Magistratura e società

Lingua e cultura. La ‘ndrangheta tra silenzi, impliciti e parole

di Ivana Azzalini e Patrizia Bellucci
Università di Firenze

Il libro di Gratteri e Nicaso da una parte chiama in causa gli studiosi delle scienze del linguaggio, dall'altra impone una riflessione sulla natura delle competenze richieste per la lotta alla criminalità organizzata


1 febbraio 2014

Il libro di N. Gratteri e A. Nicaso, "Dire e non dire. I dieci comandamenti della ‘ndrangheta nelle parole degli affiliati", Mondadori, Milano, 2012, da una parte chiama direttamente in causa gli studiosi delle scienze del linguaggio e, dall’altra, impone una riflessione sulla natura delle competenze richieste e praticate nel contrasto alla criminalità organizzata.

Un libro, dunque, che informa e forma e contemporaneamente interroga gli operatori del diritto, gli studiosi e i cittadini su temi e problemi del massimo rilievo pubblico.