home search menu
Con la Costituzione nel cuore
Magistratura e società
Con la Costituzione nel cuore
di Paola Perrone
già presidente di Sezione della Corte d'appello di Torino
Non una biografia ma la ricostruzione di una vita fuori dalla norma, vissuta in nome dell'antifascimo, della Resistenza e della Costituzione. La recensione al libro-intervista di Carlo Smuraglia con Francesco Campobello (Edizioni Gruppo Abele, 2018)

È un privilegio raro parlare con un uomo che ha incontrato nella propria vita, non solo da testimone ma da protagonista, eventi centrali della nostra vita nazionale, dagli anni ‘40 fino ad oggi. Lo ha compreso bene Francesco Campobello, giovane storico torinese, che ha scelto di intervistare in questo bel libro Carlo Smuraglia, partigiano, politico, avvocato, professore, che è giunto all’ età di 94 anni in piena acutezza di pensiero ed entusiasmo di spirito. Realizzando, in tal modo, qualcosa che, ben più di una semplice intervista, è un felice dialogo intergenerazionale.

Non è una biografia tiene a precisare del libro Smuraglia, evidentemente alieno da autocelebrazioni ma sono i fatti a parlare da soli della sua dirittura morale e del suo spirito costituzionale che non di rado lo hanno portato a scelte impegnative e difficili.

Già l’esordio è fulminante: l’8 settembre del 1943 lo trova pronto alla vita partigiana, sentita tanto essenziale da non essere abbandonata neppure quando nel 1944 la sua città natale, Ancona, viene liberata e dunque gli offrirebbe un naturale ritorno alla vita normale: il giovane Smuraglia avverte come essenziale arrivare a liberare Venezia insieme ai suoi compagni prima che vi arrivino le truppe alleate, rivelando così la piena consapevolezza della importanza per l’Italia della propria autoliberazione dall’occupante tedesco. È in questa piena consapevolezza del valore della Resistenza che egli oggi dice che l’8 settembre non fu, come dicono altri, la fine della patria, ma, anzi, il risorgere della nazione.

Il racconto degli eventi si snoda fino al dicembre 2016 quando, da presidente dell’Anpi, Smuraglia dà, dopo un intenso lavoro di confronto interno, il suo contributo generoso alla campagna referendaria per il No alla modifica costituzionale. È una sorta di chiusura del cerchio che unisce la sua lotta partigiana giovanile all’impegno politico ancora una volta partigiano in un momento in cui egli sente attaccata la Costituzione nata dalla Resistenza.

Fra questi due estremi (1943-2016) si dipana tutta la sua vita, punteggiata di esperienze importantissime a livello nazionale.

Cominciamo con lo spirito antifascista, che lo porta a ripudiare sempre l’accostamento e la pacificazione proposti da qualcuno fra i partigiani e i fascisti della repubblica di Salò: sta a ricordarcelo la festa nazionale del 25 aprile che ancora oggi segna − e per sempre − la differenza. Ciò non significa coltivare l’odio verso i fascisti ma non dimenticare chi stava sul versante giusto e chi sullo sbagliato. Questa tentazione di pacificazione, secondo Smuraglia, nasce dalla incapacità dimostrata dal popolo e dalle istituzioni italiani di fare fino in fondo i conti col proprio passato fascista. Diversamente da altri popoli, come quello tedesco, dimostratosi impegnato a mantenere il ricordo delle atrocità commesse: fu proprio il governo tedesco a finanziare un’iniziativa dell’Anpi, cioè la redazione di un Atlante delle stragi commesse in Italia dai nazisti e dai fascisti; furono due presidenti della Repubblica tedesca a venire in Italia a chiedere scusa alle popolazioni che avevano subìto gli eccidi di Sant’Anna di Stazzema e Marzabotto. Questa incapacità italiana di elaborare fino in fondo il proprio passato favorisce, secondo Smuraglia, non tanto il ritorno del vecchio fascismo nostalgico quanto piuttosto forme di totalitarismo nuove, razziste, sovraniste, nere, che propugnano l’arrivo di un uomo forte al comando, che semplifichi i problemi e dia risposte forti e apparentemente risolutive. Smuraglia avverte tutta l’urgenza di contrastare questi fenomeni, ma non individua la strumentazione adatta nella mera contrapposizione politica quanto piuttosto nella crescita culturale dell’intera popolazione: da qui il suo impegno nella scuola e nelle iniziative dell’Anpi per tenere sempre vivo il ricordo della nostra storia: d’altra parte, egli ricorda che la legge Scelba del 1952 attribuisce alla Repubblica il proprio il compito di insegnare nelle scuole che cosa è stato il fascismo.

