home search menu
Commiato
Magistratura e società
Commiato
Il saluto del Direttore Renato Rordorf ai lettori di Questione Giustizia

Milano, 25 marzo 2019

 

Sono trascorsi quattro anni da quando assunsi la direzione di Questione Giustizia ed ora è giunto il momento di prendere commiato.

Ogni esperienza deve avere un termine, anche la più coinvolgente ed entusiasmante, e certamente occuparmi di Questione Giustizia è stata per me un’esperienza quante altre mai coinvolgente ed entusiasmante. Ma ora deve concludersi, perché il tempo inevitabilmente induce a ripiegarsi su se stessi ed ad indugiare su percorsi già battuti, laddove invece una Rivista come questa abbisogna più d’ogni altra di rinnovarsi continuamente, di riuscire a guardare al mondo della giustizia con occhi sempre freschi, di saper ritrovare stimoli nuovi e nuove idee che solo chi è ancora attivamente coinvolto nel mondo della giurisdizione, o in attività ad esso strettamente collegate, può essere in grado di percepire con sufficiente immediatezza.

Un aspetto tengo però qui a sottolineare. Se in questi anni Questione Giustizia si è mantenuta all’altezza della sua tradizione, se ha saputo fornire uno sguardo critico, appassionato ma mai settario e partigiano su innumerevoli declinazioni del tema della giustizia, se è riuscita a cogliere con immediatezza gli aspetti salienti delle vicende più significative accadute nel mondo del diritto ed, al tempo stesso, ad analizzare in modo approfondito e completo le diverse sfaccettature dei principali temi di fondo che si agitano in quel mondo; se tutto ciò è vero, il merito va soprattutto a quel gruppo di magistrati che formano il nucleo del Comitato di redazione. Un gruppo che non esito a definire straordinario, per impegno, intelligenza, attenzione agli aspetti giuridico e politico-sociali della realtà che ci circonda; un gruppo che, per adoperare un’espressione ormai un po’ fuori moda ma che qui appare assai appropriata, costituisce un vero modello di intellettuale collettivo. Lavorare con loro in questi anni è stato per me, come già accennavo, un’esperienza davvero coinvolgente ed entusiasmante, e, pur non potendoli in questa sede menzionare nominativamente, desidero esprimere pubblicamente a tutti loro la mia profonda gratitudine.

Ma debbo anche ringraziare Fernanda Torres, ben più di una segretaria di redazione, senza la cui continua, appassionata e generosa dedizione in tutti questi anni la Rivista non sarebbe esistita.

E sono sicurissimo che la Rivista andrà avanti come meglio non potrebbe, essendo ora affidata alla straordinaria intelligenza, sensibilità umana ed esperienza professionale di Nello Rossi, al quale vanno i miei più sinceri ed affettuosi auguri di buon lavoro.

Renato Rordorf

25 marzo 2019
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L'editoriale del n.3/2016
L'editoriale del n.3/2016
di Renato Rordorf
Due i temi al centro di questo numero: la giustizia tributaria e la magistratura onoraria
5 ottobre 2016
L'editoriale del n.1/2016
L'editoriale del n.1/2016
di Renato Rordorf
La formazione dei magistrati: bilancio e prospettive
17 maggio 2016
Le condizioni per fare il giudice (il caso emblematico del giudice Martin)*
Le condizioni per fare il giudice (il caso emblematico del giudice Martin)*
di Vincenzo Accattatis
In ricordo di Vincenzo Accattatis, scomparso giovedì, pubblichiamo un suo articolo tratto dal n. 6/2004 di Questione Giustizia
6 maggio 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Magistratura e società
Giuristi del lavoro nel Novecento italiano
Giuristi del lavoro nel Novecento italiano
di Andrea Lassandari
Il libro del professor Romagnoli, ricostruendo la storia del diritto del lavoro italiano e la vicenda biografica ed intellettuale di studiosi di differenti generazioni, si presta a riflessioni sul contemporaneo universo di questa disciplina
21 settembre 2019
Carlo Maria Verardi, e l’attualità del suo esempio
Carlo Maria Verardi, e l’attualità del suo esempio
di Gianfranco Gilardi
L’esperienza professionale, culturale ed umana di Carlo Maria Verardi, che insieme ad altri grandi magistrati ha segnato la storia di Magistratura democratica e della magistratura italiana, rappresenta tuttora un punto di riferimento per chiunque abbia a cuore i diritti fondamentali e voglia concorrere concretamente alla loro realizzazzione e alla salvaguardia della dignità delle persone
16 settembre 2019
Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso
Gli stereotipi di genere tra prospettiva sociologica e codice rosso
di Daniela Cardamone
La lettura del volume di Fabrizio Filice La violenza di genere (ed. Giuffré Francis Lefebvre) e la prospettiva sociologica che lo ispira, offre alcuni interessanti spunti di riflessione sull’approccio normativo e giudiziario ai reati di violenza di genere
14 settembre 2019
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
di Paola Perrone
Un volume importante quello di Carlo Brusco (Edizioni Gruppo Abele), bello soprattutto perché alimenta quel senso di responsabilità negli italiani che fa riconoscere oggi come proprie le storiche colpe dell’antisemitismo del periodo fascista
27 luglio 2019
Argonautiche della memoria – se le domande inattese salvano la storiografia. Christoph U. Schminck-Gustavus racconta
Argonautiche della memoria – se le domande inattese salvano la storiografia. Christoph U. Schminck-Gustavus racconta
di Mosè Carrara Sutour
Se la ricerca, il recupero o l'assunzione di una coscienza storica richiedono sempre uno sforzo di prospettiva, l'incontro-racconto con l'intellettuale tedesco conduce all'incontro tra il diritto e la storia taciuta, in un tempo ritrovato – anche fisicamente – in cui i “vinti” entrano a pieno titolo nella storiografia
26 luglio 2019
In ricordo di Francesco Saverio Borrelli
In ricordo di Francesco Saverio Borrelli
di Gherardo Colombo
Essere completamente indipendente dal potere politico, non assecondarlo, non subirlo e non adeguarvisi. È anche per questo che si è potuto indagare sulla corruzione e scoprirne il sistema. Perché c’era Saverio Borrelli
22 luglio 2019