home search menu
Magistratura e società
Precari fuori legge
di Rita Sanlorenzo
Nel 97% dei procedimenti penali innanzi al giudice monocratico, il pm è un giudice onorario; il 100% dei procedimenti di esecuzione mobiliare sono affidati a giudici onorari. Un libro di Paola Bellone racconta la condizione dei Precari (fuori) legge
Precari fuori legge

Giustizia e precariato sono due termini tra loro dissonanti: anzi, di più.

La loro associazione dà luogo ad un lampante ossimoro, come dimostra l’evoluzione del mercato del lavoro di questi ultimi decenni.

Più precariato ha voluto dire infatti (secondo un rapporto inversamente proporzionale) meno giustizia per i lavoratori tutti, precari e no: meno diritti sicuramente per i primi, a cagione della evidente maggior ricattabilità della loro condizione, ma un indebolimento complessivo anche della posizione dei secondi; in generale, uno svilimento del lavoro inteso come forma di realizzazione della persona e mezzo per procurarsi la retribuzione sufficiente per assicurare a sè ed alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa. Il contrasto si fa più stridente ancora se per “giustizia” si intende la funzione pubblica che l’amministra: nel quotidiano, all’interno delle aule, attraverso la celebrazioni di rituali processi, per fatti più o meno bagatellari (ma in cui sempre si rivelano tratti universali di umanità).

Da anni, in Italia, il rimedio concreto alla oggettiva insufficienza del sistema a far fronte ai carichi processuali consiste nell’utilizzo di giudici “onorari”: laureati in materie giuridiche, nella maggior parte dei casi professionisti comunque vincolati da regimi di incompatibilità – e quindi costretti a svolgere solo l’incarico pubblico – che vengono nominati con un mandato a termine, che la legge prevede passibile di un solo rinnovo.

Nei fatti, a seguito delle costanti proroghe annuali, a cui si giunge affannosamente alla scadenza del periodo quando finalmente ci si accorge che non si può far altro, “precari della giustizia”, ormai strutture portanti del sistema, ma tuttora legati ad uno schema ipocrita e mortificante, quello che li vorrebbe vedere “onorati” di entrare tangenzialmente e a far parte della giurisdizione: quando la realtà dice di una presenza di VPO in funzione di Pubblico Ministero nel 97 per cento nei processi monocratici, e di un sonante 100 per cento di procedimenti di esecuzione mobiliare affidati ai GOT, a cui è assegnata anche una percentuale elevata di processi di cognizione.

Nei Tribunali ordinari nel 2008 (sono i dati più recenti) operavano 1861 GOT contro 3681 giudici di carriera, mentre a fronte di 1544 magistrati con funzioni di pubblico ministero, i VPO erano 1669: numeri che da soli smentiscono che la condizione precaria possa essere giustificata da un utilizzo sporadico, saltuario, solo sussidiario.

Questa è la realtà tratteggiata in premessa a Precari (fuori)legge, scritto da una VPO ormai di lungo corso (dal 2000), che nell’occasione mette a fuoco – a pieno diritto, e con intelligente ironia – una visione della giustizia e dell’umanità che vi incappa: ma dando personale testimonianza di come la condizione in cui è costretta, con possibilità di sbocco sempre più nebulose e vaghe, di per sè nega la stessa idea di una giustizia “anche apparentemente giusta”, amministrata da un soggetto messo al riparo da risvolti, materiali ma non solo, di un trattamento iniquo e mortificante.

Perché, come scrive Paola Bellone, “nel sistema giustizia la precarietà è ontologicamente incompatibile con le garanzie che costituiscono il presidio della funzione svolta dai magistrati”: la precarietà mina le esistenze, ma anche le coscienze, rende meno indipendenti e liberi, offende il senso stesso di dignità della persona.

E’ questo il senso più profondo e malato di una rivoluzione negativa che ha avvelenato le nostre società, e contribuito ad abbassare il livello del discorso pubblico (si pensi agli effetti del lavoro precario sull’informazione, o sull’insegnamento), a mortificare le aspirazioni personali non solo al benessere economico, ma alla partecipazione ad un disegno sociale di progresso.

Alle considerazioni che valgono per la generalità della condizione del lavoratore precario, si aggiunge, nel caso dei magistrati onorari, l’ipocrisia del sistema che da un lato, li relega ancora, a distanza di quindici anni dalla loro istituzione (d.lgs. 19 febbraio 1998, n.51, cd. Legge Carotti), in un ruolo non solo ausiliario e accessorio, ma anche fortemente mortificato dal punto di vista economico, privo delle minime tutele che ormai spettano anche a tanti lavoratori non stabilizzati (indennità di maternità, malattia, ferie, tredicesima); dall’altro, ha permesso che essi assumessero ormai una funzione decisiva e portante, capace di garantire lo smaltimento di un numero ingente di processi nel settore penale, ed in quello civile (si vedano in proposito i dati raccolti da Paola Bellone).

