home search menu
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
Giurisprudenza e documenti
Condannati inadempienti ed estinzione del reato. Nota a Cassazione, sez. I penale, n. 10235/2018
di Federico Bardelle
avvocato del Foro di Rovigo
assistente di diritto processuale penale presso il Dipartimento di giurisprudenza dell'Università di Ferrara
Il condannato con decreto penale, il quale non paghi la sanzione pecuniaria, può beneficiare comunque dell'effetto estintivo di cui all’art. 460, comma cinque, cpp, se l'organo esecutivo competente non ha attivato l'esecuzione della pena inflitta

Nella pronuncia in commento la suprema Corte va affermando un principio in diritto che non consta di precedenti in termini: «L’effetto estintivo di cui all’art. 460, comma 5, cpp. non è condizionato dalla mancata esecuzione della pena inflitta con il decreto penale di condanna».

La vicenda prende l’abbrivio da un incidente di esecuzione promosso da XY avverso un decreto penale di condanna del gip presso il Tribunale di Ferrara, divenuto definitivo il 16 dicembre 2011, con cui egli era stato condannato, siccome responsabile del reato di cui all’art. 646 cp, alla pena principale della multa di € 5.500,00; l’incidente di esecuzione era volto ad ottenere, ai sensi del combinato disposto degli artt. 460, comma 5, e 676, comma 1, cpp, l’estinzione del reato e di ogni effetto penale del decreto penale di condanna.

Il giudice per le indagini preliminari in funzione di giudice dell’esecuzione respingeva la richiesta, perché né dal certificato del casellario né dall’istanza risultava corrisposta la pena di € 5.500,00 di multa inflitta con il decreto penale, l’ufficio recupero crediti del Tribunale aveva comunicato che dall’esame degli atti la partita risultava ancora aperta e, quindi, veniva meno l’effetto estintivo ex art. 136 disp. att. cpp, essendosi il condannato sottratto volontariamente all’esecuzione della pena.

XY proponeva opposizione ex artt. 676 e 667 cpp avanti il gip presso il Tribunale di Ferrara, competente in quanto «avverso il provvedimento del giudice dell’esecuzione, sia che abbia deciso de plano ai sensi dell’art. 667 cpp, comma 4, sia che abbia proceduto irritualmente ex art. 666 cpp, è data solo la facoltà all’interessato di proporre opposizione davanti allo stesso giudice dell’esecuzione» (Cass. 775/2007, Cass. 8124/2002; Cass. 1182/1995); nell’opposizione veniva evidenziato che il richiamo all’art. 136 disp. att. cpp risultava del tutto inconferente.

Fissata l’udienza in camera di consiglio, il giudice per le indagini preliminari in funzione di giudice dell’esecuzione respingeva l’opposizione. Secondo il giudicante nel caso di specie si verteva di una pena pecuniaria di € 5.500,00 di multa inflitta con decreto penale di condanna, in relazione alla quale non ricorrevano le cause di estinzione di cui agi artt. 171 ss. cp; il sistema di estinzione di cui all’art. 460, comma 5, cpp presuppone l’avvenuto pagamento della pena inflitta, perché, in difetto, si verrebbe a dichiarare estinta una pena per cui è ancora attuale la pretesa punitiva dello Stato, in un termine diverso e di molto inferiore a quello previsto dall’art. 172 cp; con la conseguenza che la mancata esecuzione della pena inflitta fa sì che non possa dichiararsi l’estinzione del reato, in difetto di altre cause estintive di cui agli artt. 171 e ss. cp.

XY ricorreva in Cassazione, lamentando la violazione dell’art. 606, comma 1, lett. b), cpp per inosservanza o erronea applicazione degli artt. 460 cpp, 136 disp. att. cpp e 14 Preleggi, e chiedendo, in principalità, l’annullamento senza rinvio dell’ordinanza impugnata ai sensi dell’art. 620, comma 1, lett. l), cpp e la declaratoria di estinzione del reato e di ogni effetto penale di cui al decreto penale di condanna ai sensi dell’art. 621, comma 1, cpp ovvero, in subordine, l’annullamento con rinvio dell’ordinanza impugnata ex art. 623 cpp.

