home search menu
Ddl “Anticorruzione” e riforma della prescrizione: l’importanza di un confronto a difesa delle garanzie e di tutti i principi costituzionali del giusto processo
Leggi e istituzioni
Ddl “Anticorruzione” e riforma della prescrizione: l’importanza di un confronto a difesa delle garanzie e di tutti i principi costituzionali del giusto processo
di Eriberto Rosso
avvocato, segretario dell’Unione delle Camere Penali Italiane
Le riforme proposte per il contrasto alla corruzione e per l’arresto della prescrizione dopo la sentenza di primo grado ripropongono una visione giustizialista del processo penale, incentrata sull’inasprimento delle pene e realizzata con l’abbattimento delle garanzie. L’Avvocatura, impegnata nella difesa e nella promozione dei valori del diritto penale liberale e del giusto processo, chiama al confronto tutta la comunità degli operatori del diritto per impedire che finisca all’angolo la cultura dei diritti e delle garanzie

L’improvvido annuncio della presentazione, da parte del Ministro della giustizia, di un emendamento al disegno di legge n. 1189 “Misure per il contrasto dei reati contro la Pubblica Amministrazione”, finalizzato alla sospensione della prescrizione dopo il primo grado di giudizio, è stato seguito dall’effettiva predisposizione di un testo da parte dei Presidenti delle Commissioni Affari Costituzionali e Giustizia della Camera dei deputati che prevede l’abolizione della prescrizione dopo la sentenza di primo grado e il ritorno alla disciplina precedente al 2005 quanto agli effetti della prescrizione sul reato continuato. Soluzioni devastanti, contrarie ai principi costituzionali della ragionevole durata del processo e della presunzione di non colpevolezza.

La sede per la proposta di riforma è certamente impropria, atteso il carattere di previsione generale. Il testo, nella sua laconicità, ha il sapore del colpo di mano.

L’iniziativa, comunque, ha riacceso la discussione sul disegno di legge presentato alla Camera dei deputati il 24 settembre 2018 dallo stesso Ministro.

Come è noto il ddl n. 1189/2018, prendendo le mosse dall’impianto introdotto dalla legge n. 69/2015, intende nuovamente intervenire sui reati dei pubblici ufficiali contro la Pubblica Amministrazione. Amplificato dalla grancassa mediatica, il progetto si risolve nella proposizione del solito armamentario repressivo organizzato intorno all’aumento delle pene, al restringimento di benefici e garanzie, alla costruzione di strumenti di investigazione inquietanti, quali l’agente provocatore; tutte soluzioni prive di qualsiasi effetto deterrente.

Primo passaggio significativo è l’aumento della pena per il reato di corruzione per l’esercizio della funzione, attualmente punito con la reclusione da uno a sei anni che viene portata da tre a otto, con il corollario dell’ulteriore aumento della prescrizione.

Il disegno di legge estende poi le pene accessorie della interdizione dai pubblici uffici e della capacità a contrarre con la Pubblica Amministrazione a tutti i reati contro la PA, e, quanto al tempo della loro durata, essa può essere perpetua quando la pena principale superi gli anni due di reclusione. Evidente il contrasto con il dettato costituzionale di una sanzione senza fine, violativa dei principi di proporzione e ragionevolezza.

L’intervento sul cd. “patteggiamento” è tale da stravolgerne la natura. Si introduce, infatti, la possibilità per il giudice di applicare le pene accessorie anche nella ipotesi in cui la pena principale irrogata non superi gli anni due di reclusione e sia stato riconosciuto il beneficio della sospensione condizionale. Si tratta di una immotivata deroga al sistema che prevede l’estensione della sospensione condizionale alle pene accessorie.

È addirittura previsto che alla riabilitazione sopravvivano effetti penali.

Nella fase dell’esecuzione è reso più difficile l’accesso all’affidamento in prova ai servizi sociali, annoverando ora i reati contro la PA tra quelli ostativi alla concessione dei benefici ex art. 4-bis legge n. 354 del 1975.

