home search menu
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
Giurisprudenza e documenti
Ancora in tema di continuazione e particolare tenuità del fatto
di Federico Piccichè
Avvocato del Foro di Monza e membro del Consiglio Direttivo della Scuola Forense di Monza
Nota a Cass. Pen., Sez. V, Sent. 31 maggio 2017 (dep. 19 luglio 2017), n. 35590, Pres. Palla, Rel. Gorjan

La sentenza, qui succintamente annotata, va segnalata perché afferma che la commissione di più reati della stessa indole legati dal vincolo della continuazione, qualora siano realizzati nelle medesime circostanze di tempo e di luogo, non è ostativa all'applicabilità della causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all'art. 131 bis cp.

L'accadimento concreto oggetto del giudizio può essere così sintetizzato.

In primo grado l'imputato veniva assolto ai sensi dell'art. 131 bis cp dai delitti di violazione di domicilio e minaccia, che erano stati commessi per questioni di eredità in danno della nipote.

Nella specie era stato accertato che l'imputato, dopo essere entrato nell'abitazione della nipote, si era intrattenuto nella casa contro la volontà di quest'ultima, che nel contempo era stata pure minacciata dall'imputato.

La sentenza di assoluzione veniva impugnata in cassazione dal Procuratore generale per violazione di legge.

Secondo il procuratore, infatti, l'art. 131 bis cp non poteva trovare applicazione, avendo l'imputato commesso più reati della stessa indole.

Secondo il ricorrente i due reati potevano ritenersi della stessa indole dal momento che, anche alla luce dell'unitario episodio criminoso, presentavano caratteri comuni, essendo stati entrambi realizzati per contrastare i diritti ereditari della persona offesa.

La Corte suprema, però, respinge il ricorso del Procuratore generale sulla base del seguente ragionamento.

In particolare, la Corte opera una distinzione tra continuazione diacronica e continuazione sincrona.

Nell'ambito della continuazione diacronica, la Corte fa rientrare quelle fattispecie in cui i reati vengono commessi in momenti spazio-temporali distinti tra loro.

Nell'ambito della continuazione sincrona, invece, la Corte fa rientrare quelle fattispecie in cui i reati vengono commessi nelle medesime circostanze di tempo e di luogo.

Orbene, secondo la Corte, il caso di specie deve essere ricondotto nell'ambito della continuazione sincrona, in quanto le due azioni dell'imputato sono state poste in essere nel medesimo contesto spazio-temporale e hanno rappresentato l'espressione di una volizione criminosa sostanzialmente unica, derivando da questo un giudizio favorevole in punto di applicazione della nuova causa di non punibilità di cui all'art. 131 bis cp, potendo ritenersi che il comportamento criminoso tenuto in concreto dall'imputato sia stato un fatto estemporaneo.

La Corte, invece, sembrerebbe contraria all'applicabilità della causa di non punibilità in questione nell'ipotesi di continuazione diacronica in quanto, in questo caso, la volizione criminosa, pur manifestandosi nell'ambito di un medesimo disegno criminoso, non è unica, ma reiterata «a sostegno dell'ulteriore azione illecita commessa in diverse condizioni di tempo e luogo» e, dunque, sintomatica di una maggiore pervicacia criminale, ostativa alla concessione del beneficio.

La sentenza in esame parrebbe essere la prima che si pone il problema di distinguere tra continuazione diacronica e continuazione sincrona, analizzando, nello specifico, la compatibilità di quest'ultima con la nuova causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto[1].

Inoltre, in seno alla giurisprudenza di legittimità, la sentenza qui segnalata e la recente pronuncia n. 19932, emessa dalla Sez. II penale della Cassazione in data 29 marzo 2017, costituiscono le prime voci che si sono levate contro l'orientamento maggioritario, secondo il quale invece la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto non può essere applicata in presenza di più reati avvinti dalla continuazione[2].



[1] Basti pensare che, in un caso recente in cui l'imputato era stato assolto in primo grado per particolare tenuità del fatto dai reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, legati dal vincolo della continuazione e commessi in un unico contesto, su ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica, la Cassazione con l'arresto n. 13414/17 ha annullato la sentenza impugnata, limitandosi ad affermare, fra l'altro, che la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto non può essere dichiarata in presenza di più reati legati dal vincolo della continuazione, in quanto anche il reato continuato configura un'ipotesi di comportamento abituale, ostativa al riconoscimento del beneficio, senza porsi dunque il problema se sia necessario distinguere tra continuazione sincrona, quale era quella che caratterizzava il vincolo sussistente tra i due reati di resistenza a pubblico ufficiale e lesioni contestati all'imputato, e continuazione diacronica.

