home search menu
Pio La Torre, un innovatore politico
Magistratura e società
Pio La Torre, un innovatore politico
di Nando Dalla Chiesa
Ordinario di Sociologia dei processi economici e del lavoro, Università di Milano
Presidente onorario di Libera
Pochi uomini hanno avuto un rapporto così diretto con le trasformazioni di quella che poi avremmo imparato a chiamare Cosa Nostra. E ancor meno uomini ne hanno compreso i mutamenti adeguando nel tempo le forme e le prospettive della propria azione conflittuale
Pio La Torre, un innovatore politico

Pio La Torre dedicò tutta la vita alla lotta alla mafia. E visse e contrastò, della mafia, tutte le forme storiche. Combattè quella del latifondo, e il suo rapporto complice con la grande proprietà assenteista, fino a patire il carcere, dopo la seconda guerra mondiale. Poi denunciò con forza quella urbana, che al latifondo aveva sostituito la speculazione edilizia e la spesa pubblica come fonti di arricchimento e di potere. Quindi intravvide, capì e contrastò frontalmente la mafia che aveva conquistato in pochi anni il monopolio dell’eroina sul Mediterraneo e che si lanciava all’assalto delle istituzioni[1]. Lotte sociali e movimento contadino; opposizione in parlamento, e lo straordinario contributo dato con la Relazione di minoranza nella Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno mafioso nel 1976, che portava la sua prima firma[2]; e infine la proposta di legge che avrebbe fatto da spartiacque nella storia dei rapporti tra Stato e mafia[3].

Pochi uomini hanno avuto un rapporto così diretto con le trasformazioni di quella che poi avremmo imparato a chiamare Cosa Nostra. E ancor meno uomini ne hanno compreso i mutamenti adeguando nel tempo le forme e le prospettive della propria azione conflittuale. L’opinione pubblica e anche la narrazione del movimento antimafia, soprattutto giovanile, hanno riservato a questa singolare figura di leader politico una attenzione minore di quella che gli sarebbe spettata. Qui, per valorizzarla, non si parlerà dell’impatto che ha avuto nel tempo la sua legge (firmata simbolicamente dopo il suo assassinio anche dal Ministro dell’interno Virginio Rognoni), impatto che è stato alto e sotto certi profili devastante per le logiche dell’accumulazione mafiosa. Si parlerà piuttosto del contesto storico con cui Pio La Torre si è trovato ad agire. E dunque dello sforzo politico, intellettuale, civile, che ha dovuto compiere per condurre il più possibile la società italiana verso una adeguata consapevolezza del fenomeno mafioso e degli strumenti per combatterlo. Cercando di indicare i principali elementi di quadro con cui egli dovette scontrarsi nella propria azione civilizzatrice (nel senso più stretto del termine).

1. Il primo elemento, il più “pesante”, fu sicuramente la tesi che la mafia come organizzazione non esistesse. Fino alle confessioni di Buscetta, che giunsero più di due anni dopo la sua morte, era diffusa in Sicilia la convinzione che la mafia fosse figlia della fantasia della stampa del Nord o della disonestà intellettuale con cui il Partito comunista conduceva la propria opposizione politica. La teoria della inesistenza della mafia non era cioè esclusivo appannaggio dei boss interrogati nelle aule dei tribunali. E non rispecchiava nemmeno solo le convinzioni degli strati popolari. Venne piuttosto sposata con fermezza negli anni sessanta, anche dopo la strage di Ciaculli, dal cardinale di Palermo Ruffini (settentrionale di nascita) che la sostenne nella risposta scritta a papa Paolo VI, il quale ne chiedeva spiegazioni alla Chiesa siciliana[4]. C’era anche una variante di questa tesi. Ed era che la mafia esistesse solo in forma di mentalità. L’aveva argomentata Gaetano Mosca nella sua celebre conferenza del 1900[5]. Ma era stata rilanciata da Leonardo Sciascia nel 1974, nella sua prefazione a Mafia, un libro di successo scritto da un giovane sociologo tedesco, Henner Hess, che con questa variante si era posto in evidente sintonia[6].