Ridimensionata rispetto agli annunci ma con una soluzione di gran pasticcio, è la vicenda dell’agente infiltrato nelle pubbliche amministrazioni. Si afferma nella relazione di accompagnamento al ddl che deve «in ogni caso escludersi la possibilità dell’agente sotto copertura di provocare la consumazione di un reato», dal momento che «le condotte non punibili restano confinate a quelle necessarie per l’acquisizione di prove relative ad attività illecite già in corso e che non istighino o provochino la condotta delittuosa, ma s’inseriscano in modo indiretto o meramente strumentale nell’esecuzione di attività illecita altrui».

Si dovrà trattare insomma dei tipici casi di consegna controllata di denaro, di utilizzo di false identità, di godimento di beni strumentali a far emergere la consumazione dei reati oggetto di intervento.

Allo stesso tempo è introdotta una speciale causa di non punibilità in caso di volontaria, tempestiva e fattiva collaborazione da parte di uno dei concorrenti nel reato.

L’autore del delitto dovrà attivarsi entro limiti temporali strettissimi dalla commissione di taluno dei fatti previsti dalla disposizione, «prima dell’iscrizione a suo carico della notizia di reato nel registro di cui all’art. 335 c.p.p. e, comunque, entro sei mesi dalla commissione del fatto», dovendo inoltre denunciare il fatto «volontariamente» fornendo altresì «indicazioni utili per assicurare la prova del reato e per individuare gli altri responsabili».

Questa causa di non punibilità che richiede un comportamento volontario, tempestivo, concretamente antagonista alla condotta delittuosa, così come formulata, rischia di potenziare l’effetto deflagrante delle operazioni sotto copertura. Essendo infatti vietata l’attività di istigazione e provocazione il rischio è che la stessa trovi modalità di realizzazione proprio attraverso i comportamenti di uno dei concorrenti del reato.

Ancora, è previsto il mantenimento della confisca nel caso di estinzione del reato per amnistia o per prescrizione.

L’Unione delle Camere Penali Italiane ha espresso una posizione assai critica sulla iniziativa governativa. In sede di audizione davanti alle Commissioni Giustizia e Affari Costituzionali della Camera dei deputati i suoi rappresentati hanno confermato la ferma contrarietà dei penalisti italiani ad un intervento in linea con la logica che contraddistingue l’azione, nel campo della Giustizia, dell’attuale maggioranza di Governo ispirata ad una idea populista che travolge i limiti del diritto ed il significato delle garanzie nel processo.

L’Avvocatura è impegnata a resistere a tali derive, ponendo al centro della propria iniziativa politica la promozione dei valori del diritto penale liberale e del giusto processo dando vita ad un confronto con tutta la comunità degli operatori del diritto per specificare i contenuti di un nuovo patto.

I più autorevoli studiosi hanno preso netta posizione contro il ddl anticorruzione e, in queste ore, anche contro l’iniziativa sulla prescrizione.

E la Magistratura associata?

Per il momento i segnali non sono confortanti. Ci si è addirittura spinti a richiedere misure ancor più draconiane: oltre al blocco della prescrizione dopo la sentenza di primo grado, l’eliminazione del divieto di refomatio in peius in appello ed il recupero probatorio nel caso di cambiamento del giudice in sede di dibattimento. L’auspicio è che il confronto sul ddl possa essere l’occasione perché la magistratura italiana superi logiche giustizialiste contribuendo ad impedire che finisca all’angolo la cultura dei diritti e delle garanzie.

