Magistratura democratica
Giurisprudenza e documenti / giurisprudenza di legittimità
La Cassazione
e l'affidamento del figlio
al genitore omosessuale
di Stefano Celentano
Dopo una colpevole inattività del legislatore, la giurisprudenza ha un approccio rispettoso al mondo omosessuale, sostituendo il termine “omosessualità” con quello di “omoaffettività”
La Cassazionee l'affidamento del figlioal genitore omosessuale

A distanza di meno di un anno dalla nota pronuncia n. 4184 del marzo 2012, tornano all’attenzione della Suprema Corte vicende relative al mondo omosessuali, ed ancora una volta la Corte assume posizioni, con estrema e sintetica chiarezza, a marcata censura del pregiudizio omofobo e dei tentativi che questo, in malcelate vesti giuridiche, possa avere ingresso e spessore nel ragionamento in diritto.

Come per la pronuncia del  2012 (relativa al matrimonio omosessuale), anche in questo caso la Corte affronta questioni processuali (in materia di onere della prova), partendo tuttavia da considerazioni di natura sociale, che nel caso di specie assumono un valore quasi pedagogico.

Ed infatti, con estrema chiarezza, i giudici affermano che l’assunto per cui il corretto ed armonioso sviluppo psichico del minore possa essere garantito soltanto dal suo inserimento in una dinamica di coppia eterosessuale, resta espressione di un pregiudizio (come tale inaccettabile socialmente e ancor di più privo di spessore giuridico) laddove esso non sia suffragato da adeguati riscontri scientifici o da dati di esperienza, ragion per cui allo stato – in assenza di tali riscontri – non vi è motivo per ritenere dannosa per un minore la sua permanenza all’interno di una nucleo omosessuale, eventualmente composto, come nel caso di specie, dalla madre e dalla sua compagna.

Il percorso ormai intrapreso dalla giurisprudenza di legittimità è al tempo stesso graduale, ma dirompente.

Graduale perché, a distanza di tempo, si sta lentamente costruendo un’azione efficace e propositiva ( e dunque con valenza pedagogica a livello sociale e di stimolo per il legislatore sordo ed inerte) rispetto all’evolversi di tutti i concetti che, per logica conseguenza della esistenza di una vita di coppia omosessuale, vengono in essa coinvolti, e dunque il matrimonio, la definizione sessuale, il rispetto della affettività, la stabilità di coppia, il suo riconoscimento pubblico , e non ultima la genitorialità. Dirompente perché il senso di sospensione , se non di negazione, dei diritti delle persone  omosessuali che pervade il vasto mondo dei movimenti di opinione e di tutela degli stessi, vede in queste pronunce (tutt’altro che timide, considerata la fermezza nella affermazione dei principi) un fascio di luce che illumina a giorno il percorso di conquista, di riconoscibilità e dunque civiltà da tempo intrapreso.

C’è forse un filo conduttore che lega al contempo con la bellezza di una preziosa seta e con la forza di un metallo, tanto i punti fermi fissati dalla giurisprudenza quanto l’evoluzione del pensiero sociale su tali tematiche: l’approccio rispettoso al mondo omosessuale, e la deliberata sostituzione del termine “omosessualità” a quello di “omoaffettività”, un’operazione che consente di abbattere ogni pregiudizio anche inconscio che leghi  esclusivamente le questioni omosessuali alla limitata sfera della comunicazione del corpo,  e che lo sostituisca con una visuale più ampia legata al sacrosanto mondo della affettività, e del libero esercizio del diritto all’amore.

Davanti ad un legislatore da tempo messo in mora su questi temi, per la sua colpevole inattività, il ruolo della giurisprudenza assume un rilievo unico nella tutela dei diritti, e nella lotta di civiltà contro il pregiudizio. Un ruolo di “supplenza” che non indica la deliberata volontà di sostituzione rispetto alle prerogative di un altro potere dello stato, ma le necessità di garantire (come potere dello stato a ciò deputato) , dinanzi a singoli episodi,  l’indiscutibile diritto all’uguaglianza, mediante un approccio socio-giuridico che, scevro da qualsiasi denunciata “creatività”, ha solo il pregio di porsi in continuità con le pronunce sovranazionali, ed in armonia con il dettato costituzionale.

30 gennaio 2013
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il giudice nel silenzio della legge: riconosciuta la doppia maternità in applicazione diretta della legge sulla procreazione assistita
di Luca Giacomelli
Per la prima volta è stato disposto che l’ufficiale di stato civile è obbligato a firmare l’atto di nascita del bambino riconoscendo la doppia maternità sin dall’inizio. Questo alla luce di un’interpretazione costituzionalmente conforme della legge n. 40 del 2004 sulla procreazione medicalmente assistita. Al giudice non interessa il modo in cui è nato il minore, ma solo garantire la tutela dei suoi diritti
11 luglio 2018
Stepchild adoption. Prove di resistenza
di Stefano Celentano
A più di un anno dalla pronuncia della suprema Corte n. 12962 del 24 maggio 2016, l’istituto della stepchild adoption, come applicabile anche all’interno delle famiglie omosessuali, continua ad essere oggetto di studio ed elaborazione giurisprudenziale da parte delle corti di merito. Tre recenti pronunce ne garantiscono la piena tenuta, seppur con differenti argomentazioni e spunti critici rispetto all’applicazione concreta della disciplina delle adozioni, a riprova che il ragionamento in diritto fatto proprio dalla suprema Corte si ispira a principi giuridici e sensibilità sociali coerenti con il “sistema filiazione” così come delineato dalla disciplina delle adozioni e dalla legge n. 219/2012. In attesa di un intervento del legislatore che acceda ad una lettura aperta della disciplina delle adozioni, rendendo definitivamente “neutra” ogni informazione circa l’orientamento sessuale degli adottanti, la giurisprudenza e la clausola di riserva di cui all’art. 20 della legge sulle unioni civili garantiscono l’armonizzazione del sistema, tutelando l’interesse del minore a che lo Stato conferisca forza e dignità pubblica ai suoi legami familiari con gli adulti di riferimento
9 ottobre 2017
I giudici, i due papà e l'interesse del minore
di Silvia Albano
Nota alla sentenza della Corte di appello di Trento che afferma la piena efficacia nel nostro ordinamento del provvedimento giudiziario straniero che riconosce la paternità di due gemelli, nati da maternità surrogata, al marito del padre biologico
2 marzo 2017
La creazione della ‘stepchild adoption’ tra evoluzione normativa e interpretazioni giurisprudenziali
di Valeria Montaruli
L’interpretazione giurisprudenziale ampiamente condivisa e da ultimo consacrata anche dalla Corte di cassazione, che la fa restituire nella fattispecie di cui all’articolo 44 lett. d) della legge n. 184/1983, induce a ritenere che scenari evolutivi possano estendersi anche a tutela dei figli adottivi nell’ambito di un’unione tra persone dello stesso sesso
11 luglio 2016
Stepchild adoption, via libera della Cassazione (LA SENTENZA)
Pubblichiamo la sentenza n.12962/16 che ha confermato la decisione della Corte d'appello di Roma in materia di adozioni tra partner dello stesso sesso
22 giugno 2016
Convivenze e unioni civili: una prima lettura della nuova legge
di Geremia Casaburi
Per opinione unanime si tratta della più radicale riforma del diritto di famiglia italiano dalla novella del 1975, ma a un esame strettamente giuridico emergono due criticità sicuramente connesse alle tormentate vicende parlamentari, ma anche al carattere "eticamente sensibile" degli istituti di nuova introduzione
17 maggio 2016