home search menu
Nuove schiavitù e mercato globale
Leggi e istituzioni
Nuove schiavitù e mercato globale
di Giuseppe Tucci
Ordinario di diritto privato nell'Università di Bari

Sommario:  

Premessa  

1. Storia e destino della norma: dai campi di lavoro nazisti alle nuove schiavitù post moderne.

2. La struttura della norma e le fattispecie da essa regolate.  

3. Continuità storica della schiavitù: lavoro schiavistico e libero mercato.

4. L’eredità del diritto romano e l’Europa moderna.  

5. La schiavitù e le Americhe: la Seconda Scolastica, gli Indios e la tratta atlantica degli schiavi.  

6. L’abolizione della schiavitù negli Stati nordamericani del Sud: il XIII e XIV emendamento e la sopravvivenza del contratto di peonage.  

7. Il diritto internazionale e l’abolizione formale della tratta degli schiavi all’inizio del XIX secolo.  

8. La struttura dell’art. 4 della Convenzione: la schiavitù tra proprietà e contratto.

9. L’art. 4 della Convenzione e l’art. 5 della Carta europea dei diritti fondamentali: l’integrazione tra le due norme.

10. Continua: il caso Bosphorus e il suo futuro eventuale superamento.

11. La “schiavitù”nella prospettiva dell’art. 4, comma 1°, della Convenzione.

12. La “servitù” nella prospettiva dell’art. 4, comma 1°, della Convenzione.

13. Continua: la tratta degli esseri umani come nuova schiavitù dell’età post moderna.    

14. Il contenuto ed il significato del “lavoro forzato od obbligatorio” ai sensi dell’art. 4, comma 2°, della Convenzione.

15. Le ipotesi di esclusione del “lavoro forzato od obbligatorio” ai sensi dell’art. 4, comma 3°, della Convenzione: il lavoro “normalmente” richiesto ai detenuti previsto nell’alinea a);  il servizio militare o degli obiettori di coscienza, previsto nell’alinea b).

16. Continua: il servizio previsto in caso di crisi o di calamità naturali richiamato nell’alinea c); il lavoro o il servizio rientranti nei “normali” doveri civici, previsti nell’alinea d).  

17. Gli obblighi degli Stati di fronte alla tratta degli esseri umani e l’attuazione della Direttiva 2011/36/UE: la riforma della disciplina di diritto penale.

18. Continua: la riforma della disciplina prevista per la prevenzione della stessa e per la protezione delle vittime.

19. Applicabilità della sanzione penale e strategie di prevenzione.  

20. Divieto della schiavitù, concorrenza sleale e diritti di informazione dei consumatori.  

21. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, diritti dei consumatori e tutela giurisdizionale collettiva.

22. Conclusioni: la diffusione delle schiavitù nell’età della globalizzazione.

 

21 luglio 2015
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 4/2018
Una giustizia (im)prevedibile?

Il dovere della comunicazione
Leggi e istituzioni
Incendi di rifiuti. Spunti per una indagine di polizia giudiziaria
Incendi di rifiuti. Spunti per una indagine di polizia giudiziaria
di Gianfanco Amendola
Il fenomeno degli incendi in impianti di rifiuti fa pensare che buona parte di questi eventi servano a risolvere situazioni di illegalità: è necessario farvi fronte con indagini di ampia portata, fondate sulla conoscenza di tutte le norme pertinenti
21 marzo 2019
La finanziaria diminuisce il risarcimento del danno spettante al lavoratore invalido (ed arricchisce l’impresa)
La finanziaria diminuisce il risarcimento del danno spettante al lavoratore invalido (ed arricchisce l’impresa)
di Roberto Riverso
La riforma si pone nel solco della riduzione dei diritti del lavoratore e dell’ampliamento delle prerogative garantite alle imprese secondo il modello di politica del lavoro dominante negli ultimi trent’anni
13 marzo 2019
Quando la legalità costituzionale non può (più) attendere…
Quando la legalità costituzionale non può (più) attendere…
di Andrea Natale
A margine di Corte costituzionale n. 40 del 2019 e della dichiarazione di illegittimità costituzionale delle sanzioni penali in materia di “droghe pesanti”
11 marzo 2019
Ecomafie, gli incendi negli impianti di trattamento e smaltimento di rifiuti
L’emergenza perenne Ilva di nuovo di fronte alla Corte costituzionale
L’emergenza perenne Ilva di nuovo di fronte alla Corte costituzionale
di Giuseppe Battarino
Gli istituti speciali introdotti per l’Ilva ancora di fronte alla Corte costituzionale: quanto a lungo può durare un’emergenza che sospende la giurisdizione?
5 marzo 2019
La sentenza n. 20/2019 della Corte costituzionale italiana verso un riavvicinamento all’orientamento della Corte di giustizia?
La sentenza n. 20/2019 della Corte costituzionale italiana verso un riavvicinamento all’orientamento della Corte di giustizia?
di Giuseppe Bronzini
Nuovo intervento, dopo l’obiter della n. 269/2017, della Corte costituzionale sul tema dell’applicabilità diretta della Carta di Nizza quando la norma interna viola anche le disposizioni costituzionali. Le precisazioni della Corte sembrano scongiurare una rotta di collisione con l’orientamento della Corte di giustizia, ma a prezzo di una più estesa limitazione della discrezionalità dei giudici comuni
4 marzo 2019