home search menu
Da eroi a trafficanti: le accuse ai protagonisti delle operazioni di ricerca e soccorso in mare
Magistratura e società
Da eroi a trafficanti: le accuse ai protagonisti delle operazioni di ricerca e soccorso in mare
di Paola Barretta
Ricercatrice dell'Osservatorio di Pavia, curatrice del report “Navigare a vista”
Le operazioni di ricerca e soccorso (SAR) dei migranti sono oggi uno dei temi principali nel dibattito politico, mediatico e pubblico. È un argomento direttamente collegato alle politiche nazionali ed europee in materia di migrazione e, più o meno indirettamente, alle politiche di sicurezza e spesso sovrapposto e intrecciato a storie umane, individuali o collettive, di speranza, gioia, sofferenza e morte

Due ricerche, pubblicate di recente (Navigare a vista. Il racconto delle operazioni di ricerca e soccorso nel Mar Mediterraneo centrale, a cura di Osservatorio di Pavia, Associazione Carta di Roma, Cospe, con la collaborazione di Valeria Brigida; e Blaming the rescuers, a cura di Charles Heller and Lorenzo Pezzani, della Forensic Oceanographic, Goldsmiths, University of London)[1], affrontano la questione SAR da due prospettive differenti ma evidenziando conclusioni simili, ovvero la criminalizzazione del soccorso in mare e la conseguente legittimazione di politiche di chiusura delle frontiere.

Un argomento che, negli ultimi anni, ha registrato un aumento di attenzione a tutti i livelli di dibattito, politico, mediatico e pubblico. Le operazioni SAR di migranti nel Mediterraneo hanno dunque ampia visibilità: è il naufragio di Lampedusa il 3 ottobre 2013 a costituire il principale spartiacque tra una fase in cui le operazioni SAR sono presenti marginalmente nei media, e una fase successiva in cui esse assumono, sebbene con tagli e modi diversi, centralità narrativa. La conta incessante degli arrivi, la cronaca dei naufragi e dei salvataggi, le dinamiche stesse del soccorso in mare divengono una presenza costante nell’informazione quotidiana e, di riflesso, al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica.

A differenza di altri aspetti del fenomeno migratorio  la gestione dell’accoglienza, l’asilo politico  associati alla paura, all’intolleranza e allo scontro politico, quella delle operazioni in mare è una dimensione che (inizialmente) procede controcorrente. È una narrazione che incornicia i volti e le storie delle persone che arrivano sulle coste italiane nel quadro della solidarietà e dell’accoglienza. Il racconto del soccorso in mare ha la potenza espressiva per umanizzare il fenomeno delle migrazioni. Anche le fonti di conflitto sul tema delle migrazioni, legate alla sfera del dibattito politico nazionale ed europeo, rimangono sullo sfondo del soccorso. I resoconti degli accordi con la Turchia prima, con la Libia dopo, i reportage sulla gestione italiana del soccorso in mare, i nomi stessi delle missioni impegnate nel Mediterraneo sono sì presenti, ma non cruciali alla narrazione; al centro della comunicazione vi sono le azioni e i protagonisti del soccorso.

Le due ricerche affrontano la questione degli attacchi alle Ong coinvolte nella ricerca e nel soccorso in mare.

Entrambe le ricerche si muovono in una prospettiva empirica: Navigare a vista si concentra sul cambiamento del frame narrativo e, conseguentemente, del clima di opinione intorno ai protagonisti delle operazioni SAR. Blaming the rescuers restituisce elementi di oggettività rispetto al ruolo delle Ong nelle operazioni SAR. Poi, all’improvviso questa cornice cambia.

Nel febbraio 2017, Frontex pubblica il Risk Analysis Report per il 2017. Il rapporto sottolinea che fino alla metà del 2016 le operazioni di soccorso erano prevalentemente svolte da Marina italiana, Eunavfor Med e Frontex, attivate in seguito a richieste di aiuto ricevute via telefoni satellitari dal centro nazionale di coordinamento della Guardia costiera a Roma, con le Ong coinvolte in meno del 5% dei soccorsi. Da giugno 2016, invece, il trend si inverte: cala il numero di telefonate satellitari a Roma e le operazioni SAR delle Ong incrementano fino al 40% dei soccorsi. Nel rapporto si suggerisce − seppure implicitamente − che le richieste di aiuto si siano dirottate direttamente verso le Ong, bypassando le istituzioni. Si sottolinea inoltre che le operazioni SAR delle Ong si sono occasionalmente spinte dentro il limite delle 12 miglia dalla costa libica. Infine − continua il rapporto di Frontex − le operazioni SAR agiscono, seppur involontariamente, da “pull factor” e indirettamente aiutano i criminali a raggiungere i loro obiettivi al minimo costo.