[2] La giurisprudenza di legittimità assolutamente maggioritaria esclude che la causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto possa essere applicata in presenza di più reati uniti dal vincolo della continuazione, in quanto il reato continuato configurerebbe un'ipotesi di comportamento abituale, segno di una devianza non occasionale (cfr. fra gli arresti più recenti: Cass. Pen., Sez. III, 38021/17; Cass. Pen., Sez. IV, 32108/17; Cass. Pen., Sez. V, 31667/17; Cass. Pen., Sez. II, 28341/17; Cass. Pen., Sez. V, 28193/17). Di recente, però, come già ricordato sopra nel testo, la Corte di cassazione, con l'arresto n. 19932/17, discostandosi dall'opinione maggioritaria, ha sostenuto che la presenza di due o più reati avvinti dal vincolo della continuazione non può portare ad una automatica esclusione della causa di non punibilità prevista dall'art. 131 bis cp. In particolare su questa sentenza si veda, volendo, anche per gli ulteriori richiami che si fanno all'orientamento contrario e maggioritario della giurisprudenza di legittimità, F. Piccichè, Continuazione e particolare tenuità del fatto, in questa Rivista on-line, 3 luglio 2017.

22 settembre 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
L’ipotesi di applicazione retroattiva dell’abrogazione della protezione umanitaria ai procedimenti pendenti: una lettura critica della questione rimessa alle Sezioni unite
L’ipotesi di applicazione retroattiva dell’abrogazione della protezione umanitaria ai procedimenti pendenti: una lettura critica della questione rimessa alle Sezioni unite
di Nicola Canzian
Il contributo analizza in chiave critica le ordinanze che hanno rimesso alle SU la questione degli effetti intertemporali della protezione umanitaria. Questo orientamento propende per l’applicazione immediata delle nuove norme, ritenendo che il diritto a tale protezione sia una fattispecie a formazione progressiva; a questa ricostruzione si contrappongono i più convincenti argomenti dell’opposto orientamento, secondo cui la riforma non può essere applicata a chi già vantava il diritto alla protezione umanitaria, inteso quale diritto umano che preesiste al suo riconoscimento in sede amministrativa o giurisdizionale.
25 luglio 2019
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019
L’effettività dell’assistenza quale requisito per l’inoppugnabilità delle rinunce e transazioni ai sensi dell’art. 2113 comma 4 cc. Lineamenti giurisprudenziali
L’effettività dell’assistenza quale requisito per l’inoppugnabilità delle rinunce e transazioni ai sensi dell’art. 2113 comma 4 cc. Lineamenti giurisprudenziali
di Amato Carbone
Il giudice di merito è di frequente chiamato a sindacare la genuinità della volontà transattiva espressa dal lavoratore in occasione di accordi in sede sindacale. Quali requisiti deve presentare la tutela offerta per risultare effettiva ed efficace?
10 luglio 2019
Il giudice e la legge penale
Il giudice e la legge penale
di Domenico Pulitanò
Le usuali discussioni sul rapporto giudice/legge riguardano il problema dell’interpretazione. Le teorie dell’interpretazione non sono teorie sui poteri del giudice. Problemi ermeneutici si pongono per qualsiasi interprete; le differenze tra i fabbricanti di interpretazioni sono di autorevolezza o di potere decisionale
9 luglio 2019
Sicurezza sociale e nuove tipologie contrattuali: l'assegno al nucleo familiare
Sicurezza sociale e nuove tipologie contrattuali: l'assegno al nucleo familiare
di Anna Terzi
Il giudice di legittimità indica nell'interpretazione sistematico-evolutiva la via corretta per l’applicazione delle norme previdenziali anteriori alla disciplina delle nuove tipologie di contratto di lavoro
2 luglio 2019
La replica del Tribunale di Firenze alle ordinanze Cass. nn. 1750 e 1751 del 2019 in vista della pronuncia delle Sezioni unite
La replica del Tribunale di Firenze alle ordinanze Cass. nn. 1750 e 1751 del 2019 in vista della pronuncia delle Sezioni unite
di Cecilia Pratesi
L’interpretazione degli effetti della successione di leggi nel tempo nell’abrogazione della disciplina della protezione umanitaria implica molteplici profili di ricostruzione sistematica del diritto di asilo, con numerose e complesse conseguenze in diritto. Nota a Tribunale Firenze, 22 maggio 2019
