre che le citate organizzazioni siano connotate da principi e valori di rilevanza costituzionale, tra i quali non potrebbero certo mai essere ricomprese organizzazioni dedite per statuto all’odio di classe, di religione, di sesso o di razza.

Anzi, a voler ben vedere, proprio quell’ infelice anche se potrebbe essere inteso come richiamo al più generale divieto di istigazione all’odio o alla violenza che esclude in radice la scriminante di cui all’art. 3 bis, nel senso che meglio specifica che rimangono pur sempre punibili tutte quelle condotte in tal senso anche se assunte all’interno di organizzazioni costituzionalmente garantite.

In articolo vengono esplicitati due esempi (un po’ paradossali) di condotte non più punibili a seguito del citato emendamento: a) organizzazione sanitaria che decidesse di non passare medicine ad una particolare etnia e b) licenziamento di dipendente perché di colore.

Sul punto va anche osservato che esistono, e per fortuna, nel nostro Ordinamento (e lo riconosce lo stesso articolista), rimedi idonei ad evitare quanto sopra, senza dovere necessariamente ricorrere alla norma penale che è giusto che intervenga a sanzionare, ed anche pesantemente, tutte quelle condotte che possono in qualche modo risultare istigatrici di odio e violenza, ma non necessariamente tutto quanto è contrario al diritto.

Peraltro, chi scrive, non ritiene che sia solo con lo strumento penale e repressivo che si possa migliorare legislativamente la “cultura” di un paese, ed il fatto che questa legge sia stata approvata con un ampio consenso di forze politiche, fino ad oggi su questi temi in aperta contesa, potrebbe anche rivelarsi un segnale positivo per il futuro, affinchè possano un domani cadere altre “barriere legali”, tuttora incomprensibilmente vigenti, e che non riguardano il diritto penale.

Infine sia consentito di formulare una considerazione d’ordine più generale su questa legge che, come era prevedibile, ha scatenate moltissime polemiche da più e diverse parti.

Come annota anche l’avvocato Morassutto nel suo articolo, finalmente anche in Italia è stata colmata una gravissima lacuna legislativa che fino ad oggi contrassegnava in modo inaccettabile una evidente discriminazione nei confronti di una ben precisa categoria di persone.

il meglio è nemico del bene” recita un noto detto, e se è vero che come gran parte delle leggi, anche questa poteva certamente risultare migliore, è anche vero che almeno da oggi razzismo e omofobia sono crimini equiparati.

Sembra una “ovvietà”, eppure si è dovuto attendere il 2013 perché ciò avvenisse e questo dato mi pare che possa oggi prevalere su tutte le altre considerazioni sempre, sia chiaro, pienamente legittime allorchè ci si trova a dover commentare una nuova legge che riguarda la tutela dei diritti civili.

 

 