La Corte di cassazione, su conclusioni conformi del Procuratore generale, accoglieva il ricorso, sul rilievo che la norma di cui all’art. 460, comma 5, cpp non condiziona l’effetto estintivo del reato all’esecuzione della pena, che, nel caso in esame, non era stata attivata dall’organo esecutivo competente; conseguentemente affermava il principio in diritto in virtù del quale «l’effetto estintivo di cui all’art. 460, comma 5, cpp non è condizionato dalla mancata esecuzione della pena inflitta con il decreto penale di condanna».

Lo snodo dell’apparato motivazione della pronuncia della suprema Corte passa attraverso la corretta esegesi dell’art 136 disp. att. cpp.

La citata disposizione, infatti, prevede che «l’effetto estintivo previsto dall’art. 445 comma 2 del codice non si produce se la persona nei cui confronti la pena è stata applicata si sottrae volontariamente alla sua esecuzione».

Tale norma, quindi, circoscrive i limiti all’effetto estintivo all’ipotesi di applicazione della pena su richiesta delle parti, senza alcun riferimento, né espresso né implicito, al decreto penale di condanna.

Ubi lex voluit dixit, ubi noluit tacuit. Né è ammissibile un’esegesi che estenda l’applicazione dell’art. 136 disp. att. cpp al decreto penale di condanna, in quanto si traduce in un’interpretazione analogica in malam partem in violazione dell’art. 14 Preleggi. L’art. 460, comma 5, cpp, infatti, ha natura sostanziale, in quanto incide sulla stessa esistenza del reato, determinandone l’estinzione; tanto che tale disposizione è stata applicata anche ai decreti penali di condanna divenuti esecutivi prima dell’entrata in vigore della cd. Legge Carotti in forza del principio del favor rei di cui all’art. 2, comma 3, cp, in materia di successione di leggi penali (sostanziali) nel tempo, anziché del principio del tempus regit actum in tema di successione della legge processuale nel tempo.

Anche la Consulta, con l’ordinanza n. 407/2007, aveva dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale degli artt. 460, comma 5, cpp e 136 disp. att. cpp, che pretendeva di estendere al rito monitorio il limite all’effetto estintivo di cui all’ art. 136 disp. att. cpp, previsto esclusivamente per il patteggiamento.

Anche a ritenere applicabile la norma da ultimo citata al decreto penale di condanna, la preclusione all’effetto estintivo ricorrerebbe solo laddove vi fosse «una determinazione volontaria di sottrazione agli effetti della condanna passata in giudicato, rintracciabile soltanto in caso di evasione, oppure di omesso pagamento della sanzione pecuniaria (Sez. 1, 24 ottobre 2013, Milan, Rv. 257621)»; la volontaria sottrazione all’esecuzione della pena, invero, prevede e presuppone che gli organi deputati a darvi esecuzione si siano attivati.

Nell’ordinanza cassata il gip presso il Tribunale di Ferrara, per escludere l’effetto estintivo nel caso di mancata esecuzione della pena, aveva valorizzato il regime della prescrizione, a tal fine richiamando l’art. 172 cp e sostenendo che l’eventuale riconoscimento dell’estinzione del reato, nonostante la mancata esecuzione della pena, comporterebbe il verificarsi dell’estinzione di quest’ultima nel decorso di un termine (nella specie, cinque anni) assai inferiore rispetto a quello stabilito dall’art. 172 cp (dieci anni).

Come sostenuto dal ricorrente, invece, la suprema Corte confermava che il richiamo all’art. 172 cp non era pertinente nel caso di specie.

La citata disposizione, infatti, tratta dell’estinzione della pena conseguente alla sua prescrizione per decorso del tempo. Nel caso de quo, invece, a venire in rilievo era l’art. 460, comma 5, cpp, che dal decorso del tempo – unitamente alla non commissione di delitti o di contravvenzioni della stessa indole – fa derivare l’estinzione del reato e di ogni altro effetto penale.