2. Il secondo elemento di quadro fu la tesi che la mafia fosse una cosa “buona” o “giusta” o “necessaria”. Ogni aggettivo positivo era in tal caso quasi sempre preceduto dall’avverbio “purtroppo”. Ma alla fine si trattava di una entità, sfuggente e granitica al tempo stesso, che assicurava ordine, occupazione e contribuiva perfino alla tenuta della democrazia repubblicana, come si trovava scritto su un noto saggio di un magistrato di Cassazione, Guido Lo Schiavo[7]. Lo pensavano, senza poterlo sempre dire, anche diversi esponenti politici che ne traevano voti e consensi.

Insomma: alternativamente (o insieme) mafia invisibile o mafia legittima. Lottare contro questa sorta di fantasma buono fu per Pio La Torre una fatica improba. Per farlo dovette scuotere condizioni, culture e coscienze. Sempre subendo il pregiudizio (frutto del patto di coesistenza con la mafia siglato tacitamente dal potere) che chi denunciava la mafia fosse “comunista” o “amico dei comunisti”.

3. Il terzo elemento di quadro fu il pregiudizio settentrionale che la mafia fosse fenomeno folclorico. Anche feroce, ma di cui si era autorizzati a vedere soprattutto la caricatura in quanto congenito a una realtà sociale residuale e in via di superamento. I grandi piani di industrializzazione del Meridione, a colpi di poli chimici e centri siderurgici, l’avrebbero disfatta, spappolata. Da leader di popolo (e di popolo delle “sole” bandiere rosse), da dirigente politico siciliano dovette e potè dunque contare soltanto sulle sue forze. Non gli giunse in soccorso la grande forza della democrazia. Il sistema politico aveva (come in gran parte ha ancora) altre priorità. Inutilmente cercò nella richiamata Relazione di minoranza del 1976 di spiegare che la mafia era questione della democrazia italiana, figlia organica dei suoi limiti e dei suoi veleni, e in primo luogo delle ambiguità delle sue classi dirigenti[8]. Che solo alzando la qualità democratica del Paese sarebbe stato possibile sconfiggerla.

4. Il quarto elemento di quadro, e non risultò il minore, fu la cecità del Paese di fronte ai cambiamenti in corso. Facilitata certo dall’incubo del terrorismo, che catalizzava paure e programmi solenni. Che oscurava le realtà più drammatiche. Fino a far parlare personalità autorevolissime (compreso il Presidente del Consiglio Giovanni Spadolini) di una causale terroristica davanti all’omicidio che segnava il nuovo livello dell’aggressività mafiosa: quello di Piersanti Mattarella, il capo del governo dell’Isola. E che al contempo faceva straparlare di mafie ormai traslocate, con testa e sistema nervoso, a Zurigo o a Londra o a Milano. Totalmente cambiate, trasferite nei cieli della finanza. Insomma: o inesistenti o assise in luoghi lontani e rarefatti. Sempre in ogni caso invisibili, non parte della realtà sociale quotidiana.

La Torre ebbe il merito di non crederci. E fu innovatore proprio perché non stravolse la realtà, che conosceva fin troppo bene. Operò sulla realtà vera. La mafia c’era, controllava la vita sociale anche nei quartieri, aveva la sua testa nella provincia di Palermo e da lì, come egli amava ripetere, faceva «politica a colpi di pistola». I grandi traffici di eroina l’avevano sospinta verso una dimensione imprenditoriale sconosciuta. Ma non per questo aveva perso la sua identità. Perciò nella legge che istituiva il reato di associazione mafiosa egli non si limitò a indicare il profitto tra le grandi finalità dell’associazione, ma indicò tra i suoi obiettivi la realizzazione di «vantaggi ingiusti, per sé o per altri»[9]. Perché lì, nei vantaggi ingiusti, stava la sostanza, la fitta trama del potere: le assunzioni nell’impiego pubblico, l’impunità nei processi, l’elezione dei propri candidati, le raccomandazioni all’esame o per una priorità ospedaliera, il lavoro per gli affiliati del proprio clan. Proprio a causa di quella rete di favori e di dipendenze personali la democrazia infiacchiva fino a rovesciarsi in altro.