Il primo − e più significativo − risultato delle ricerche è la ricostruzione del cambiamento del clima e la delle azioni di ricerca e soccorso realmente svolte dalle Ong. Tra i principali dati empirici che emergono dallo studio Blaming the rescuers, due sono particolarmente rilevanti: il primo in cui si evidenza l’impegno maggiore delle Ong nelle operazioni di ricerca e soccorso nel corso del 2016 rispetto a quello di altri attori come EunaforMed e Frontex. In particolare, da ottobre, in concomitanza con la finalizzazione degli accordi con la Guardia costiera libica, l’impegno delle operazioni militari di Frontex e Operazione Sophia diminuisce in modo significativo a favore della Guardia costiera italiana e delle Ong. Il secondo dato, altrettanto rilevante, è che il calo del numero di chiamate di soccorso (invocato come prova di una presunta collusione tra scafisti e Ong) precede l’incremento dei soccorsi stessi ad opera delle Ong. La presenza, pertanto, di tale correlazione viene smentita dai dati contenuti nella ricerca. Infine, ed è il dato più significativo rispetto al senso stesso delle operazioni di ricerca e soccorso, esiste una correlazione – negativa – tra il numero di vittime di migranti in mare e il numero dei soccorsi. Detto altrimenti, diminuiscono le vittime quando aumentano i soccorsi.

Ricostruire la diffusione di questa narrativa “tossica”, come viene definita nella ricerca Blaming the rescuers è stato tra gli obiettivi del report Navigare a vista. Dalle dichiarazioni riportate da vari soggetti e rilanciate dai media sui legami (presunti) tra Ong e trafficanti, alle accuse alle Ong di fare business con i “migranti sui barconi”, in quanto sfruttabili come manodopera a basso costo. Dagli accordi di controllo delle frontiere con la Guardia costiera libica, alle indagini delle procure di Catania e Trapani; dalla costituzione di una commissione di inchiesta del Senato della Repubblica, alle audizioni di Ong e di rappresentanti di organizzazioni militari; tutti questi eventi vengono coperti e ampiamente rilanciati dai media. Al punto da diventare argomento di discussione pubblica.

In questa sovrabbondanza comunicativa, un elemento emerge su tutti: il sospetto. Il sospetto calato sull’azione degli operatori – soprattutto quelli delle Ong – avvolge tutta la sfera del soccorso in mare. L’unica dimensione delle migrazioni, fino a pochi mesi prima estranea alla negatività e alle criticità, diventa in breve tempo foriera di sentimenti di sfiducia e di intolleranza nei confronti di salvati e salvatori, di migranti e operatori umanitari del soccorso.

Un’indagine demoscopica condotta da Demos&Pi (nella fase successiva alla grande esposizione mediatica delle operazioni SAR) sulla fiducia degli italiani nei confronti delle associazioni di volontariato suggerisce un cambiamento della percezione proprio rispetto alle Ong. Il politologo Ilvo Diamanti, autore del sondaggio, afferma che le Ong «ottengono un grado di fiducia (42%) molto inferiore rispetto alle “Associazioni di volontariato”, tout-court (63%). Quasi a sottolineare come, per la maggioranza degli italiani, le Ong non siano “associazioni di volontari”. Ma, appunto, qualcosa di diverso. E oscuro».

Una percezione di opacità che si alimenta nella sovra-esposizione mediatica, nella confusione fra soggetti, ruoli e responsabilità, nella concitazione del dibattito politico. Il racconto dei protagonisti del soccorso, dei testimoni diretti, e quello offerto dai media divergono, lasciando nello spettatore un senso di incertezza che produce diffidenza.

Anche la politica diventa protagonista delle questioni legate alla ricerca e al soccorso in mare, alimentando essa stessa polemiche e accuse. Le interviste raccolte nel report Navigare a vista raccontano di un altro modo di essere e di agire: Guardia costiera e Ong, sebbene con ruoli e competenze diverse, parlano di rapporti di collaborazione e di coordinamento, di azioni congiunte, condotte con l’obiettivo comune di salvare vite. Eppure questi elementi si perdono nel flusso mediatico.

In particolare è bene ricordare che nessuna Ong si muove nel mar Mediterraneo senza un’autorizzazione della Guardia costiera che coordina le attività e assegna appunto le dislocazioni a ciascun attore presente nel mar Mediterraneo.