Secondo la Corte di cassazione trattasi di «concorso di cause estintive della pena inflitta, – in un caso, per il semplice decorso del tempo (art. 172 cp), nell’altro, come conseguenza dell’estinzione, dopo il giudicato, del reato (art. 460 comma 5, cpc) – che l’art. 183 cp disciplina dando prevalenza alla causa di estinzione del reato rispetto alla causa di estinzione della pena, ovvero, nel caso di cause di estinzione della medesima natura, secondo il criterio della priorità (vedi Sez. Un. 15 luglio 2010, Bracco, Rv. 247940; Sez. 1, 16 febbraio 2010, Infantino, Rv. 246508, Sez. Un. 24 settembre 2009, Martinenghi, Rv. 245162)».

Tramite detto ragionamento la suprema Corte giunge ad affermare che «l’effetto estintivo di cui all’art. 460, comma 5, cpp non è condizionato dalla mancata esecuzione della pena inflitta con il decreto penale di condanna».

5 giugno 2018
Se ti piace questo articolo e trovi interessante la nostra rivista, iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti sulle nuove pubblicazioni.
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
Se telefonando...
Se telefonando...
di Giuseppe Cascini, Elisabetta Cesqui, Valerio Spigarelli
Dialogo a più voci sulla riforma delle intercettazioni
7 maggio 2018
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
Una lezione (attuale) di Gramsci sugli affari penali semplici
di Giuseppe Battarino
Turno affari di pronta definizione, turno reati di “fascia B” e, addirittura, turno reati di “fascia C”. I disegni organizzativi dei nostri tribunali e delle nostre procure – al lodevole scopo di far funzionare l’elefantiaca macchina della giustizia – escogitano congegni sempre più efficientisti, che tendono all’obiettivo della ragionevole durata del processo. Ma che rischiano di sottovalutare in modo grave la irripetibilità della vicenda di ciascun imputato e di ciascuna vittima. E, allora, occorre chiedersi con l’Autore – e con un osservatore d’altri tempi – se davvero questa sia la ragionevole durata di un processo; e – più gravemente – se davvero questa sia giurisdizione.
27 aprile 2018
La Corte costituzionale, nel silenzio del legislatore delegato e nel contrasto tra i giudici di legittimità, apre a più ampi limiti alla sospensione dell’esecuzione della pena detentiva
La Corte costituzionale, nel silenzio del legislatore delegato e nel contrasto tra i giudici di legittimità, apre a più ampi limiti alla sospensione dell’esecuzione della pena detentiva
di Antonio Gialanella
Osservazioni in merito agli effetti sugli ordini di carcerazione emessi nei confronti di condannati a pena detentiva superiore a 3 anni e non superiore a 4 anni a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 41, depositata in data 2.3.2018, che ha dichiarato incostituzionale il quinto comma dell’articolo 656 del codice di procedura penale, «nella parte in cui si prevede che il pubblico ministero sospende l’esecuzione della pena detentiva, anche se costituente residuo di maggiore pena, non superiore a tre anni anziché a quattro anni»
19 marzo 2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
La protezione umanitaria per motivi di integrazione sociale. Prime riflessioni a margine della sentenza della Corte di cassazione n. 4455/2018
di Chiara Favilli