1 luglio 2019
«La legge non dispone che per l’avvenire» (art. 11 disp. prel. cc): a proposito del decreto sicurezza
«La legge non dispone che per l’avvenire» (art. 11 disp. prel. cc): a proposito del decreto sicurezza
di Cesare Massimo Bianca
Considerazione critiche sull'ordinanza 11750/2019 della Corte di cassazione in tema di efficacia retroattiva del dl 113/2018
17 giugno 2019
Cassazione, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore divenuto inabile alle mansioni e i ragionevoli accomodamenti
Cassazione, il licenziamento per inidoneità sopravvenuta del lavoratore divenuto inabile alle mansioni e i ragionevoli accomodamenti
di Elisabetta Tarquini
La giurisprudenza della Corte suprema tra innovazione e ritorni al passato. Commento alla sentenza n. 27243/2018
13 giugno 2019
Considerazioni sulla proposta di legge per l’istituzione del Tribunale dei conflitti*
di Aldo Travi
È oggettivamente inquietante che nel disegno di legge per l'introduzione di un Tribunale dei conflitti siano del tutto ignorate le norme sulla giurisdizione di cui alla nostra Costituzione, che distingue fra le giurisdizioni innanzitutto in base ad una distinzione di stato giuridico (artt. 102 e 103 Cost.): ed è ancora più significativo in un periodo come l’attuale, in cui si avverte in modo più acuto un senso di estraneità, nella classe dirigente politica e in ampi settori della cittadinanza, per il testo costituzionale. La stessa Costituzione finisce così ​col diventare un fattore di rilievo trascurabile
11 giugno 2019
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Giurisprudenza e documenti
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
Le Sezioni unite sulla cannabis light. Una prima lettura
di Davide Barbagiovanni
La cannabis light tra legge, giudici, principio di offensività in astratto e in concreto e alcune occasioni mancate
24 luglio 2019
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
Licenziamenti disciplinari e contrattazione collettiva tra realtà e immaginazione
di Alberto Piccinini
Note critiche a proposito della sentenza Cass., Sezione Lavoro, n. 12365 del 9 maggio 2019
23 luglio 2019
Caso Sea Watch 3, la “scandalosa” ordinanza di rigetto del gip di Agrigento
Caso Sea Watch 3, la “scandalosa” ordinanza di rigetto del gip di Agrigento
di Andrea Natale
La richiesta di convalida dell'arresto di Carola Rackete è stata respinta. Una decisione che ricorda l'esistenza di una gerarchia di documenti normativi che antepone la Costituzione e le convenzioni internazionali ai provvedimenti amministrativi di un Ministro
3 luglio 2019
Sicurezza sociale e nuove tipologie contrattuali: l'assegno al nucleo familiare
Sicurezza sociale e nuove tipologie contrattuali: l'assegno al nucleo familiare
di Anna Terzi
Il giudice di legittimità indica nell'interpretazione sistematico-evolutiva la via corretta per l’applicazione delle norme previdenziali anteriori alla disciplina delle nuove tipologie di contratto di lavoro
2 luglio 2019
Le ordinanze prefettizie limitative della libertà di movimento nelle “zone rosse” *
di Giacomo Cresci
È stata di recente inaugurata a Firenze e Bologna una nuova frontiera nell’esercizio dei poteri di polizia con riflessi sui principi cardine di un ordinamento democratico: ma l’ordinanza prefettizia del Prefetto di Firenze, limitativa della libertà di movimento a seguito di mera denuncia, è stata annullata dal Tar Toscana con la decisione che si commenta
10 giugno 2019
Elezione di domicilio e conoscenza del procedimento: la parola passa alle Sezioni unite
Elezione di domicilio e conoscenza del procedimento: la parola passa alle Sezioni unite
di Federico Piccichè
Le Sezioni unite chiamate a pronunciarsi sulla validità della dichiarazione di assenza basata su un’elezione di domicilio presso difensore d’ufficio nominato dalla polizia giudiziaria in sede di identificazione. Nota a Cassazione Penale, Sez. 1, ordinanza 29 gennaio 2019 (dep. 1 marzo 2019), n. 9114, Pres. Mazzei, Rel. Siani
27 maggio 2019