Smuraglia politico è iscritto al Pci dal 1943 al 2002 e occupa per dieci anni i banchi del Senato della Repubblica, a lungo come presidente della Commissione Lavoro (materia che egli coltiva in parallelo come professore e come avvocato), autore di disegni di legge per migliorare le condizioni dei lavoratori in fabbrica, disegni poi arenatisi alla Camera.

Il ’68 lo coglie professore universitario nella disciplina di Storia dei movimenti sindacali e dunque testimone interessato da vicino alle nuove tendenze antiautoritarie studentesche: si dimostra interessato al dialogo ma irremovibile nel non ammettere il voto politico e gli esami collettivi. A testimoniare il suo interesse per le nuove istanze sta la decisione di difendere, quale avvocato, degli studenti accusati di aver affrontato violentemente un altro docente universitario: la decisione non è ovviamente facile e gli comporterà un certo ostracismo nell’ambiente accademico.

Dal 1986 al 1990 è consigliere del Csm, sotto la presidenza della Repubblica di Francesco Cossiga che lo avversa tanto da partecipare alla votazione che gli nega l’elezione a vicepresidente; nel ruolo di consigliere, Smuraglia fa istituire all’interno del Csm un Comitato antimafia per favorire una crescita della comprensione del fenomeno da parte della magistratura e dimostra come sempre una totale autonomia di giudizio votando a favore di Giovanni Falcone per la nomina a capo dell’ufficio istruzione di Palermo.

Smuraglia avvocato: difende negli anni ’50, con Lelio Basso, alcuni partigiani accusati di vari omicidi ottenendo di farli assolvere; difende gli studenti del caso La zanzara del 1966; si costituisce parte civile per i fatti di Reggio Emilia del 1960, per la morte di Giuseppe Pinelli del dicembre 1969, per la fuga di diossina avvenuta a Seveso del 1976, per il sequestro di persona e l’omicidio di Cristina Mazzotti, rapita dalla ‘ndrangheta nel 1975. Tutti processi che hanno scandito la storia dell’intero Paese e che lo vedono schierato sempre sul versante della difesa dei diritti e della supremazia dei principi costituzionali.

Fra le sue straordinarie esperienze di vita va anche annoverata quella di aver fatto parte, nel 1977, con Marcello Gallo e Alberto Dall’Ora, dell’organo di pubblica accusa nel processo innanzi alla Corte costituzionale nei confronti dei ministri Mario Tanassi e Luigi Gui per l’affare Lockheed.

Davvero una vita fuori dalla norma.

Esiste un filo rosso che unisce tutte queste esperienze: è il patriottismo antifascista e costituzionale che gli fa vedere la Carta come il frutto più maturo e lungimirante della Resistenza ed anche quello cui rifarsi nei momenti di difficoltà. Ed è appunto ispirandosi a questo sentimento che egli ha ancora oggi, in un panorama desolante sul piano politico ed economico, un indomito ottimismo della volontà: alla domanda sconsolata di Campobello su come possa essere oggi speranzoso di miglioramenti risponde: «Lo eravamo dopo la fine della guerra quando vi era tutto da ricostruire. Perché non dovremmo esserlo oggi?».

