home search menu
"Io dico no"
Magistratura e società
"Io dico no"
di Rita Sanlorenzo
Sostituto Procuratore generale presso la corte di Cassazione
Recensione al volume del Gruppo Abele che raccoglie i saggi di A. Algostino, L. Ciotti, T. Montanari e L. Pepino. Il referendum di conferma della riforma costituzionale, e quello per l’abrogazione del sistema elettorale noto come Italicum, involgono una scelta di fondo, a proposito del modello di democrazia che si vuole per il nostro Paese. Gli autori offrono i loro contributi critici, a sostegno della scelta per il NO, come esercizio di sovranità consapevole, gesto di resistenza contro l’autoritarismo e l’attacco ai diritti di tutti
"Io dico no"
La copertina del libro (Gruppo Abele)

Enuncia sin dal titolo la sua scelta questo essenziale libriccino scritto a otto mani, che vuole supportare il rifiuto alla riforma della Costituzione e del sistema elettorale non solo di robuste ragioni tecniche, ma più nel profondo, di un severo dissenso rispetto al modello di democrazia che è destinato ad esserne il frutto.

Prima di ogni illustrazione dei tanti argomenti che nel merito portano a dire NO, si sente forte negli Autori la comune ribellione alla retorica dominante che immedesima nel dissenso – a prescindere dalle sue ragioni – una espressione di “conservatorismo un po’ ottuso di chi ha paura del cambiamento”.

Difficile riuscire ad aprire una discussione su temi così profondi, quando dall’altra parte si predica a suon di slogan la bandiera del cambiamento, all’insegna dell’efficienza e della modernità.

La partita intrapresa si gioca anche sfidando la curiosità dei cittadini ad andare a vedere che cosa c’è dietro al mantra consolatorio delle riforme che salveranno il Paese: e dire NO è anche, e prima di tutto, il rifiuto alle scorciatoie della propaganda e del conformismo.

Quando poi si passa ad esaminare nel dettaglio la portata della riforma della Costituzione, da leggere sempre in parallelo con l’approvazione del nuovo sistema elettorale ora noto come Italicum (l. n.52/2015), ci si chiede se possa essere ritenuta compatibile con il procedimento di revisione costituzionale disciplinato dall’art. 138 Cost., una riforma della Carta che nasca da un’iniziativa non del Parlamento, ma del Governo. Se sul testo proposto possano essere usati strumenti (“canguri” o “tagliole” che dir si voglia) che puntano a soffocare ogni discussione e a escludere gli emendamenti proposti. Se alla revisione della Costituzione possano procedere Camere delegittimate a seguito della ritenuta illegittimità costituzionale della legge elettorale, il famigerato porcellum, con la quale sono state elette. Se infine, il referendum costituzionale che già si prepara possa essere utilizzato in chiave plebiscitaria, venendo chiamati i cittadini ad esprimersi non sul “pacchetto” che innova oltre un terzo della Costituzione, ma piuttosto sull’operato del Governo, e del suo premier.

Nel merito, è fuor di dubbio che la riforma della Costituzione punta ad un rafforzamento dell’Esecutivo con il parallelo indebolimento dei contrappesi: a partire da quel Senato che, invece di essere abolito nell’ottica del monocameralismo, sarà composto da consiglieri regionali e di sindaci, eletti dunque per funzioni affatto diverse, a cui verranno affidate funzioni disomogenee, che spaziano dalla compartecipazione alla funzione legislativa (in alcune residuali ipotesi di complessa definizione, che sicuramente apriranno la strada ad un destabilizzante contenzioso) sino alla inedita valutazione dell’attività delle pubbliche amministrazioni ed alla verifica dell’attuazione di leggi dello Stato. Scompare ogni attribuzione in materia di controllo dell’operato del Governo, primo fra tutti il voto di fiducia.

Dove poi il disegno complessivo svela tutta la sua pericolosità, è nella micidiale combinazione con la riforma del sistema elettorale (peraltro già portata all’esame dei Giudici costituzionali), dove paradossalmente sono ingigantiti quei caratteri di antidemocraticità per cui la Corte costituzionale ha già bollato il porcellum, dal momento che la previsione di un premio di maggioranza produce “eccessiva divaricazione tra la composizione dell’organo della rappresentanza politica (…) e la volontà dei cittadini espressa attraverso il voto”.