26 settembre 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
di Paola Perrone
Un volume importante quello di Carlo Brusco (Edizioni Gruppo Abele), bello soprattutto perché alimenta quel senso di responsabilità negli italiani che fa riconoscere oggi come proprie le storiche colpe dell’antisemitismo del periodo fascista
27 luglio 2019
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
La cultura giuridica e le leggi razziali: avvocati e giudici ebrei. La giurisprudenza in materia razziale
di Carlo Brusco
Il testo costituisce un capitolo, ancora in via di elaborazione, di un libro dedicato alle leggi razziali del 1938/1939 che verrà pubblicato, nell’80° anniversario della loro promulgazione, dalle Edizioni Gruppo Abele
22 dicembre 2018
Il valore dell’indipendenza al tempo delle leggi razziali *
di Olimpia Monaco
L’esempio di Mario Fioretti. Combattere l’immobilismo e l’assoggettamento della giurisdizione alla deriva autoritaria del potere politico significa – ieri come oggi – uscire allo scoperto contro lo “spirito del tempo”, infrangere l’autoreferenzialità e rifondare il rapporto tra legalità e giustizia
13 dicembre 2018
La magistratura al tempo delle leggi razziali *
di Piergiorgio Morosini
In un ritorno ciclico, sempre possibile, dello scarto tra giustizia e neutralità, l’ombra lunga delle leggi antiebraiche impone una rinnovata attenzione per l’assetto e i valori costituzionali. Poteri esercitati “per decreto”, remissività istituzionale, dichiarazioni di (non) appartenenza razziale sono sintomi di un’eclissi della coscienza − civile e collettiva − che porta alla persecuzione delle vite. Una lezione per il magistrato contemporaneo
28 novembre 2018
La legalità del male*
di Pasquale Serrao d’Aquino
Monito aperto al futuro e carico di implicazioni attuali, la memoria dei Giusti ha un suo capitolo illustre nella vita di quei magistrati che, mentre la dittatura fascista traeva linfa dalla declinazione giuridica e culturale della razza, sottrassero la portata dei diritti umani alla superficie ermeneutica e al silenzio, in difesa della democrazia
22 novembre 2018
Un'interessante decisione sulla legge Mancino. Nota a sentenza del Tribunale di Vercelli del 24 maggio 2017
Un'interessante decisione sulla legge Mancino. Nota a sentenza del Tribunale di Vercelli del 24 maggio 2017
di Fabrizio Filice
Con la sentenza in oggetto, il Tribunale ha assolto due attivisti dall’area antagonista locale dall’imputazione del reato di cui all’articolo 3, comma 1, lett a), della l. n. 654/1975 (legge Mancino), contestata loro per avere appeso alla cancellata della Sinagoga di Vercelli un drappo con la scritta “#STOP BOMBING GAZA ISRAELE ASSASINI FREE PALESTINE”. La nota, ripercorrendo l’iter motivazionale della sentenza, illustra come sia stata decisiva la ricostruzione del contesto politico in cui si sono svolti i fatti. Nell'estate del 2014, infatti, era in corso una campagna militare delle Forze di difesa israeliane contro i guerriglieri palestinesi di Hamas, in cui sono rimasti uccisi più di duemila civili, fra cui centinaia di bambini. Determinante è stata anche la storia personale dei due imputati, che gli stessi rappresentanti delle forze dell’ordine locali, sentiti come testi istituzionali, hanno attestato essere imperniata, fin da quando erano studenti, a posizioni politiche nettamente contrarie all’antisemitismo o al revisionismo sulla Shoah, e anzi ispirate ai valori dell’antifascismo e dell’antirazzismo: posizioni che non si erano modificate nel tempo, in modo da rivelare come anche la scritta ingiuriosa oggetto di imputazione fosse attribuibile non già a un sentimento di ostilità nei confronti del popolo israeliano in quanto popolo ebraico, bensì contro la politica militare israeliana; il che, avendo riguardo all’oggettività giuridica della fattispecie, ha di fatto incrinato la sussistenza del suo elemento caratteristico, che è l’”odio razziale o etnico” quale motivo ispiratore della condotta.
13 dicembre 2017
Omofobia e transfobia:
il trucco c'è....e si vede
di Luca Morassutto
Un primo passo è stato fatto, però discutibili equilibri politici hanno fatto diventare la norma approvata alla Camera un involucro quasi vuoto, rendendo, per assurdo, le minoranze - prima tutelate - quasi nude di fronte alla discriminazione
23 settembre 2013
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Leggi e istituzioni
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
I respingimenti in mare dopo il cd. decreto sicurezza-bis (ed in particolare alla luce del comma 1-ter dell’art. 11 del d.lgs n. 286/1998)
di Stefano Calabria
I diritti fondamentali dei migranti soccorsi in mare e il correlativo quadro dei doveri delle autorità statuali alla luce dei precedenti delle Corti sovranazionali. Qual è l’incidenza del cd. decreto sicurezza-bis? Il caso Sea Watch e la discussa questione dell’adempimento di un dovere
29 luglio 2019
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
La dirigenza descritta dalla proposta di Riforma del Ministro Bonafede
di Ezia Maccora* e Marco Patarnello**
Il recupero dell’anzianità, l’abolizione dei semidirettivi e un capo dell’ufficio giudiziario vero dominus indiscusso: ecco i tratti salienti della proposta di riforma
15 luglio 2019
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
La riforma del Csm proposta dal Ministro Bonafede
di Nello Rossi
Nuove regole del Csm? Sì, ma senza violare ragionevolezza e Costituzione
12 luglio 2019
Il giudice e la legge penale
Il giudice e la legge penale
di Domenico Pulitanò
Le usuali discussioni sul rapporto giudice/legge riguardano il problema dell’interpretazione. Le teorie dell’interpretazione non sono teorie sui poteri del giudice. Problemi ermeneutici si pongono per qualsiasi interprete; le differenze tra i fabbricanti di interpretazioni sono di autorevolezza o di potere decisionale
9 luglio 2019
La protezione complementare dopo il dl 113/2018: inquadramento sistematico, questioni di legittimità costituzionale *
di Fabrizio Gallo
Un tema difficile, uno sguardo diverso. L'analisi della riforma dall'angolo visuale della Pubblica amministrazione
5 luglio 2019
Il sistema delle fonti tra logiche emergenziali, “amministrativizzazione” del sistema e tentazioni monocratiche
Il sistema delle fonti tra logiche emergenziali, “amministrativizzazione” del sistema e tentazioni monocratiche
di Matteo Losana
Brevi note a margine della circolare del Ministro dell’interno n. 11001/118/7 del 17 aprile 2019
4 luglio 2019