La Cassazione eleva l’integrazione sociale a motivo rilevante per la determinazione della vulnerabilità individuale e di riconoscimento della protezione umanitaria. Motivo autonomo, ma non indipendente dalla condizione di origine del richiedente, che implica l’accertamento del fatto che egli nel suo Paese corra il rischio di veder sacrificati i propri diritti fondamentali anche per ragioni diverse da quelle per cui opera la protezione internazionale con lo status di rifugiato e con la protezione sussidiaria. Ma al giudice del merito spetta il compito di verificare se tale rischio di pregiudizio sia attuale. E tale gravosa funzione si può e si deve giovare dell’obbligo di cooperazione istruttoria e del beneficio del dubbio.
14 marzo 2018
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
Il seguito in Cassazione della pronuncia della Corte costituzionale n. 269 del 2017: prove pratiche di applicazione
di Diletta Tega
Di fronte al problema di doppia pregiudizialità rappresentato dalla violazione tanto della Costituzione (e di fonti internazionali, come la Cedu, che operano attraverso la mediazione dell’art. 117, primo comma, Cost.), quanto della Cdfue, l’ordinanza in commento della Corte di cassazione, seguendo l’impostazione della sentenza costituzionale n. 269/17, solleva una articolata questione di legittimità costituzionale, nella quale operano come parametri (interposti) anche le norme della Cdfue, pure quando esse, secondo la Suprema corte, avrebbero efficacia diretta. È espressamente lasciata alla Corte costituzionale la valutazione se rivolgersi con un rinvio pregiudiziale di interpretazione alla Corte di giustizia: alle prese con dubbi di compatibilità della normativa italiana con la Cdfue, la Cassazione avrebbe voluto – e dovuto, in base all’art. 267 Tfue – far rinvio pregiudiziale alla Corte di Lussemburgo; ma consapevole di quanto affermato dalla Corte costituzionale, ha deciso di rivolgersi, in prima battuta, a Palazzo della Consulta.
12 marzo 2018
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
Riforma Orlando: primo caso di applicazione retroattiva del nuovo art. 442, secondo comma, cpp
di Federico Piccichè
Nota a Cass. Pen., Sez. 4, Sent. 15 dicembre 2017 (dep. 11 gennaio 2018), n. 832, Pres. Di Salvo, Rel. Picardi
20 febbraio 2018
Violenza di genere e protezione internazionale. Note a margine di un recente orientamento della Corte di cassazione
Violenza di genere e protezione internazionale. Note a margine di un recente orientamento della Corte di cassazione
di Diana Genovese
Già nel 2002 l’Unhcr (Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati) aveva evidenziato come storicamente la definizione di “rifugiato” fosse legata ad un quadro di esperienze tipicamente maschili, trascurando la particolare condizione in cui si trovano le donne in alcune zone di provenienza.
5 febbraio 2018
Nuovo concordato in appello nel rito accusatorio
Nuovo concordato in appello nel rito accusatorio
di Antonio Gialanella
Una riflessione sui principi ispiratori dei nuovi «criteri idonei a orientare la valutazione dei magistrati del pubblico ministero nell’udienza», ulteriormente dettati, ai sensi dell’art. 599 bis, comma 4, cpp, intitolato «Concordato anche con rinuncia ai motivi di appello», dall’Ufficio di Procura generale presso la Corte di appello di Napoli.
30 gennaio 2018
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
La tentazione riduzionista dell'accesso alla Cassazione e il vizio di motivazione
di Raffaello Magi
Una riflessione sulle proposte “riduzionistiche” del ricorso alla suprema Corte in materia penale
17 gennaio 2018
Newsletter