Le teorie sulla comunicazione suggeriscono che contrastare un’immagine negativa impressa dalla cornice è vano se non si riesce nell’intento di modificare la cornice stessa che impone il significato. In altre parole, senza spostare l’attenzione su altri temi e creare una nuova cornice più congrua e rispettosa della realtà, la replica alle singole accuse (di collusione con gli “scafisti” o di ricerca del business) perde efficacia. Il frame sfavorevole del sospetto calato sull’operato delle Ong non appare scardinato da una strategia di autodifesa e le contro-narrazioni non sono facili da costruire e da diffondere.

Per avere nuovi temi, occorrono nuovi modi di agire. L’evoluzione dell’attività di contrasto ai trafficanti di esseri umani dell’Agenzia europea Frontex e di Eunavfor Med potrebbe determinare forse un cambiamento nelle forme del migrare; tuttavia, il blocco delle partenze dalla Libia richiesto dall’Europa porrà inevitabilmente in agenda l’urgenza di vigilare sul rispetto dei diritti umani nei centri di permanenza per migranti. Il ruolo della politica nazionale ed europea sarà quanto mai cruciale: chi promuove una delegittimazione dei soggetti SAR, promuove le politiche dei respingimenti. Crede che le politiche di accoglienza in Italia subiscano non solo una battuta di arresto ma che possano anche intraprendere un percorso opposto, la militarizzazione del mar Mediterraneo e la chiusura delle frontiere.

Da questa narrazione discendono effetti “tossici”. Come anticipato dal rapporto Blaming the rescuers, l’accusa e la delegittimazione delle Ong si inserisce in un filone di “criminalizzazione dei diritti di solidarietà”, soprattutto di quelli che hanno come protagonisti e destinatari migranti e profughi. Andare contro-corrente è l’unico modo per “costruire ponti” e ri-orientare le politiche europee in tema di accoglienza.

_________________

[1] Le ricerche sono consultabili su blamingtherescuers.org e cospe.org 

4 luglio 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L’Europa dei diritti e le migrazioni. Le norme e la realtà
L’Europa dei diritti e le migrazioni. Le norme e la realtà
di Elena Paciotti
Con la pubblicazione dell’intervento di Elena Paciotti al seminario su “L’Europa dei diritti e le migrazioni”, tenutosi alla Fondazione Basso il 15 maggio scorso, la redazione di Questione Giustizia on-line intende offrire ai lettori una serie di spunti di riflessione in vista delle elezioni del Parlamento europeo del 26 maggio 2019. I contributi che verranno pubblicati quotidianamente in questa settimana intendono porre in luce alcuni aspetti cruciali della posta in gioco e degli scenari europei che si apriranno con la nuova legislatura nell’Europa integrata dei diritti. Buona lettura!
20 maggio 2019
Il prefetto, il brutto e il cattivo: prove atecniche di neo-ostracismo. Le ordinanze prefettizie sulle zone rosse e il diritto penale “Google Maps”
Il prefetto, il brutto e il cattivo: prove atecniche di neo-ostracismo. Le ordinanze prefettizie sulle zone rosse e il diritto penale “Google Maps”
di Carlo Ruga Riva
Le due ordinanze in commento benché non trovino fondamento normativo nelle norme introdotte dal cd. decreto Salvini, ne condividono senz'altro l'opzione securitaria, perseguita con parossismi punitivi ai limiti del surreale. Il commento analizza le numerose criticità delle ordinanze, tanto in prospettiva di legittimità costituzionale, che in chiave politico-criminale
13 maggio 2019
Il diritto all’accoglienza dei richiedenti asilo in Italia: quali sfide dopo la legge 132/2018 *
di Anna Brambilla
Il dl 113/2018 ha ridotto drasticamente le potenzialità di accoglienza del sistema di asilo italiano, reso ancora più debole a causa della riduzione dei servizi erogati nei Cas e di una prassi di molte amministrazioni volta ad ostacolare l’accesso o la revoca all’accoglienza, ritenuta illegittima dalla giurisprudenza sia di merito sia amministrativa
8 maggio 2019
Asilo, falsi miti e poteri divinatori. Così muore il diritto al contraddittorio. Osservazioni critiche a Cass. n. 1681/2019
Asilo, falsi miti e poteri divinatori. Così muore il diritto al contraddittorio. Osservazioni critiche a Cass. n. 1681/2019
di Maurizio Veglio
Se il giudice si sottrae all'obbligo di esame del richiedente sulla base di meri argomenti logici tratti dalla lettura del verbale di audizione della Commissione territoriale lede il diritto di difesa e la possibilità di tutela giurisdizionale del diritto di asilo subisce una severa lesione, tanto più dopo l’abolizione dell’appello
16 aprile 2019
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
Il diritto all’assistenza sociale dei rifugiati. Riflessioni a partire da Corte di giustizia, sentenza 21 novembre 2018 (C-713/17)
di Francesca Biondi Dal Monte
La Corte di giustizia afferma che l’art. 29 della “direttiva qualifiche” obbliga gli Stati membri a riconoscere la parità di trattamento dei beneficiari di protezione internazionale nell’accesso all’assistenza sociale ed è norma produttiva di effetti diretti
8 aprile 2019
L’iscrizione anagrafica e i richiedenti asilo dopo il dl 113/2018
L’iscrizione anagrafica e i richiedenti asilo dopo il dl 113/2018
di Gabriele Serra
L'obbligo dei comuni di procedere alla iscrizione anagrafica del richiedente asilo non è venuto meno con l'entrata in vigore del decreto sicurezza. Un commento all'interpretazione costituzionalmente orientata nel provvedimento del Tribunale di Firenze
25 marzo 2019
Politiche contro i migranti in violazione dei diritti umani *
di Luigi Ferrajoli
Il populismo al Governo ha un’intrinseca vocazione anticostituzionale che gli proviene dall’assunzione, come unica fonte di legittimazione del sistema politico, della volontà popolare indebitamente identificata con la volontà del ceto politico investito dal voto
22 marzo 2019
Ancora sul parere della Giunta del Senato per le immunità sul caso Diciotti
I fondamenti del costituzionalismo alla prova del caso Diciotti: il sindacato sulle decisioni parlamentari e il punto di equilibrio fra poteri
I fondamenti del costituzionalismo alla prova del caso Diciotti: il sindacato sulle decisioni parlamentari e il punto di equilibrio fra poteri
di Emilio Santoro
Il caso Diciotti mette alla prova il costituzionalismo stesso, ovvero la civiltà giuridica costruita dopo le tragedie della prima metà del secolo. La valutazione del Senato è esente da vincoli giuridici o, in caso di rigetto dell’autorizzazione a procedere, ci sarà “un giudice a Berlino”?
14 marzo 2019
Garanzie e principio di effettività del processo nella tutela del richiedente asilo
Garanzie e principio di effettività del processo nella tutela del richiedente asilo
di Fabrizio Giuseppe del Rosso* - Lorenzo Pisoni**
Le recenti riforme hanno ridotto le garanzie processuali ai richiedenti asilo: il rispetto del principio di eguaglianza e di effettività della tutela del loro diritto resta al centro dell'esame del giudice ordinario. Nei due diversi contributi che seguono, l'analisi si incentra sui profili di costituzionalità e di compatibilità con il diritto eurounitario
6 marzo 2019
Newsletter