1 dicembre 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Costituzione e “trattamenti” penitenziari differenziati *
di Davide Galliani
Una riflessione originale e radicale sul 41-bis, sui trattamenti differenziati, sui loro presupposti e sui “decisori” effettivi, con la Costituzione antropocentrica a fare da bussola
7 novembre 2018
Quando il giudice deve “fare da sé” *
di Marco Ruotolo
Dove si colloca il confine tra interpretazione conforme alla Costituzione e disapplicazione della disposizione del testo normativo? Fino a che punto deve giungere lo sforzo interpretativo adeguatore del giudice remittente? Il saggio offre risposte a queste domande, unisce riflessioni teoriche e incursioni giurisprudenziali, attraversa il punto di vista della Corte costituzionale e quello dei giudici ordinari e, non da ultimo, mette in guardia da atteggiamenti supini e deresponsabilizzanti: interpretare, nel segno della Costituzione, non è, infatti, compito esclusivo della Corte costituzionale. In coda al brano, uno strumento prezioso: un breve manuale pratico per il giudice remittente
22 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Un Viaggio avventuroso!
Un Viaggio avventuroso!
di Marco Patarnello
La decisione della Corte costituzionale di collocare nelle carceri il suo secondo fronte del viaggio nel Paese reale è un fatto senza precedenti. Un incontro ai massimi livelli (la più alta magistratura ed uno dei carceri più popolosi e delicati d’Italia) fra due realtà prive di contatti. Eppur funziona. Fra applausi scroscianti e qualche silenzio tattico, due mondi lontani, per tre ore, hanno comunicato guardandosi in viso, ricordando che il diritto alla dignità, come il valore della Carta costituzionale, non si arresta sulla soglia di un carcere
8 ottobre 2018
Il problema costituzionale dell’attuazione dei diritti sociali (con particolare riguardo al diritto all’abitazione)*
di Francesco Pallante
La possibile soluzione capace di garantire il rispetto delle priorità costituzionali di spesa potrebbe essere quella di configurare vincoli, costituzionalmente giustiziabili, non di ma al bilancio, vale a dire in favore della destinazione di risorse certe all’attuazione del contenuto minimo dei diritti
27 luglio 2018
Tanti auguri alla Repubblica
Tanti auguri alla Repubblica
di Renato Rordorf
La festa della Repubblica coincide quest’anno con la grave crisi istituzionale provocata dalla mancata formazione del Governo auspicato dalle due forze politiche che hanno maggiormente beneficiato dell’esito della recente consultazione elettorale. Il rifiuto da parte del Capo dello Stato di avallare la nomina di uno dei ministri indicati da dette forze politiche ha innescato una polemica violentissima e persino la prospettata messa in stato d’accusa del presidente della Repubblica. La gravità della crisi non dipende dalla difficoltà di formare un Governo in grado di ottenere la fiducia del Parlamento, quanto piuttosto nella messa in discussione delle prerogative e dei poteri del Capo dello Stato, le cui decisioni possono essere criticate ma che non dovrebbe essere delegittimato in nome di una pretesa supremazia della volontà popolare impersonata dai partiti vittoriosi nelle elezioni. È in gioco la tenuta dell’assetto costituzionale. Occorre perciò davvero fare fervidi auguri il 2 giugno alla Repubblica, nel giorno del suo compleanno
30 maggio 2018
La miccia della liberazione*
La miccia della liberazione*
di Raniero La Valle
La giustizia e la pace sono le due grandi conquiste della lotta di Liberazione su cui è stato costruito poi l’intero edificio della nostra Costituzione. Esse non erano però solo delle stazioni di partenza ideali, ma traguardi reali da raggiungere, erano la costituzione materiale da attuare e non solo per noi, ma per tutti. Infatti sono beni comuni universali, e proprio qui, nel Mediterraneo, la giustizia e la pace hanno avuto la loro culla.
27 aprile 2018
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
Il 25 aprile in tre storie di resistenza
di Paola Perrone
Va riconosciuto che, per chi non ha vissuto quei momenti, la valutazione del 25 aprile risulta influenzata dal senno del poi. Non tiene conto delle previsioni, aspettative, timori, sbandamenti di tutti gli italiani dell’Alta Italia, e dei partigiani in particolare, nei mesi che seguirono l’8 settembre 1943. Con uno stile che ricorda la storiografia anglosassone, Carlo Greppi cerca di dar conto col senno del prima di ciò che avvenne in quei fatidici mesi. Per farlo, sceglie di scrivere di tre personaggi e tre eventi che meglio di altri condensano insieme timori e determinazione resistenziali.
25 aprile 2018
“Terra dei fuochi”: la speranza è un diritto. Cronaca di una giornata particolare
“Terra dei fuochi”: la speranza è un diritto. Cronaca di una giornata particolare
di Donatella Stasio
Il presidente della Consulta Paolo Grossi “scende” ad Afragola e dialoga con 500 ragazzini di 43 scuole dei Comuni limitrofi. Voglia di fisicità tra il Paese reale e l’Istituzione
6 dicembre 2017
"Loro diranno, noi diciamo"
di Giulia Marzia Locati
Recensione al libro di Gustavo Zagrebelsky e Francesco Pallante, Laterza, 2016
9 giugno 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2018
Giustizia e disabilità

La riforma spezzata.
Come cambia
l’ordinamento penitenziario
Magistratura e società
L'editoriale del n. 3/2018
L'editoriale del n. 3/2018
di Renato Rordorf
Disabilità e regime carcerario, questi i temi ai quali è dedicato il nuovo numero trimestrale di Questione Giustizia
11 dicembre 2018
Il verdetto-The children act, un film di  Richard Eyre
Il verdetto-The children act, un film di Richard Eyre
di Paola Perrone
La recensione all'opera tratta da La ballata di Adam Henry, un romanzo di Ian McEwan
10 novembre 2018
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
Opera senza autore, un film di Florian Henckel von Donnersmarck
di Paola Perrone
Come ne Le vite degli altri, anche in quest'opera l’autore riesce a dipingere, attraverso la storia di singole persone, la Storia di un’intera nazione dilaniata e stravolta dalle leggi dittatoriali passate da quelle naziste a quelle filosovietiche
27 ottobre 2018
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018