L’inerzia legislativa, anche in questo specifico settore della giustizia, mortifica la condizione del singolo, ma soprattutto, penalizza il progetto per un ammodernamento ed una migliore efficienza del servizio: una paralisi che non solo sospende migliaia di destini individuali, ma che lascia al palo ogni ipotesi di riorganizzazione e di razionalizzazione.

Eppure, la proposta che i “precari (fuori)legge” formulano per recuperare quella dignità sin qui negata, contiene proprio preziosi spunti nell’interesse comune: non una meccanica “stabilizzazione”, ovvero un ingresso “per meriti di servizio” nel corpo della magistratura professionale, ma piuttosto una originale forma di arruolamento per continuare a svolgere quei compiti ausiliari all’interno di una struttura di moderna e razionale concezione, l’”ufficio per il processo”.

Già oggetto della proposta dell’Associazione Nazionale Magistrati, è questo un possibile modulo organizzativo capace di coordinare tra loro le competenze dei diversi soggetti chiamati a collaborare alla realizzazione del servizio (magistrati onorari e professionali, personale amministrativo, tirocinanti e stagisti), e di muoverle razionalmente verso l’obbiettivo comune, quello della celebrazione in tempi rapidi, secondo modalità condivise negli uffici, dei processi (preferibilmente, secondo l’idea che suggerisce il libro, per fatti di un qualche rilievo, non essendo più posponibile un organico piano di depenalizzazione).

Quello dell’”ufficio per il processo” può costituire un comune obbiettivo, intorno al quale consolidare un’alleanza strategica capace di portare avanti una proposta capace di disegnare la giustizia del futuro: lasciandoci alle spalle questa, che non può far a meno, per reggere il peso del suo carico, di farsi motivo ed occasione di una palese iniquità.