La legge così temuta dai clan fu un capolavoro di equilibrio tra la comprensione delle nuove dinamiche che si erano aperte nell’universo mafioso, con la “corsa all’oro” che stava facendo nascere l’impresa mafiosa, e la consapevolezza che l’antagonista non avrebbe comunque cambiato la propria identità di fondo. Se consideriamo il frastagliato panorama delle teorie odierne sul fenomeno mafioso, ciclicamente proiettate a sostenere, come ironizzava Giovanni Falcone, l’arrivo di una mafia «completamente nuova»[10], ci rendiamo conto dei meriti acquisiti davanti alla storia del Paese da questo autentico innovatore politico. Che costruì conoscenza e mobilitazione insieme. Conoscenza in una società fondamentalmente priva di studi scientifici sulla materia; mobilitazione in un partito che proprio in Sicilia stava smarrendo la propria capacità di smuovere passioni ed energie collettive. Come il più tipico degli innovatori dovette attraversare pregiudizi, accidie, resistenze. Ci riuscì, pagando il prezzo più alto che tocca talora ai veri innovatori.

*In copertina: Manifestazione per la pace, 4 Aprile 1982 (Comiso). La foto è tratta dal sito www.piolatorre.it



[1] Per adeguate note biografico-politiche, si vedano Pio La Torre, Le ragioni di una vita (scritti), De Donato, Bari, Coop. Ciclope, Palermo, 1982; Domenico Rizzo, Pio La Torre. Una vita per la politica attraverso i documenti, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2003; Giuseppe Bascietto e Claudio Camarca, Pio La Torre. Una storia italiana, Aliberti, Roma, 2008; Franco La Torre, Sulle ginocchia, Melampo, Milano, 2015; Atttilio Bolzoni, Uomini soli, Melampo, Milano, 2012 (Cap. II).

[2] Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, Relazione di minoranza (a prima firma Pio La Torre), Legislatura VI, 1976; anche Vittorio Coco (a cura di), L’antimafia dei comunisti. Pio La Torre e la relazione di minoranza, Istituto Poligrafico Europeo, Palermo, 2013.

[3] Sulla portata della legge e sulle successive acquisizioni giurisprudenziali si veda l’ormai classico: Giuliano Turone, Il delitto di associazione mafiosa, Giuffrè, Milano, 2015 (terza edizione).

[4] Attilio Bolzoni, Faq Mafia, Bompiani, 2010, pp. 45-46.

[5] Gaetano Mosca, Che cosa è la mafia? In Giornale degli economisti, vol. 20, 1900, pp. 236-262.

[6] Henner Hess, Mafia, Laterza, Roma-Bari, 1973 (ed. orig. 1970).

[7] Guido Lo Schiavo, Il regno della mafia, in Rivista dei processi, 5 gennaio 1955 (citato in Pino Arlacchi, La mafia imprenditrice, Mulino, Bologna, 1983, p. 59).

[8] Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno della mafia in Sicilia, Relazione di minoranza (a prima firma Pio La Torre), cit.

[9] Giuliano Turone, Il delitto di associazione mafiosa, cit.

[10] Giovanni Falcone, Cose di Cosa Nostra, Rizzoli, Milano, 1991 (con Marcelle Padovani), p. 104.