4 novembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
Prescrizione & processo: solo l’etica ci salverà
di Donatella Stasio
Avvocati e Anm, divisi sulle proposte di riforma del processo penale e della prescrizione, concordano invece (ed è una novità) sulla pregiudizialità della prima rispetto alla seconda. Ma la diversa “visione” del processo rende la riforma impossibile. Oltre che inutile senza un cambio di passo dell’etica di tutti gli attori del processo
15 novembre 2018
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
Un interessante caso di nullità del decreto penale di condanna al centro di un contrasto giurisprudenziale
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 3, Sent. 21 marzo 2018 (dep. 7 maggio 2018), n. 19689, Pres. Di Nicola, Rel. Di Stasi
19 ottobre 2018
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
Le Sezioni unite intervengono sul tema della configurabilità della continuazione tra reati puniti con pene eterogenee e sul calcolo della pena
di Elena Nadile
Commento a Cass., Sez. unite, sentenza 21 giugno 2018, n. 40983: un vero vademecum per il calcolo della pena
16 ottobre 2018
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
Il Caso Matammud. Un modello terrifico di gestione dei centri d’accoglimento profughi in Libia
di Giovanni Dinisi
La sentenza della Corte di assise di Milano rappresenta la realtà dei “campi di raccolta” dei migranti in Libia, un dato di conoscenza imprescindibile nella costruzione delle politiche migratorie europee
25 settembre 2018
L’abuso del processo penale
L’abuso del processo penale
di Luigi Pacifici
L’abuso del processo costituisce una valvola di autotutela per l’ordinamento, elaborata, in ambito dottrinale e giurisprudenziale, al fine di evitare che i diritti da esso garantiti siano esercitati o realizzati, pur a mezzo di un intervento giurisdizionale, in maniera abusiva, ovvero eccessiva e distorta
19 settembre 2018
Legittima difesa: il comunicato dell’Associazione italiana dei professori di diritto penale
Legittima difesa: il comunicato dell’Associazione italiana dei professori di diritto penale
«La riforma della legittima difesa deve essere conforme ai principi costituzionali e sovranazionali e non può ingannare i cittadini. Nessuna riforma potrà impedire indagini e processi, che si svolgono anche quando si uccide il cane del vicino»
24 luglio 2018
Intangibilità della giurisdizione, giusto processo ed effettività della tutela. Domande connesse e derogabilità della giurisdizione*
di Gabriele Serra
Lo scritto affronta il tema del principio di inderogabilità della giurisdizione e della conseguente rilevabilità d’ufficio in ogni stato e grado del processo del difetto di giurisdizione, in particolare nel rapporto tra giudice ordinario e giudice amministrativo, ponendolo in relazione con i principi, di rango costituzionale, della ragionevole durata del processo e dell’effettività della tutela. In questa direzione, poste alcune brevi premesse storiche in ordine al principio di intangibilità, l’A. conduce un breve viaggio negli ordinamenti francese e tedesco, al fine di esaminare i principali istituti volti a regolare il riparto di giurisdizione tra giudice ordinario e giudice amministrativo e le problematiche connesse. Su tali basi, anche comparate, viene allora esaminata, in ipotetiche quattro tappe evolutive, la giurisprudenza delle Sezioni unite della Corte di cassazione (e della Corte costituzionale), circa il bilanciamento tra i principi in esame, che ha visto una sempre maggiore erosione del principio di intangibilità della giurisdizione a fronte di esigenze di tutela della ragionevole durata del processo e dell’effettività della tutela. Alla luce di tale percorso interpretativo, l’A. affronta infine la problematica, ancora aperta, della connessione tra domande giudiziali quale istituto idoneo o meno a derogare la giurisdizione
19 giugno 2018
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
di Elisa Pazè
In materia di commercio di prodotti contraffatti si assiste ad un intreccio di fattispecie penali e ad una stratificazione di interpretazioni giurisprudenziali; l’esame degli intrecci e delle stratificazioni permette di constatare che i reali interessi oggetto della tutela penale sono sempre meno la fede pubblica o l’interesse del singolo consumatore o della generalità dei consumatori, e sempre più i diritti di proprietà intellettuale, alla cui tutela penale spesso si provvede con la contestazione di fattispecie incriminatrici che nacquero a presidio di altri beni giuridici. Il presente contributo è l’occasione per un’ulteriore riflessione su un tema che attraversa la quotidiana esperienza di molti operatori giudiziari e ci ricorda ancora una volta che l’attività di interpretazione delle norme non è mai un’attività neutra.