5 aprile 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Da “gusci vuoti” a “officine dei diritti”
Da “gusci vuoti” a “officine dei diritti”
di Roberto Braccialini
Pubblichiamo la relazione svolta all'incontro di studi organizzato dal Csm il 21 novembre 2017 sul tema: “Problematiche applicative ed organizzative derivanti dall'entrata in vigore della riforma della magistratura onoraria”
9 gennaio 2018
Funzioni del pubblico ministero delegabili in udienza al vice procuratore onorario in base alla nuova disciplina
Funzioni del pubblico ministero delegabili in udienza al vice procuratore onorario in base alla nuova disciplina
di Paola Bellone* e Enrica Marinelli**
Le autrici interpretano l’art. 17 del d.lgs n. 116/2017 (che completa l’attuazione della legge delega 57/2016, di riforma della magistratura onoraria). L’articolo disciplina «le attività delegabili ai vice procuratori onorari». La formulazione, in particolare, del comma 4, in base a un’interpretazione letterale, solleva dubbi circa l’introduzione di nuovi limiti − rispetto alla disciplina precedente − alla delegabilità, in udienza, delle determinazioni ex art. 444 cpp. I dubbi sono superati attraverso una lettura logica, sistematica e conforme a Costituzione e la dimostrazione che l’interpretazione letterale dell’intero articolo renderebbe inapplicabili diverse disposizioni della norma
3 novembre 2017
Linee guida per l’applicazione del d.lgs n. 116 del 2017, “Riforma organica della magistratura onoraria”. Regolamentazione dell'attività dei Vice Procuratori Onorari
Note critiche sullo schema di decreto legislativo recante la riforma organica della magistratura onoraria
Prime valutazioni sulle censure del Comitato europeo dei diritti sociali alla normativa italiana sui giudici onorari
Prime valutazioni sulle censure del Comitato europeo dei diritti sociali alla normativa italiana sui giudici onorari
di Chiara Spada
Per il Comitato, dal punto di vista della funzione svolta all’interno dell’ordinamento, vi è equivalenza tra magistratura ordinaria ed onoraria
30 gennaio 2017
Il giudice di pace nella previsione della Legge n. 57/2016
Il giudice di pace nella previsione della Legge n. 57/2016
di Giovanna Moretti
L'articolo esamina l’evoluzione della figura del giudice di pace dalla legge istitutiva alla legge delega della riforma della magistratura onoraria evidenziandone le criticità, segnatamente sotto il profilo della limitazione della autonomia della funzione giurisdizionale e constatando il mancato riconoscimento delle garanzie di indipendenza e terzietà proprie di ogni giudice
22 dicembre 2016
La montagna e il topolino
La montagna e il topolino
di Pietro Sommella
Le premesse e le promesse di una riforma lungamente attesa hanno deluso le aspettative della categoria e in parte mancato l’obiettivo fissato
7 dicembre 2016
L'editoriale del n.3/2016
L'editoriale del n.3/2016
di Renato Rordorf
Due i temi al centro di questo numero: la giustizia tributaria e la magistratura onoraria
5 ottobre 2016
Guida alla legge 28 aprile 2016 n. 57
Guida alla legge 28 aprile 2016 n. 57
di Giuseppe Buffone
Le novità contenute nella legge delega per la riforma organica della magistratura onoraria e altre disposizioni sui giudici di pace
4 maggio 2016
L’ingiustizia nata dalla giustizia
L’ingiustizia nata dalla giustizia
di Chiara Spada
Il tema del “precariato” ha nuovamente portato l’Italia al cospetto dell’Unione europea, ponendo al centro, questa volta, la vicenda dei magistrati onorari
18 marzo 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Magistratura e società
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
Regole e principi per un buon giornalismo non per un giornalismo buono: la nuova edizione delle Linee guida della Carta di Roma
di Paola Barretta
L’Associazione Carta di Roma è stata fondata nel dicembre 2011 per dare attuazione al protocollo deontologico per una informazione corretta sui temi dell’immigrazione, siglato dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti (CNOG) e dalla Federazione nazionale della stampa italiana (FNSI) nel giugno del 2008
15 ottobre 2018
Diritti, identità, culture (tra alti e bassi giurisprudenziali)*
di Nicola Colaianni
Nella società delle grandi migrazioni il principio della legge uguale per tutti subisce l’assalto di nuove culture e di pretesi diritti culturali differenziati. La fallacia di questa interpretazione alla luce del dettato costituzionale non di rado, tuttavia, viene fondata su un inesistente obbligo di adesione ai “valori occidentali”. Viceversa il rispetto del diritto all’identità cultural-religiosa consente una interpretazione del diritto positivo in modo accogliente le altre culture, fino a che queste non contrastino con i diritti fondamentali: un uso interculturale del diritto
24 settembre 2018
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
Messa alla prova, quasi un romanzo di formazione
di Andrea Natale
Ennio Tomaselli, per anni magistrato a Torino soprattutto in ambito minorile, è autore di numerose pubblicazioni, tra cui Giustizia e ingiustizia minorile. Tra profonde certezze e ragionevoli dubbi (FrancoAngeli, 2015). Messa alla prova (Manni editore, 2018) è il suo primo romanzo che, non per caso, ruota (anche, ma non solo) attorno al mondo della giustizia minorile. I personaggi: un cancelliere di tribunale, un giudice minorile e un ragazzo con alle spalle un’adozione fallita. Li accomuna un desiderio insoddisfatto di giustizia
22 settembre 2018
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
Pier Amato Perretta. Una vita per la libertà
di Giuseppe Calzati
Un magistrato impegnato nell’associazionismo delle origini, che previde la deriva autoritaria del fascismo e che ad esso si oppose fino alla scelta di abbandonare l’ordine giudiziario e fino al sacrificio della vita durante la Resistenza
14 settembre 2018
Il giudice dei diritti
Il giudice dei diritti
di Marco Del Gaudio
La legittimazione autonoma della giurisdizione è un dato necessario che deriva dal suo ruolo di controllo sull’esercizio illegale del potere, a prescindere dalla “quantità di volontà popolare” che ha contribuito a legittimare quel potere di Governo. Nessun consenso rende lecito un atto di Governo contrario alle regole, ed è essenziale che la violazione sia accertata, riconosciuta e stigmatizzata in sede giurisdizionale. A maggior ragione nessun consenso, per quanto maggioritario o pressoché unanime, potrebbe rendere lecito un comportamento previsto dalla legge come reato
14 settembre 2018
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
Il Forteto, storia, poco nota, di una comunità maltrattante
di Vittorio Borraccetti
Nella comunità del Forteto, in territorio toscano, molte persone affidate per ragioni di cura e sostegno sono state maltrattate e abusate per decenni. La lettura delle sentenze del processo conclusosi da poco in Cassazione, e anche di precedenti decisioni giudiziarie, ha fatto emergere non solo i fatti delittuosi ma anche i comportamenti negligenti se non corrivi di chi doveva vigilare
11 settembre 2018