Fascicolo 1/2019
Populismo e diritto
Magistratura e società
Unione camere penali italiane, il “Manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo”
Unione camere penali italiane, il “Manifesto del diritto penale liberale e del giusto processo”
Pubblichiamo il documento dell'Ucpi per avviare una discussione nella magistratura, con l’avvocatura e l’accademia sulla fisionomia del diritto penale e sulle prospettive di riforma
13 maggio 2019
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
Il colpevole–The guilty, un film di Gustav Möller
di Paola Perrone
L'opera prima del regista danese è un thriller coinvolgente, drammatico e ricco di scelte estreme che però non stancano mai lo spettatore
11 maggio 2019
Radio Radicale, il comunicato del Consiglio direttivo dell’AIPDP
Radio Radicale, il comunicato del Consiglio direttivo dell’AIPDP
Pubblichiamo e rilanciamo l'appello dell'Associazione Italiana dei Professori di Diritto penale che esprime al meglio l’assoluta necessità di non chiudere quei microfoni
6 maggio 2019
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
Cafarnao-Caos e miracoli, un film di Nadine Labaki
di Patrizia Rautiis
Zain, il piccolo protagonista dell'opera premio della Giuria a Cannes 2018, viene elevato a “manifesto” dei mali del mondo, offrendo ai nostri occhi la mostruosità di un’infanzia già troppo violata, cercando di coinvolgere un’umanità che rimane sempre troppo distante, inerme e colpevole
4 maggio 2019
Messa alla prova… 30 anni dopo!
Messa alla prova… 30 anni dopo!
di Cristina Maggia
La messa alla prova minorile per reati gravi: una sfida che vale la pena raccogliere. Il libro di Joseph Moyersoen raccoglie voci diverse, con un focus particolare sulla commissione di reati associativi in diversi contesti geografici
13 aprile 2019
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
Il tragico romanzo dell'Italia occulta
di Paola Perrone
Cosa è accaduto in Italia tra il 1978 e il 1980, quando la nostra Repubblica fu esposta a rischi di involuzione eversiva? Giuliano Turone ce lo racconta in questo volume (ed. Chiarelettere) con la curiosità del giudice istruttore e la brillantezza dello storico
6 aprile 2019