Fascicolo 2/2018
L’ospite straniero.
La protezione internazionale
nel sistema multilivello di tutela
dei diritti fondamentali
Giurisprudenza e documenti
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
La confusione dei crediti erariali dopo la confisca di prevenzione
di Luigi Petrucci
La risoluzione n. 114/E emanata dall’Agenzia delle entrate il 31 agosto 2017 detta l’interpretazione dell’art. 50, comma 2, d.lgs n. 159/2011 in tema di confusione dei crediti erariali alla quale si dovranno attenere gli uffici finanziari. Pur essendo un atto formalmente volto all’interpretazione della normativa vigente, il modo innovativo in cui affronta molte delle questioni che si erano poste nella prassi e nei commenti dottrinali lo rende un atto sostanzialmente innovativo dell’ordinamento, destinato ad incidere in modo profondo nell’amministrazione dei beni in sequestro e nella fase di verifica e pagamento dei crediti sorti ante e post sequestro. L’articolo si propone di illustrare le novità in materia e le ricadute sugli adempimenti fiscali dell’amministratore giudiziario in continuità con un precedente intervento dell'Autore su questa Rivista*
15 giugno 2018
Quale sanzione per il licenziamento tardivo?
Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
Quale sanzione per il licenziamento tardivo? Commento alla sentenza della Cassazione n. 30985/2017 (Sez. Unite)
di Anna Terzi
Attraverso l’esercizio del potere disciplinare il datore di lavoro può imporre l’esatto adempimento della prestazione, colpendo con la sanzione la condotta non conforme. Il trascorrere del tempo senza contestazioni è invece significativo di una valutazione datoriale di fiducia sull’esatto adempimento della prestazione per il futuro, senza necessità di un intervento sanzionatorio. Il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, massima sanzione disciplinare, presuppone un inadempimento talmente grave da far venire meno l’elemento fiduciario. Non vi può essere compatibilità tra l’assenza di contestazioni protratta per lungo tempo in ordine alla condotta pienamente conosciuta che si assume inadempiente e l’interesse del datore di lavoro a sanzionarla, e tanto meno tra l’assenza di contestazioni e l’elisione dell’elemento fiduciario del rapporto.
21 maggio 2018
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
La giurisprudenza del Tribunale di Roma dopo il revirement della Corte di cassazione sull’assegno divorzile
di Franca Mangano
Nell’ultimo anno i giudici della I Sezione civile del Tribunale di Roma si sono confrontati con la sentenza n. 11504/2017 valorizzando, per quanto possibile, gli aspetti di continuità con la precedente giurisprudenza, in vista di una interpretazione dell’istituto dell’assegno divorzile adeguata alla mutata fisionomia del matrimonio ma anche coerente con i principi di solidarietà garantiti dalla Costituzione, nell’auspicio che le Sezioni unite prestino attenzione allo sforzo ricostruttivo dei giudici di merito.
10 maggio 2018
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
La repressione penale del commercio dei prodotti contraffatti fra vendite in rete e venditori abusivi di strada: gli interessi protetti*
di Elisa Pazè
In materia di commercio di prodotti contraffatti si assiste ad un intreccio di fattispecie penali e ad una stratificazione di interpretazioni giurisprudenziali; l’esame degli intrecci e delle stratificazioni permette di constatare che i reali interessi oggetto della tutela penale sono sempre meno la fede pubblica o l’interesse del singolo consumatore o della generalità dei consumatori, e sempre più i diritti di proprietà intellettuale, alla cui tutela penale spesso si provvede con la contestazione di fattispecie incriminatrici che nacquero a presidio di altri beni giuridici. Il presente contributo è l’occasione per un’ulteriore riflessione su un tema che attraversa la quotidiana esperienza di molti operatori giudiziari e ci ricorda ancora una volta che l’attività di interpretazione delle norme non è mai un’attività neutra.
9 maggio 2018
La tutela delle vittime di tratta di fronte alla Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze
La tutela delle vittime di tratta di fronte alla Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze
di Diana Genovese
Una recente ordinanza della Sezione specializzata in materia di protezione internazionale di Firenze prende in considerazione il particolare intreccio tra il percorso della protezione internazionale e quello di assistenza e tutela delle vittime di tratta di esseri umani proponendo un approccio inedito al problema dell’emersione di indicatori di tratta durante l’audizione del richiedente la protezione internazionale in sede di ricorso giurisdizionale.
4 maggio 2018
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
Dissequestrata la nave Open Arms: soccorrere i migranti non è reato
di Marco Patarnello
Pur nella difficoltà di trovarsi al centro del Mediterraneo nel disinteresse molto interessato del resto d’Europa e nella preoccupazione di divenire la meta di ogni migrante, con la decisione del gip di Ragusa l’Italia si sforza di non interrompere il collegamento fra diritto e umanità.
19 aprile 2018