Né sono decisivi in senso positivo i tanti luoghi comuni alzati a fuoco di sbarramento contro le voci contrarie: a partire da quello della tanto auspicata riduzione dei costi della politica, dal momento che il risparmio ottenuto dalla diminuzione dei membri del Senato sarà ben esiguo, in mancanza di un taglio più generale – ottenibile con legge ordinaria – dei compensi per tutte le cariche elettive. E soprattutto, di fronte all’enfasi che sottolinea l’obbiettivo di una maggiore governabilità, gli Autori ci ricordano che la stabilità si ottiene con l’adozione di programmi chiari su cui richiedere il consenso dell’elettorato, e su cui poi impostare l’azione governativa, e non con la formazione di “partiti contenitore” a vocazione maggioritaria che portano fatalmente frammentazione ed instabilità (e frequente ricorso al trasformismo, come insegna la più recente storia parlamentare).

Infine, la riflessione si completa, seppure nella sintesi che richiede lo scopo divulgativo, con la considerazione secondo cui, in fondo, tutto torna: la realizzazione di una democrazia di investitura completa il disegno di abbandono di quel modello democratico rappresentativo e partecipativo che usciva dalla chiara architettura della Costituzione del 1948. Ma i tempi sono cambiati: e l’ispirazione del nuovo non si trova certo nell’esperienza della Resistenza al fascismo, ma piuttosto nei documenti della grande banca d’affari J.P. Morgan, dove ci si duole che le Costituzioni nate dalla caduta del fascismo comportino sistemi caratterizzati da “governi deboli; stati centrali deboli rispetto alle regioni; tutela costituzionale dei diritti dei lavoratori; …e il diritto di protestare se cambiamenti sgraditi arrivano a turbare lo status quo”.

“Dire NO” diventa allora un esercizio di sovranità consapevole, un gesto orgoglioso di resistenza contro l’autoritarismo e l’attacco ai diritti di tutti. Senza questa consapevolezza, non si comprende fino in fondo la partita che si è aperta. 

 

19 maggio 2016
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Il romanzo popolare della Costituzione e dei cittadini nell'Italia repubblicana
Il romanzo popolare della Costituzione e dei cittadini nell'Italia repubblicana
di Giovanni Palombarini
Nel volume edito da Castelvecchi, Giuseppe Cotturri riprende la riflessione sulla legge fondamentale, registrando come, pur nella confusione della comunicazione pubblica che ha allontanato tanti dalla politica e dalla democrazia, «una cultura politica diversa avanza sulle gambe di quel che si chiama cittadinanza attiva»
25 maggio 2019
Parole in libertà, parole e libertà: la carica deontica dei diritti e i limiti istituzionali alla tolleranzaCommento a Tar Piemonte n. 447/2019
Parole in libertà, parole e libertà: la carica deontica dei diritti e i limiti istituzionali alla tolleranza
Commento a Tar Piemonte n. 447/2019
di Ilario Nasso
Il giudice amministrativo trova occasione per ribadire che «i valori dell’antifascismo e della Resistenza e il ripudio dell’ideologia autoritaria propria del ventennio fascista sono valori fondanti la Costituzione repubblicana del 1948»: sì che l’adesione a quest’ultima risulta svuotata di contenuti e di valenza sostanziale e simbolica se accompagnata dal rifiuto di quei valori che alla Costituzione hanno dato origine e che sono ad essa sottesi
3 maggio 2019
Promulgata la nuova legge sulla difesa… non sempre legittima
Promulgata la nuova legge sulla difesa… non sempre legittima
di Riccardo De Vito
La promulgazione della legge contenente la nuova disciplina della legittima difesa è accompagnata da una motivazione che fissa il perimetro di costituzionalità delle norme e disinnesca i miti della propaganda
28 aprile 2019
Accordi in forma (semi)semplificata, istanze di accesso civico e vulnus alla Costituzione
Accordi in forma (semi)semplificata, istanze di accesso civico e vulnus alla Costituzione
di Elisa Olivito
Il caso dell’accordo Italia-Niger dimostra come l’accesso civico si stia rivelando uno strumento utile e necessario per garantire la trasparenza ed il controllo democratico sulla politica estera del Governo in materia di immigrazione e asilo, stante la mancanza di strumenti e di volontà del Parlamento di salvaguardare le proprie prerogative come previsto dall’art. 80 Cost.
5 febbraio 2019
A proposito della nuova normativa in materia di migrazioni: le incostituzionalità non discusse
A proposito della nuova normativa in materia di migrazioni: le incostituzionalità non discusse
di Gaetano Azzariti
Tra la Costituzione e la nuova normativa in materia di immigrazione si registra uno iato sotto vari profili
18 gennaio 2019
Note minime sulla giustizia secondo Dio (secondo i Vangeli) e sulla giustizia secondo gli uomini (alla luce della Costituzione)
Note minime sulla giustizia secondo Dio (secondo i Vangeli) e sulla giustizia secondo gli uomini (alla luce della Costituzione)
di Andrea Proto Pisani
Riflessioni su Vangelo e Costituzione, realizzazione della giustizia sociale e mera risoluzione di conflitti
20 dicembre 2018
Con la Costituzione nel cuore
Con la Costituzione nel cuore
di Paola Perrone
Non una biografia ma la ricostruzione di una vita fuori dalla norma, vissuta in nome dell'antifascimo, della Resistenza e della Costituzione. La recensione al libro-intervista di Carlo Smuraglia con Francesco Campobello (Edizioni Gruppo Abele, 2018)
1 dicembre 2018
Costituzione e “trattamenti” penitenziari differenziati *
di Davide Galliani
Una riflessione originale e radicale sul 41-bis, sui trattamenti differenziati, sui loro presupposti e sui “decisori” effettivi, con la Costituzione antropocentrica a fare da bussola
7 novembre 2018
Quando il giudice deve “fare da sé” *
di Marco Ruotolo
Dove si colloca il confine tra interpretazione conforme alla Costituzione e disapplicazione della disposizione del testo normativo? Fino a che punto deve giungere lo sforzo interpretativo adeguatore del giudice remittente? Il saggio offre risposte a queste domande, unisce riflessioni teoriche e incursioni giurisprudenziali, attraversa il punto di vista della Corte costituzionale e quello dei giudici ordinari e, non da ultimo, mette in guardia da atteggiamenti supini e deresponsabilizzanti: interpretare, nel segno della Costituzione, non è, infatti, compito esclusivo della Corte costituzionale. In coda al brano, uno strumento prezioso: un breve manuale pratico per il giudice remittente
22 ottobre 2018
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
L’etica costituzionale come antidoto al conflitto tra legge e giustizia e alla disgregazione sociale
di Donatella Stasio
Piero Calamandrei spiegava che nei “grandi trapassi storici” il dissidio tra legge e giustizia si scarica sulla seconda e sulla motivazione dei suoi provvedimenti, con effetti negativi sulla fiducia dei cittadini. Anche oggi si profila un’analoga “crisi della giustizia” ma, come osserva Elvio Fassone, è l’etica costituzionale, ed il suo riconoscimento, che consente di ricomporre legge e giustizia
9 ottobre 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2019
Famiglie e Individui. Il singolo nel nucleo

Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza: idee e istituti
Magistratura e società
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
La grande vergogna. L’Italia delle leggi razziali, un libro completo e documentato
di Paola Perrone
Un volume importante quello di Carlo Brusco (Edizioni Gruppo Abele), bello soprattutto perché alimenta quel senso di responsabilità negli italiani che fa riconoscere oggi come proprie le storiche colpe dell’antisemitismo del periodo fascista
27 luglio 2019
Argonautiche della memoria – se le domande inattese salvano la storiografia. Christoph U. Schminck-Gustavus racconta
Argonautiche della memoria – se le domande inattese salvano la storiografia. Christoph U. Schminck-Gustavus racconta
di Mosè Carrara Sutour
Se la ricerca, il recupero o l'assunzione di una coscienza storica richiedono sempre uno sforzo di prospettiva, l'incontro-racconto con l'intellettuale tedesco conduce all'incontro tra il diritto e la storia taciuta, in un tempo ritrovato – anche fisicamente – in cui i “vinti” entrano a pieno titolo nella storiografia
26 luglio 2019
In ricordo di Francesco Saverio Borrelli
In ricordo di Francesco Saverio Borrelli
di Gherardo Colombo
Essere completamente indipendente dal potere politico, non assecondarlo, non subirlo e non adeguarvisi. È anche per questo che si è potuto indagare sulla corruzione e scoprirne il sistema. Perché c’era Saverio Borrelli
22 luglio 2019
Almarina: due donne, Nisida, un futuro possibile per entrambe
Almarina: due donne, Nisida, un futuro possibile per entrambe
di Ennio Tomaselli
La recensione all'ultimo romanzo di Valeria Parrella (Einaudi), pagine utili per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi come il carcere minorile, questioni che altrimenti rischiano di restare confinate nell’ambito degli addetti ai lavori
20 luglio 2019
Lo scandalo romano: un bubbone maligno scoppiato in un organismo già infiacchito da mali risalenti
Lo scandalo romano: un bubbone maligno scoppiato in un organismo già infiacchito da mali risalenti
di Nello Rossi
«Famiglie e individui. Il singolo nel nucleo» e «Il codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza». Questi gli obiettivi del nuovo numero trimestrale di Questione Giustizia
18 luglio 2019
La magistratura resistente *
di Paolo Borgna
Prima dell'8 settembre del 1943, durante il Ventennio fascista, molti magistrati sentivano l’iscrizione al Pnf come un’umiliazione, che non li obbligava a comportamenti contrari alla loro coscienza. Per loro, l’opposizione al fascismo fu uno stato d’animo pre-politico, un’opposizione culturale, un “antifascismo di stile”
11 luglio 2019