8 giugno 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Riina, la suprema Corte e lo Stato di diritto
Riina, la suprema Corte e lo Stato di diritto
di Riccardo De Vito
La sentenza nei confronti di Totò Riina ci ricorda che per la Costituzione non c'è persona, terrorista o mafiosa che sia, che possa essere privata del nucleo fondamentale dei diritti umani
6 giugno 2017
Ricordo di Pio La Torre
Ricordo di Pio La Torre
di Giuseppe Zupo
Il Pci dette mandato all’avv. Giuseppe Zupo di costituirsi per la parte civile nel processo per l’assassinio di Pio La Torre. In questo breve scritto egli ricorda Pio La Torre e tratteggia, dal suo punto di vista, lo svolgimento della vicenda processuale dalla fase delle indagini preliminari, al processo e alla successiva rimessione del suo mandato di avvocato per la parte civile per conto del Pci poi Pds
30 maggio 2017
Prima della bomba di Capaci
Prima della bomba di Capaci
di Piergiorgio Morosini
Recensione al volume di Giovanni Bianconi L’assedio. Troppi nemici per Giovanni Falcone (Einaudi – Stile Libero Extra, 2017)
22 maggio 2017
Pio La Torre, “un siciliano all’estero”
Pio La Torre, “un siciliano all’estero”
di Luciano Violante
La questione meridionale, il problema agrario, le condizioni di vita dei poveri, la corruzione al comune di Palermo e il malgoverno della regione Sicilia, il ruolo dell’isola nel Mediterraneo: erano queste le linee guida del suo impegno. Il suo contributo alla lotta alla mafia sarebbe interpretato in modo riduttivo se sconnesso dagli altri terreni del suo lavoro
4 maggio 2017
“Una convergenza oggettiva tra mafia, terrorismo e forze eversive”
“Una convergenza oggettiva tra mafia, terrorismo e forze eversive”
di Alessandra Dino
Il 30 aprile del 1982, a Palermo, la mafia uccideva il segretario del Pci siciliano Pio La Torre e il suo collaboratore Rosario Di Salvo. A trentacinque anni da quegli omicidi e a novant'anni dalla nascita di La Torre, dedichiamo un approfondimento alla sua figura
29 aprile 2017
Gli adempimenti fiscali dell’amministratore giudiziario
Tutta colpa dei giudici? Falso!
Tutta colpa dei giudici? Falso!
di Piergiorgio Morosini
Recensione al saggio di Costantino Visconti, «La mafia è dappertutto». Falso!, Laterza, Bari 2016
18 novembre 2016
Decadenza dalla responsabilità genitoriale nei confronti del latitante di mafia
Galeotto fu (proprio) il libro?
Galeotto fu (proprio) il libro?
di Roberta Mura
Considerazioni a margine dell’ordinanza di rimessione alla Corte Costituzionale in materia di libri e 41 bis
13 settembre 2016
Media e fenomeni mafiosi: le ragioni di un ritardo culturale
Media e fenomeni mafiosi: le ragioni di un ritardo culturale
di Pasquale Notargiacomo* e Giovanni Zaccaro**
Il saggio “Mediamafia. Cosa Nostra fra cinema e Tv” ricostruisce la storia della rappresentazione mediatica di Cosa Nostra. L’intervista all’autore e la sua lettura del recente dibattito che si è sviluppato attorno alla serie “Gomorra”
11 giugno 2016
Newsletter


Fascicolo 2/2017
Le nuove disuguaglianze
Beni comuni

Dedicato a Stefano Rodotà
Magistratura e società
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
Sandro Margara, il carcere speciale e l'ergastolo*
di Beniamino Deidda
Più passa il tempo che ci separa dalla scomparsa di Sandro Margara (un anno, ormai), più diventa urgente la necessità di testimoniare la sua idea della giustizia e del lavoro di magistrato, la sua immaginazione, il suo coraggio. Per Qg non c’è modo migliore di ricordarlo che lasciare la parola a un compagno e amico storico di Sandro, di Magistratura democratica, di questa Rivista: Beniamino Deidda. Le poche righe introduttive che state leggendo, questa volta, non anticipano nulla del brano. Ogni lettore potrà trovarvi quel che più lo interessa o lo appassiona: un pezzo della storia di Magistratura democratica, l’invenzione del “magistrato di sorveglianza”, la passione per la Costituzione e per gli uomini, la capacità di abbassare lo sguardo sui più disgraziati. Buona lettura
29 luglio 2017
Sulla natura (e sulla difficoltà) dei temi del concorso in magistratura
Sulla natura (e sulla difficoltà) dei temi del concorso in magistratura
di Daniele Mercadante
In merito ai temi dell’ultimo concorso in magistratura si prende atto di un nuovo indirizzo volto a concepire tracce meno specialistiche e si esprimono alcuni dubbi su questa tendenza
27 luglio 2017
W l'Inghilterra
W l'Inghilterra
di Andrea Venegoni
Riflessioni tra ricordi personali e scenari generali ad un anno dal referendum sulla Brexit
26 luglio 2017
Il “trattenimento” del migrante irregolare nei «punti di crisi» <i>ex</i> art. 10-<i>ter</i> d.lgs n. 286 del 1998 nel prisma della convenzione europea
Il “trattenimento” del migrante irregolare nei «punti di crisi» ex art. 10-ter d.lgs n. 286 del 1998 nel prisma della convenzione europea
di Fabio Cassibba
Pubblichiamo il testo della relazione svolta al convegno Ripensare le migrazioni forzate. Teorie, prassi, linguaggi e rappresentazioni, organizzato da Escapes – Laboratorio di studi critici sulle migrazioni forzate (Parma, 8-9 giugno 2017)
24 luglio 2017
Conciliare e risarcire non sono la stessa cosa. Notarella in margine ad un convegno di Villa Vigoni
“Quattro anni a Palazzo dei Marescialli. Idee eretiche sul Consiglio Superiore della Magistratura”