home search menu
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
Prassi e orientamenti
Intervento di “pronto soccorso” per un processo (...un po’ più…) civile*
di Sergio Paparo, Michele Monnini, Andrea Proto Pisani e Maria Silvia Zampetti (a cura)

La proposta di articolato normativo qui pubblicata è il frutto delle riflessioni di un gruppo di lavoro[1] che si è confrontato sulla possibilità di dare una risposta di “pronto soccorso” alla spaventosa crisi del giudizio di cognizione di primo grado, nella condivisa valutazione della assoluta inadeguatezza delle soluzioni proposte dal disegno di legge AS 2284 (Delega al Governo recante disposizioni per l’efficienza del processo civile) attualmente all’esame del Senato[2], incentrate, sostanzialmente, sulla sommarizzazione del processo[3].

La comune valutazione che le principali cause di endemica sofferenza del processo civile sono da individuarsi, principalmente, nel sovraccarico dei ruoli di primo grado e nelle carenze strutturali in cui i giudici sono costretti ad operare (anche a causa della mancata realizzazione di un efficiente “ufficio per il processo”[4]) ha orientato la riflessione sull’opportunità di suggerire alcuni interventi che, senza alcuno stravolgimento dell’attuale impianto del codice di rito, potrebbero rendere più efficiente, e soprattutto effettivo, lo svolgimento del processo, valorizzando anche il ruolo del difensore nella fase precontenziosa ed in quella di formazione del thema decidendum e probandum del successivo, eventuale, giudizio.

Vanno lette in questa prospettiva le soluzioni suggerite nel documento.

*Lavoro destinato a Il Foro Italiano e pubblicato su gentile autorizzazione del professor Andrea Proto Pisani

 


[1] Il gruppo è composto da: avv. Giampiero Cassi, avv. Michele Monnini, avv. Sergio Paparo, avv. Cosimo Papini, prof. avv. Andrea Proto Pisani, avv. Antonio Riga, prof. avv. Giuliano Scarselli, avv. Francesco Singlitico, avv. Maria Silvia Zampetti

[2] Il testo in discussione è quello approvato dalla Camera dei deputati il 10 marzo 2016 con il AC 2953 che ha significativamente modificato l’originario disegno di legge, presentato dal Governo per iniziativa del Ministro della giustizia, predisposto sulla base del lavoro della commissione ministeriale presieduta dall’allora Presidente della Terza sezione civile della Corte di cassazione, dott. Giuseppe Berruti.

[3] Nel disegno di legge si prevede l’estensione generalizzata del processo sommario di cognizione di cui all’art. 702 bis cpc.

14 giugno 2017
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Newsletter


Fascicolo 3/2017
A cosa serve la Corte di cassazione?
Le banche, poteri forti e diritti deboli
Prassi e orientamenti
La tenuta dei registri informatici e i risvolti sulla statistica del lavoro dei magistrati, tra bonifica dei dati e insufficienza delle griglie ministeriali*
La tenuta dei registri informatici e i risvolti sulla statistica del lavoro dei magistrati, tra bonifica dei dati e insufficienza delle griglie ministeriali*
di Marco Bisogni
L’autore individua le principali criticità delle “griglie” ministeriali e degli applicativi utilizzati per la formazione delle statistiche in ambito giudiziario. Propone, inoltre − dopo aver constatato che gli attuali sistemi sono orientati ad una rilevazione statistica di tipo meramente quantitativo (per lo più ancorata alla dicotomia sopravvenuti/esauriti) con le conseguenti inevitabili ricadute sull’impostazione del lavoro da parte del singolo magistrato (dirigente e non dirigente) − l’adozione di un diverso “paniere” statistico orientato anche alla rilevazione della qualità del lavoro svolto
20 novembre 2017
Sulla legittimazione ad agire per le discriminazioni collettive afferenti al fattore della nazionalità*
Sulla legittimazione ad agire per le discriminazioni collettive afferenti al fattore della nazionalità*
di Roberto Riverso
La questione processuale in esame – indispensabile ai fini della tutela effettiva del diritto – non è suscettibile di essere risolta sulla base di una semplice interpretazione letterale di un’unica disposizione sostanziale (l’art. 3 del d.lgs n. 215/2003) di provenienza comunitaria, dettata dall’intento di riservare ai singoli Stati la regolazione della materia dell’immigrazione; e che pertanto non interferisce con le regole processuali vigenti negli Stati membri. Si tratta invece di una questione articolata di cui il giudice deve farsi carico raccordando varie norme e principi (comunitari e costituzionali), senza parcellizzazioni, valorizzando l’interpretazione complessiva e l’intenzione dello stesso legislatore, il quale mostra in più sedi di considerare unitariamente i fattori di discriminazione, anche sotto il profilo della loro tutela processuale
2 novembre 2017
Il processo telematico e la lezione del Gattopardo
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? 
Istruzioni per l’uso
La Cassazione si cimenta sulla firma digitale: solo CAdES o anche PAdES? Istruzioni per l’uso
di Gianmarco Marinai
Commento all’ordinanza n. 20672/2017 di rimessione alle Sezioni unite della questione concernente gli effetti della violazione delle disposizioni tecniche specifiche sulla forma degli “atti del processo in forma di documento informatico”
19 ottobre 2017
L’affidamento del minore e la continuità affettiva: rivisitazione dell’<i>adozione mite</i> e nuove prospettive in tema di adozione
L’affidamento del minore e la continuità affettiva: rivisitazione dell’adozione mite e nuove prospettive in tema di adozione
di Valeria Montaruli
Pubblichiamo la relazione in tema di affidamento del minore tenuta a Catania il 13 giugno 2017
6 ottobre 2017
L’arte di respingere le domande tra serio e faceto