9 maggio 2018
Modificata la disciplina del regime di procedibilità per taluni reati contro la persona e il patrimonio
Modificata la disciplina del regime di procedibilità per taluni reati contro la persona e il patrimonio
di Federico Piccichè
Prima nota al recente decreto legislativo del 10 aprile 2018, n. 36, in vigore dal 9 maggio
7 maggio 2018
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
di Giuseppe Battarino
Turno affari di pronta definizione, turno reati di “fascia B” e, addirittura, turno reati di “fascia C”. I disegni organizzativi dei nostri tribunali e delle nostre procure – al lodevole scopo di far funzionare l’elefantiaca macchina della giustizia – escogitano congegni sempre più efficientisti, che tendono all’obiettivo della ragionevole durata del processo. Ma che rischiano di sottovalutare in modo grave la irripetibilità della vicenda di ciascun imputato e di ciascuna vittima. E, allora, occorre chiedersi con l’Autore – e con un osservatore d’altri tempi – se davvero questa sia la ragionevole durata di un processo; e – più gravemente – se davvero questa sia giurisdizione.
27 aprile 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Leggi e istituzioni
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
Luci ed ombre di una riforma a metà: i decreti legislativi 123 e 124 del 2 ottobre 2018
di Marcello Bortolato
Il 10 novembre 2018, entra in vigore la riforma dell’Ordinamento penitenziario. Anticipiamo dal numero 3/2018 di Questione Giustizia Rivista trimestrale questo analitico commento dei decreti legislativi che hanno coagulato il vasto programma di riforma avviato dall’esperienza degli Stati generali dell’esecuzione penale. Punti di forza (pochi) e punti di debolezza (tanti) di un testo legislativo con cui gli interpreti (magistrati, avvocati, operatori del penitenziario) dovranno confrontarsi
9 novembre 2018
Al centro, il Giudice. La Corte costituzionale ed il Jobs act
Al centro, il Giudice. La Corte costituzionale ed il Jobs act
di Rita Sanlorenzo* e Anna Terzi**
Con la sentenza n. 194/2018, che dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, del decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 23 (cd. Jobs act) relativamente alla previsione di un automatismo collegato all’anzianità di servizio per la liquidazione dell’indennità in caso di licenziamento illegittimo, la Corte costituzionale riafferma l’ineludibilità del potere discrezionale del giudice nell’individuare il punto di equilibrio nel bilanciamento tra i diversi principi costituzionali
9 novembre 2018
Il ddl Pillon: adultocentrismo e conflitti tra generi e generazioni
Il ddl Pillon: adultocentrismo e conflitti tra generi e generazioni
di Stefano Celentano
Le premesse a corredo del ddl rendono “plastica” l’emersione di una “impostazione culturale” sulla regolamentazione della crisi delle famiglie differenziata, rispetto al passato, da svilenti categorie di pensiero. La pericolosa tendenza adultocentrica che imbriglia i minori in logiche di dominio e prevaricazione, rende il testo di legge in discussione un rigido manuale d’uso che burocratizza l’alta funzione genitoriale e riduce il minore ad un oggetto di contesa
8 novembre 2018
Costituzione e “trattamenti” penitenziari differenziati *
di Davide Galliani
Una riflessione originale e radicale sul 41-bis, sui trattamenti differenziati, sui loro presupposti e sui “decisori” effettivi, con la Costituzione antropocentrica a fare da bussola
7 novembre 2018
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
La vendita dei beni confiscati? In questo modo, no grazie
di Francesco Gianfrotta
Per risolvere il problema dei beni confiscati che non trovano un fruttuoso utilizzo, il dl sicurezza punta alla vendita: con rischi gravi che i mafiosi tornino in possesso di quanto loro sottratto, usando prestanomi. Cautele ridicole e inviti all’ottimismo: queste le nuove frontiere della lotta alle mafie e alle più gravi forme di illegalità che ci riserva il Governo in carica
29 ottobre 2018
Il modello inclusivo di Riace e la nostra identità costituzionale ed europea